Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• TRE DONNE: 02. 1943: UN INCONTRO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/3/11 DAL BENEMERITO GURU

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Lucius  20/8/14 17:27 - 2763 commenti

Sorvolando sull'incredibile interpretazione della Magnani, per descrivere la quale non basterebbero gli aggettivi più lusinghieri, una nota di merito va alla regia di Giannetti che, pur non essendo Rossellini, è riuscito a ricreare la giusta atmosfera nell'Italia alla mercè dei nazisti. Se il film fosse stato realizzato in bianco e nero non sarebbe passato inosservato. Una storia d'amore tra un uomo e una donna in balia degli eventi e di una vita difficile, un incontro che è come il barlume di una candela giunta al fine della cera. Un gran bel film.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Rufus68 13/9/16 22:10 - 2704 commenti

È davvero emozionante rivedere Anna Magnani, trentatré anni dopo Roma città aperta, in un film sulla Resistenza nella Capitale. Purtroppo il tempo non passa invano e ciò che godeva dei privilegi della spontaneità e di una sorgiva empatia civile, qui appare irrigidito dalla convenzione e depotenziato da un perbenismo democratico ormai divenuto maniera. Il personaggio dell'ebreo e del traditore, a esempio, sono personaggi prevedibilissimi; e anche la bella scena finale non smuove più di tanto. Bravi gli interpreti, ça va sans dire.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Stefania 27/4/13 0:34 - 1600 commenti

Quella nevicata di foglietti bianchi, messaggi alle famiglie lanciati in extremis dal vagone dei deportati, seppellisce ogni egoismo, anche quell' "egoismo a due" che è stato l'amore tra l'infermiera Jolanda e il disertore Stelvio, e regala un senso alle loro vite troppo piccole perché la Storia non le inghiotta, perché la guerra non le divida. Sempre da applauso la Magnani nel ruolo di popolana di buon senso e buon cuore, ma più interessante il personaggio di Salerno, nella sua sommessa ma sorprendente metamorfosi dall'ignavia iniziale al magnifico riscatto finale. Film tv a cinque stelle!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Stelvio ruba le salsicce nascoste nel controsoffitto; Pier Paolo Capponi nelle due scene in cui compare: sensibile e intenso al pari della Magnani.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Alex75 13/8/19 13:36 - 617 commenti

Buon lavoro televisivo, in cui la ricostruzione degli ambienti e delle misere e precarie atmosfere della Roma post-armistiziale appare efficace e rigorosa, così come suggestivo è l’incontro di due solitudini (una donna “così nubile” e un uomo “nato scapolo”), incarnate da due grandi interpreti (Magnani generosa e intensa come sempre, Salerno che dà carisma a un personaggio piuttosto nebuloso). Meno riuscita e più convenzionale, quasi risaputa, la seconda parte, della riscossa e dell’impegno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le presentazioni a tavola; Iolanda mentre ascolta il grammofono a letto; Il discorso del generale monarchico; Radio Londra; La pioggia di bigliettini.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Guru 22/3/11 21:31 - 348 commenti

L'incontro che segna due esistenze ma che non arriva a fonderle... Prodotto televisivo non eccellente ma di buona qualità artistica; in alcuni tratti si apprezza la grande intensità e generosità della Magnani, in altri risulta noioso e poco comprensivo. Il personaggio interpretato da Enrico Maria Salerno, un disertore nullafacente, si rivela negativo e pesante, privo di personalità, "un topo" che sopravvive per non morire...
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)

Gmriccard 12/10/18 19:54 - 75 commenti

Le premesse c'erano tutte: epoca d'oro dello sceneggiato, regista garante di dramma, cast che accoppia forse i migliori interpreti nazionali di tutti i tempi, in particolare una Nannarella alle (purtroppo) ultime prove. Invece funzionano solo gli attori, perché la storia è debole come i personaggi, protagonisti di un (non così casuale) incontro di interessi, che consente a chi di riempire la pancia a chi di illudersi di aver trovato l'amore in avanzata età. Autocitazione della Magnani quando corre per liberare il proprio uomo dalla cattura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il lancio di bigliettini, che interpreto più come l'ennesima prova del disinteresse di Stelvio per i sentimenti della non più giovanissima Iolanda.
I gusti di Gmriccard (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Fafo1970 20/8/14 17:22 - 30 commenti

La straordinaria Anna Magnani entra nelle case degli italiani al termine della sua folgorante carriera e ci regala tre ritratti carichi di umanità, passione, sentimento, orgoglio; personalmente ritengo l'episodio in questione quello più coinvolgente ed Enrico Maria Salerno non sfigura dinanzi alla divina Nannarella; la pioggerella finale, composta dai bigliettini che non riceveranno mai risposta, lascia una traccia indelebile nel ricordo dello spettatore.
I gusti di Fafo1970 (Commedia - Drammatico - Sentimentale)