Cerca per genere
Attori/registi più presenti

REGALO DI NATALE

All'interno del forum, per questo film:
Regalo di Natale
Dati:Anno: 1986Genere: drammatico (colore)
Regia:Pupi Avati
Cast:Diego Abatantuono, Carlo Delle Piane, Gianni Cavina, Alessandro Haber, George Eastman, Giovanna Piaz
Note:Seguito da "La rivincita di Natale".
Visite:6289
Filmati:
Approfondimenti:1) LA PROFUMERIA MASCHILE NEL CINEMA ITALIANO
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 49
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Il capolavoro di Pupi Avati extra-horror, una commedia amara che ha avuto non solo in merito di rilanciare Diego Abatantuono dopo il flop di ATTILA FLAGELLO DI DIO, ma anche quello di regalarci forse il più bel film sul poker mai girato. Di un'intensità incredibile, tiene sospesi sulle sorti della partita a ogni mano senza mai lasciarci prevedere il vincitore. Un cast in stato di grazia, con il già citato Abatantuono che ha modo di dimostrare tutto il suo talento (stupendo chi lo considerava un guitto di terz'ordine), con Gianni Cavina e Alessandro Haber al meglio delle loro possibilità, con un George Eastman recuperato da set di produzioni spesso di basso livello e diretto magnificamente ma soprattutto con un Carlo Delle Piane da applausi a scena aperta (giustamente premiato come miglior attore alla mostra di Venezia). E’ lui che, nel ruolo dell'esterno al gruppo di amici chiamato da uno di loro per essere spennato, sfoggia una performance incredibile senza mai salire sopra le righe, lavorando di fino sull'espressività del volto e sulle variazioni del tono di voce. Peccato che il sonoro penalizzi lui e Abatantuono, non riuscendo a cogliere le sfumature di una recitazione così sommessa rischiando a volte di rendere inintelligibili i dialoghi. C'è qualche divagazione comprensibile che allenta la tensione con flashback non sempre interessanti, ma è il prezzo da pagare per far emergere al meglio le personalità dei veri protagonisti (Eastman e Haber restano più sullo sfondo), rendendo la partita più reale e non esageratamente “professionale” (che significherebbe un poco auspicabile distacco dall'emozione vera). Il finale non sbaglia un colpo ma è il film nel suo complesso a strabiliare.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 27/3/07 22:21 - 4282 commenti

Capolavoro amaro di Pupi Avati. Film celebre e celebrato, che snocciola con maestria una serata indimenticabile per chi vi partecipa, assiso al tavolo verde. Note le grandi prestazioni di Delle Piane, Abatantuono, Cavina ed Haber, mentre Eastman/Montefiori, qui in secondo piano rispetto agli altri, fornirà una notevole prestazione nel successivo Rivincita.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 28/12/10 7:23 - 10688 commenti

Decisamente tra i film migliori di Pupi Avati, è anche quello dove emerge maggiormente l'amarezza, il cinismo e il disincanto del regista bolognese. La sua visione della vita (e anche di un certo perbenismo provinciale che traspare nel film) non concede molte speranze. Su un ottima sceneggiatura (con tanto di colpo di scena finale), il regista utilizza al meglio i suoi attori, scommettendo (con successo) sulla versatilità di Abatantuono qui al suo primo ruolo drammatico.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Il Gobbo 6/11/07 18:50 - 3010 commenti

Quando Avati si sbriglia e si lascia andare, rivela il suo lato più cattivo e affascinante e gira dei grandi film. Questo gioiello di cinismo dall'impianto teatrale (in senso buono) e inesorabile come un congegno di orologeria è un saggio di bravura registica e recitativa, di costruzione drammatica, di tenuta della tensione. Una sorta di manifesto dell'anti-cinema italiano (coevo e successivo). Applausi tonanti.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 3/6/07 17:50 - 5737 commenti

Commedia drammatica e cattiva, incentrata su amicizie tradite, invidie, donne infide, raggiri, famiglie sfasciate, ricordi di un tempo perduto. Avati inserisce un meccanismo thrilling di grande coinvolgimento, con tanto di colpo di scena finale e numerosi flashback. La regia è al solito magistrale, riuscendo a far emergere il meglio da un eterogeneo gruppo di protagonisti, tra i quali spiccano Delle Piane e Abatantuono. Ottimo.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 18/7/08 14:14 - 1495 commenti

