Cerca per genere
Attori/registi più presenti

INNOCENCE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/4/11 DAL BENEMERITO GESTARSH99

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 20/4/13 9:33 - 7276 commenti

All’ombra delle fanciulle in bocciolo: la sottile e morbosa storia di Wedekind prende forma in un film che descrive la prigionia dorata delle bambine. I moti dell’animo delle piccole alle soglie della pubertà, la scansione di tempi e regole, il mistero mai svelato del congegno, la natura lussureggiante avvolgente insidiosa acquatica, sono esaltati da uno sguardo che osserva tutto con incanto e torbida fascinazione. La narrazione sussurrata ti fa penetrare a disagio in un mondo oscuro, lasciandoti sospeso come al risveglio da uno strano sogno.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Schramm 16/10/14 23:45 - 2288 commenti

Un conto è il fascino, altro l’emozione: e se alla Hadzihalilovic riesce facile farci soggiacere al primo a colpi di grafomania, meno capacità dimostra nel colpire anche al cuore, parca com’è di pathos la sua educazione fisica delle platee; eccessivamente attenta ad attanagliarci esteticamente, finisce col dimenticare di farci esperire commozione, trepidazione e turbamento del ratto nel giardino d'infanzia, quasi fosse un pic-nic ad Hanging Rock a doppia mandata fiabesca, ma ancor più concettuale, ermetico e diradato. Quanto a malia meriterebbe ***!, ma il cardio s'assesta a **. La media è **!.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 22/12/15 0:20 - 6968 commenti

Infanzia e prima adolescenza sono gabbie piene di comportamenti, riti e regole da rispettare fino a quando non si è pronte per spiccare il volo e... La metafora generale non potrebbe essere più chiara, mentre alcuni simboli e parti risultano più oscure. Ma forse è proprio questo il fascino di un film misterioso, tenebroso, perturbante che appaga pienamente dal punto di vista visivo grazie ad una regia elegante che non lascia nulla al caso. La sceneggiatura invece non scioglie tutti i nodi. Molto belli gli ultimi minuti, epilogo compreso. Da non perdere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 27/9/11 7:57 - 8008 commenti

In un educatorio all'interno di un grande parco cinto da alte mura, alcune bambine vengono educate all'arte della danza, fino al momento in cui, giunta la pubertà, dovranno affrontare il mondo esterno, di cui nulla sanno. Alcune tentano la fuga, altre vorrebbero restare per sempre con le compagne. Metafora al tempo stesso trasparente e criptica sul mistero della crescita, immersa in una atmosfera umbratile, vagamente morbosa, che pare sul punto di sfociare nell'orrore, ma poi si ritrae pudicamente, lasciandoci perplessi ed affascinati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene con l'acqua - immobile oppure zampillante, terrena o proveniente dal cielo - tomba (la bimba affogata) oppure promessa di vita (la fontana) .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 10/3/17 10:23 - 2073 commenti

C'è un momento in cui l'educazione fisica delle fanciulle si distacca, diverge irreversibilmente da quella dei ragazzi, per immetterle in un processo di strutturazione che le porterà ad essere donne, vale a dire non-uomini. Di questa metamorfosi obbligata il film di Lucile Hadzihalilovic è una metafora immersa in una natura incombente, panica, contraltare della disciplina – la prima è l'enumerazione, l'ordine – pronta a ricondurre all'origine quei corpi forgiati nella danza. L'incontro con l'uomo, nell'urbe, non potrà che essere quello con l'altro da sé.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 9/11/11 23:17 - 3101 commenti

L'infanzia, la sua innocenza, i suoi limiti invalicabili, in seguito la crescita, il superamento di tali limiti, la fine dell'innocenza e in mezzo coloro che tentano di superare tale siepe leopardiana prima del tempo, con le ovvie conseguenze. La suggestione permea tutto il film, ma il suddetto impianto allegorico se da una parte ne costituisce l'anima, dall'altra lo ingabbia e ne mette a nudo i meccanismi interni, rendendolo schematico e un po' prevedibile. Comunque originale e fascinoso, con un gruppo di piccole attrici molto ben dirette.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 8/12/13 0:45 - 3562 commenti

