Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HOT DOG - UN CANE CHIAMATO DESIDERIO

All'interno del forum, per questo film:
Hot dog - Un cane chiamato desiderio
Titolo originale:Stay
Dati:Anno: 2006Genere: commedia (colore)
Regia:Bob Goldthwait
Cast:Melinda Page Hamilton, Bryce Johnson, Geoffrey Pierson, Colby French, Jack Plotnick, Bonita Friedericy, Brian Posehn, Morgan Murphy, Steve Agee
Note:Aka "Hotdog", "Sleeping Dogs Lie".
Visite:241
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/3/11 DAL BENEMERITO G.ENRIQUEZ POI DAVINOTTATO IL GIORNO 16/11/15
La scena chiave si consuma già nell'incipit (e naturalmente fuori campo): la bella Amy (Melinda Page Hamilton), diciottenne coi brufoli, osserva il suo cane e chissà perché gli salta in mente di praticargli una fellatio. Molti anni dopo Amy sta assieme a John (Johnson) e, in una serata in vena di confessioni, a casa dei genitori di lei, decide che è arrivato il momento di raccontargli il non simpaticissimo aneddoto. La reazione è imbarazzata, non di immediata condanna. Piuttosto di ribrezzo, ma da lì non si riesce più a tornare indietro. Anche perché, nascosto, ha ascoltato il tutto pure il fratello di lei e siccome tanto normale non è, finisce che del servizietto al cane vengono a sapere anche i bigottissimi papà e mamma: una reazione a catena imprevedibile. Ed è proprio l'imprevedibilità nella sceneggiatura a stabilirne il valore. Il film è scritto (dallo stesso regista Bobcat Goldhtwait) con acume, evitando con intelligenza le banalità in agguato, offrendo così alla brava Melinda Page Hamilton la possibilità di dimostrare il proprio valore. Non recita bene solo lei, ma è chiaro che il personaggio assolutamente centrale, attorno al quale ruotano a turno gli altri, è lei. E così, sfruttando una trovata insolita e che colpisce subito (fa molto riflettere sull'importanza di poter mantenere ogni tanto qualche segreto), si riesce con sufficiente profondità a indagare nell'animo umano e nel contempo a offrire una commedia che mescola con il giusto dosaggio divertimento e sentimento. Senza mai eccedere nel primo, ma mantenendo una felice vena ironica pronta a emergere qua e là vivacizzando il tutto quando serve. E' chiaro che la seconda parte, dalla confessione in poi (prima di prendere il coraggio a due mani Amy ci era andata vicino in un altro paio di occasioni) volga più in direzione di un leggero melodramma, ma la regia competente di Goldthwait permette di rimanere nell'ampio spettro del godibile. Un po' sopra le righe il personaggio del fratello mentalmente instabile, che si fa di anfetamine e diventa talvolta un po' invadente, e non del tutto credibile quello della madre, una santa vergine solo nei pensieri ingenui del marito (ma anche questo è utile per arrivare a chiudere con un finale che si rivela interessante per molti aspetti). Curioso il titolo italiano, che prima di azzardare un poco azzeccato aggancio al film di Kazan (oltretutto il cane si chiama Rufus) gioca simpaticamente sul significato della parola “hot dog”.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 13/6/13 8:31 - 7027 commenti

Inizia con una ragazza che fa una fellatio a un cane: e da lì si può solo rotolare nella volgare vaccata (complice un titolo italiano idiota). E invece, ecco materializzarsi una commedia divertente e intelligente, che affronta con leggerezza e pizzichi d’amarezza la questione cruciale della sincerità nei rapporti di coppia. Segreti portati nella tomba o risaputi (segretamente) dagli altri che fingono: l’amore sa anche tacere, tace sapendo e finge per amore. Piacevole, a tratti esilarante e demenziale, ma sempre con un tocco aggraziato.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Deepred89 24/12/15 15:53 - 2980 commenti

Bizzarra commedia americana con spunto iniziale quasi da pornochanchada che, evitando il demenziale e limitando quanto possibile il cattivo gusto, giunge a un secondo tempo tendente all'agrodolce con qualche inaspettata parentesi lacrimosa. La mescolanza di ingredienti eterogenei spesso sfiora la stucchevolezza (e la scialba confezione da telefilm anni 90 non aiuta ad attutire i difetti), ma si apprezza l'indubbia genuinità nel tratteggio dei personaggi (generalmente ben interpretati) e la narrazione svelta, semplice e diretta.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Pinhead80 15/2/16 20:37 - 2988 commenti

Viste le premesse era quasi scontato pensare di trovarsi di fronte a un film volgarissimo, invece ci si deve ricredere. Si parte da qualcosa di grottesco per andare a finire in una bella commedia che indaga sulla sincerità dei rapporti di coppia e sulla difficoltà di potersi mostrare per ciò che si è (e che si è stati) agli altri. Lo scontro è tra apparenza e realtà, tra possibilità di perdonare e incapacità di comprendere, tra la complessità della verità e l'angosciante tormento della bugia. Una sorpresa.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

G.enriquez 29/3/11 0:02 - 121 commenti

Film dal soggetto un po' folle: la protagonista, alla vigilia delle nozze, confida il suo più grande segreto al futuro sposo, ossia quello di aver fatto in adolescenza per gioco una fellatio al proprio cane. Casini vari. Fortunatamente ciò non è pretesto per imbastire una commedia scollacciata e volgare, ma solo per riflettere sui rapporti fra le persone e sul valore della sincerità reciproca. Melinda Page Hamilton è di una bravura mostruosa e offre un'interpretazione (non facile) tutta da godere. Un buon film.
I gusti di G.enriquez (Comico - Poliziesco - Thriller)