Davvero un film riuscito. Completamente incentrato sul poker, utilizza alcuni flashback per spezzare la tensione della partita, ma il ritmo del film rimane pressoché uniforme per tutti i 90'. Ovviamente è un film di attori, tutti molto bravi; si è sempre elogiato molto Abatantuono per la sua interpretazione misurata ed efficace, ma io ricorderei anche l'ottimo George Eastman.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 9/1/08 23:56 - 6799 commenti

La notte di Natale quattro vecchi amici si rivedono al tavolo verde per spennare un pollo. Durante la serata riemergeranno vecchi rancori, fino a quando uno di loro potrà ricevere un insperato ed inusuale “regalo di Natale”. Il film più amaro e cattivo di Avati e forse anche il più bello. Merito di una grande prova degli attori, Cavina e Delle Piane su tutti, ma anche Abatantuono che lanciò la sua immagine di attore serio e di una sceneggiatura che, sebbene non perfetta, è molto sobria ed efficace, oltre che impreziosita dal colpo di scena finale.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 18/5/09 12:08 - 1542 commenti

Davvero brutta gente, quella radunata attorno al tavolo da poker nella notte di Natale raccontata dal film. Traditori di tutti, direbbe Scerbanenco, tra rancori, ripicche e rivalse per i fallimenti passati e le amicizie buttate via. Niente bonomia padana per Avati, qui le facce sono torve dietro i sorrisi di circostanza, le coscienze sporche e le mani rapaci. Grande prova d'attori per un cast composito ma affiatatissimo, con Cavina per me sopra tutti, untuoso televenditore fallito. Siamo in zona capolavoro.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 20/2/09 16:03 - 7439 commenti

Avati dà il meglio di sé quando è più cattivo e lo dimostra anche in questa commedia che, senza toccare i vertici raggiunti nel campo dell'horror, fa comunque rimpiangere le occasioni perse fra gite scolastiche e feste di laurea. I bravi attori ci sono anche in Italia e tutti qui fanno bene il loro mestiere, facendo passare in secondo piano certe incongruenze nel disegno dei caratteri (in particolare, in quello interpretato dal pur bravissimo Delle Piane). Non un capolavoro, ma un film interessante che lascia un persistente retrogusto amaro.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 17/7/15 14:33 - 2072 commenti

Scritto benissimo - quanto a progressione drammaturgica - e anche meglio recitato - pregi che si esemplificano nel personaggio dell'avvocato Santelia, magistralmente interpretato da Carlo Delle Piane - soffre nondimeno dei soliti "vizi" del cinema avatiano: sguardo critico nei confronti dell'umanitá che si risolve in un paternalismo compassionevole e definizione maschilista dei caratteri che appiattisce le figure femminili sullo sfondo riducendole a meri stereotipi. Cose da uomini, insomma. Ovviando ai limiti, il gioco al massacro riserva scudisciate di sapita crudeltá.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 27/2/07 16:04 - 2369 commenti

Pupi Avati ci regala un film amarissimo che, pur essendo di tutt'altro genere, ha una tensione emotiva degna dei migliori gialli. Il merito della riuscita dell'operazione è da ascrivere certamente al regista, ma anche al manipolo di attori scelti, che fanno a gara in bravura. Avati ha inoltre il grande merito di credere nelle capacità recitative di un Abatantuono ormai "bruciato" dal ruolo di "terruncello", ma che qui fa vedere tutte le sue qualità. Un film perfetto.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Markus 13/4/16 14:57 - 2661 commenti

Una spietata partita a poker durante una notte di Natale è il mezzo (o se vogliamo l’escamotage) per raccontare delle storie di vita nella consueta intimistica recitazione richiesta da un Avati in gran spolvero e interpretate da uno straordinario cast. La qualità della narrazione, il ritmo della pellicola e l’allora exploit di Abatantuono come attore serio, oltre a essere valori aggiunti hanno reso di facile fruibilità l’opera anche ai non aficionados del regista bolognese (altrimenti condannato all'ennesimo fiasco al botteghino).
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Capannelle 25/3/08 9:52 - 3470 commenti

Forse il miglior Avati con un film di grande intensità e sobrietà al tempo stesso. Difficile scegliere il migliore tra i protagonisti del tavolo di poker dove confluiscono ansie e frustrazioni di ognuno. Dire che Delle Piane è superbo è quasi fare un torto agli altri attori. Dialoghi curatissimi e un ritratto d'insieme malinconico ma sempre avvincente. Senza pause.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 2/4/09 16:17 - 1336 commenti

