Cerca per genere
Attori/registi più presenti

JOAQUIN PHOENIX – IO SONO QUI!

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/3/11 DAL BENEMERITO SKINNER

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 30/6/13 9:19 - 7228 commenti

Il docu(?)film racconta il ritiro dal cinema per la carriera rap: perché? Sincera volontà di fuga dal mondo hollywoodiano? Denuncia del potere mediatico? Sfogo narcisista? Provocazione goliardica? Satira dei reality? Autoparodia da maudit? Phoenix irriconoscibile si atteggia a scorretto e antipatico antidivo in un crescendo trash autodistruttivo, nel fisico sfatto e nella mente delirante, costellando il declino di vomito e feci. Alla fine è come se lo spettatore, perplesso, abbia vissuto un rito esorcistico del suo lato oscuro. Azzardato.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Belfagor 19/1/12 9:42 - 2588 commenti

Al centro di questo documentario (o mockumentary?) abbiamo un Joaquin Phoenix ingrassato e barbuto è deciso a lasciare il mondo del cinema per dedicarsi al rap. Lo sviluppo non cerca di discernere la verità dalla finzione, anzi cerca di aumentare il più possibile l'ambiguità fra le due. Inizialmente fa il suo effetto, ma nel corso del film questa impostazione svela un vizio di base: tutto finisce col sembrare falso e costruito ad arte. Da non sottovalutare comunque la prova convincente di Phoenix.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Paulaster 21/4/17 10:07 - 2226 commenti

Quel burlone di Phoenix inganna il pubblico col suo finto ritiro dal set per reinventarsi come cantante hip-hop. Dopo aver proposto un look da sbandato mette in scena una grande interpretazione: basta vedere le facce di P. Diddy, Letterman e Stiller che si bevono la storia (e di certo non son sprovveduti). Coraggioso sapendo di subire gli sberleffi dei media, ma alla fine è una qualità che difficilmente gli verrà riconosciuta. Il cognato Casey Affleck filma tutto e riesce a non essere invasivo. Qualche parte casalinga è francamente troppo pompata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena muta al Letterman Show; Stiller che lo imita agli Oscar; La purificazione finale.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Didda23 2/4/14 10:16 - 2088 commenti

Meriterebbe il massimo dei voti per il coraggio di Phoenix che, per questo finto documentario, ha sprecato quattro anni di carriera mettendola seriamente in dubbio. Il proprio destino ce l'ha nel cognome e dopo questa parentesi folle è riuscito a tornare nel circuito hollywoodiano. Dirige con l'appropriata forma il cognato Casey Affleck. Joaquin mostra di essere un attore fantastico che ci fa vivere sulla nostra pelle i tormenti più profondi dell'essere umano. L'apparizione da Letterman è entrata di diritto nella storia della televisione Usa.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Jandileida 6/11/16 21:22 - 1109 commenti

Per girare un film (perché è un falso d'autore, come ammesso poi in lungo e in largo), negli iperigienisti anni '00 e '10, in cui si va in giro come un Dennis Hopper dei ruggenti anni '60 (con la stessa dieta tra l'altro), ci vuole del fegato e del talento. A Phoenix non manca evidentemente nessuno dei due: per il primo vedersi le parti in cui "interagisce" con Diddy o Letterman, per il secondo va bene la prima parte del film. Qua e là emergono però le derive indie tanto care ad Affleck e il film finisce per afflosciarsi, ma sicuramente merita una visione.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Ira72 19/1/17 20:56 - 703 commenti

Allora ci rimasi proprio male: ma come? uno dei miei beniamini si ritira dalla scena? A distanza di sette anni, invece, posso affermare che abbiamo a che fare con uno dei migliori attori americani sui generis sulla piazza. C'erano cascati tutti (o quasi) grazie alla sua performance strabiliante. Sul fatto "ci è o ci fa?" francamente ho ancora dei dubbi. Probabilmente entrambi. Resta il fatto che Phoenix ha bluffato il sistema regalandoci un'interpretazione magistrale, calandosi interamente in un personaggio ributtante e squallido, dannatamente autentico.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Skinner 5/3/11 23:06 - 595 commenti

La reazione a questo film è senza dubbio la perplessità, effetto probabilmente voluto e in ogni caso sicuramente calcolato, insieme pregio e difetto maggiore del film. Più mockumentary che documentary, un film che gioca sull'ambiguità di ciò che vediamo (cosa è vero e cosa falso), ma sbaglia sicuramente nella misura, troppo spesso eccessiva, che porta lo spettatore a diffidare ben presto rispetto a ciò che si vede. Sostanzialmente una scommessa persa, che tuttavia ha un suo fascino, destinato a crescere col tempo, legato al suo carismatico protagonista.
I gusti di Skinner (Commedia - Drammatico - Western)