Attratto da una luminaria di voti non da poco mi tuffo nella visione di questo film francese ma, pur riconoscendone certe qualità, arrivo alla fine stanco e parzialmente deluso. Prima mezz'ora che procede con estrema circospezione e poi una storia che non approda ai lidi sperati spalmando la sua eleganza formale su quasi due ore. Il motivo per arrivare alla fine? L'atmosfera di mistero garbatamente proposta e l'ottima prova delle piccole protagoniste.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Pol 16/4/11 18:28 - 589 commenti

La prima cosa che salta all'occhio sono le molteplici anologie con le opere di David Lynch: immagini, suoni, ritmo... Il che dal mio punto di vista è un complimento, poi dipende da voi. Un ipnotico viaggio all'interno di un inquietante collegio per bambine, che rischia di cadere nel voyeurismo ma riesce a superare l'ostacolo grazie ad un certo rigore formale che fa vedere senza indugiare. Nota di merito per l'ottima fotografia e per il coinvolgente sound design.
I gusti di Pol (Comico - Gangster - Thriller)

Giùan 8/11/18 10:58 - 2617 commenti

La (con)turbante e anomala opera di Wedekind si dimostra per l'ennesima volta "traccia" narrativa intrigante e linfatica per il cinema contemporaneo. La Hadzihalilovic con sensibilità femminile e risoluto controllo registico costruisce un affascinante e allusiva sinfonia pastorale, dove la minaccia è di contraddittoria incombenza e suoni e rumori possiedono valenza enigmatica che le (poche) parole sottolineano. Tuttavia all'apologo avrebbe giovato forse maggior stringatezza e è indubbio che taluni passaggi rischino di risultar pedanti. Finale ok.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Buiomega71 13/12/14 1:02 - 2001 commenti

Suggestivo, a tratti incantevole (i lampadari appesi nel bosco), abbagliato dalla fotografia suspiriana di Benoit Debie, impreziosito da raffinati particolari (le lumache, la rana affogata) e un intorpidimento come se fosse un sogno a occhi aperti. L'autrice francese delizia e sfanga il sentore della pedofilia (bambine quasi sempre nude, ragazzine che si toccano) con uno sguardo pudico e femmineo (come se fosse ella stessa una bambina), quasi un David Hamilton filtrato da Angela Carter. Qualche cedimento nel prolisso, ma il finale "liberatorio" sfiora il meraviglioso. Peculiare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arrivo di Iris nella bara (squisito omaggio rolliniano); Bianca che indossa un guanto di seta e comincia a toccarsi; Il pendolo che porta nel teatro...
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Mickes2 13/10/11 10:08 - 1551 commenti

In un non-luogo, microcosmo dalle venature fantastiche, quasi surreali a tinte oscure, vagamente alienanti, alcune ragazzine trascorrono le loro giornate studiando la scienza e imparando la danza. Delizioso e formalmente stupefacente apologo sul percorso introspettivo della crescita. Allegorie della pura innocenza che passano per le tre fasi principali: infanzia, pubertà, adolescenza. Si gioca sul mistero, sul non detto, sulle piccole parole e i piccoli gesti. Forse nel complesso troppo ermetico, ma affascinante per atmosfere sospese e messa in scena.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bellissimo e metaforico finale.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Gestarsh99 12/4/11 1:26 - 1174 commenti

La nota novella di Wedekind "Mine-Haha" offre alla raffinata autrice francese l'opportunità di tessere una favola dolce, delicata ed oscura sul mistero della crescita, intarsiata di conturbanti significati metaforici e allegorici. Segreti innominabili, porte socchiuse da cui sbirciare, frasi a metà da captare, rituali codificati da rispettare: le insormontabili difficoltà dell'infanzia davanti ai tanti perché della vita, a quell'aspra selva in penombra tutta ancora da esplorare. La sofferta metamorfosi tra pubertà e adolescenza in un magico capolavoro di crudele purezza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'emozione del finale.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)