Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PERICOLO NELLA DIMORA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/4/11 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 17/4/11 23:05 - 6968 commenti

Bizzarro thriller francese poichè pur privo di ritmi sostenuti e di altri ingredienti tipici di genere, riesce ad intrigare ed interessare non poco lo spettatore, incuriosendolo circa gli sviluppi della storia. La tensione cresce quindi lentamente, raggiungendo alti livelli nell’ultima parte. Ottima la regia e bene il cast. Non un semplice film di genere, ma una pellicola con implicazioni (meta cinematografiche) decisamente più complesse. Non proprio per tutti, ma assolutamente meritevole della riscoperta.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 22/12/16 1:34 - 8008 commenti

Insegnante di chitarra assunto da una ricca famiglia si trova affascinato dalla figlia, sedotto dalla madre, stuzzicato da una vicina di casa impicciona. In questo carosello si inserisce un ambiguo killer professionista, magnificamente interpretato da Bohringer, che costituisce il bonus di questo sinuoso thriller dal ritmo anche troppo rilassato ma certo non privo di fascino, che si fa seguire con curiosità nei suoi sviluppi non prevedibili fino al beffardo finale, in cui gioca un ruolo importante anche Piccoli, fino ad allora defilato nel ruolo del marito tradito.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Buiomega71 20/8/12 0:39 - 2002 commenti

Raffinatissima regia di Deville, con elissi eleganti e bizzarre, inquadrature che rasentano l'arte pittorica e una fotografia avvolgente. Personaggi improbabili quanto sopra le righe (la "detective" finto zoppa di Anèmone, il killer di Bohringer), erotismo centellinato e ben reso e un sottofondo beffardo. L'aspetto thrilling e piuttosto banale, ma a Deville interessano le immagini, la musica classica, il lato oscuro dei suoi protagonisti. Inganni, raggiri e l'elemento tecnologico che anticipa Sesso, bugie e videotape. Forse un po' snob, ma con fascino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Garcia che confessa con telecamera in mano davanti allo specchio; Il faccia a faccia notturno tra un luciferino Piccoli e Malavoy; Anèmone zoppicante.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Nicola81 5/11/17 23:12 - 1660 commenti

Tensione vera e propria ne abbiamo soltanto nel finale e la storia, se vogliamo proprio dirla tutta, è anche piuttosto banale (siamo in presenza dell'ennesimo triangolo amoroso), ma il film nel suo complesso non lo è affatto: un mix fra thriller psicologico e commedia nera, caratterizzato da quell'impronta autoriale tipica di certo cinema transalpino e reso intrigante soprattutto dai personaggi e dai loro bizzarri comportamenti. Ottima la regia di Deville, convincenti gli attori con nota di merito per una Nicole Garcia mai così seducente.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)