Con gli attori (vabbè, attori... amici oltre che attori) Avati ci ha sempre saputo fare; inoltre all'epoca Abatantuono fu una rivelazione per chi lo ricordava come terrunciello noioso e ripetitivo. Chiuso in un ambiente (la vera casa di Montefiori), a parte i flashback, il film, amaro e sentito, ha come punto di forza la recitazione e gli attori, ai quali Avati porge con cura la sua cinepresa per interpretarne le emozioni nascoste (stiamo giocando a poker, in fondo...). Uno dei migliori film della sua non esaltante carriera.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

G.Godardi 4/3/08 16:15 - 950 commenti

Uno dei capolavori massimi di Avati, un kammerspiel con echi di giallo. Tutto è perfetto in questo film, dalla preparazione della partita a poker alla partita stessa, in cui Avati si prodiga in un bel saggio di regia. Storia di un tradimento e di una redenzione che non ci sarà. Avati sempre più cinico e disincantato: c'è poco da stare allegri. Ottimo il cast coi cinque protagonisti, dai quali si elevano Delle Piane (anche premiato a Venezia) e la rivelazione Abatantuono (tuttavia appare straniante vederlo ancora con le fattezze fisiche da terrunciello).
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Stubby 24/2/07 14:27 - 1147 commenti

Grande cast e grande regia. Pupi Avati ci ha regalato un bellissimo esempio di cinema. Quattro amici si ritrovano la notte di Natale per spennare un ricco imprenditore al tavolo verde. Atmosfere cariche di tensione, attori bravissimi nelle loro interpretazioni, un Diego Abatantuono sopra le righe che dimostra la sua grande capacità interpretativa. Amaro e struggente sono due parole che descrivono bene la situazione. Le sequenze al tavolo sono state coordinate dal giocatore professionista Giovanni Bruzzi.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Redeyes 10/8/09 17:01 - 1971 commenti

Credo lo si possa definire il capolavoro di Avati, credo lo si possa annoverare fra i migliori film italiani. È un'amara cinica perdita dell'innocenza, se tale si può considerare vista l'età dei protagonisti, è la fine dei legami giovanili ed è il più grande tradimento si possa concepire. Se ne La grande abbuffata di Ferreri si celebrava l'amicizia, qui la si uccide. È persino un delizioso e tristissimo affresco del vizio del gioco. Difficile trovarci punti deboli e nel cast eccezionale e nella splendida sceneggiatura. Imperdibile!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 3/7/11 18:39 - 1856 commenti

Io non ho mai capito nulla di poker e non riesco ad appassionarmene; eppure questo film, che si sostanzia tutto nello scontro decisivo nella notte di natale, è riuscito a coinvolgermi e a tenermi sulle spine; il merito è di tutta la costruzione, molto sensibile nei confronti di ciò che avviene prima, durante e in un certo senso anche dopo. Le amicizie, gli amori, il vizio, la storia triste di quattro amici che si riuniscono dopo anni, con un fenomenale Abatantuono che esprime una grande umanità.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Mco 12/8/09 0:02 - 1995 commenti

Bellissimo film che val la pena di vedere e rivedere, per la sua raffinatezza e la composta recitazione di un cast attoriale davvero al top. Abatantuono è bravo ma soverchiato dall'enigmatico Eastman e dall'eccentrico Haber (che non smette mai di stupire in quanto a bravura), nonchè pareggiato da un misterioso Delle Piane. Seguire il poker vuol dire seguire i passi della vita di ognuno di loro, in un mixtum compositum di ghigni, sorrisi e mementi davvero speciali. Il vero regalo di Natale Pupi lo ha fatto a noi!
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Ellerre  28/1/09 9:23 - 87 commenti

Attraverso la metafora del poker si raccontano le storie di quattro vecchi amici, riuniti dietro a un tavolo da gioco la sera di Natale. Al tavolo verde anche un piccolo industriale col vizio del gioco e con la fama di perdente. Straordinaria pellicola di Avati che ci disegna, con la sua solita poesia, storie di inganni, bluff, tradimenti, umiliazioni che, attraverso una catarsi collettiva, sembrano sciogliersi proprio il giorno di Natale. Cast eccezionale, con Delle Piane forse all'apice, e Abatantuono "rivelazione" anche in un ruolo drammatico.
I gusti di Ellerre (Commedia - Giallo - Thriller)

Pol 17/4/08 19:26 - 589 commenti

Uno dei miei film preferiti in assoluto. Non riesco a soffermarmi su un particolare piuttosto che su un altro: il film è stupendo sotto ogni punto di vista. Considerando il tipo di film, la recitazione degli attori era fondamentale, e Avati ha assemblato un cast spettacolare che sembra gareggiare in bravura (solo Eastman appare defilato), senza tuttavia andare sopra le righe. Da notare che il film funziona sia nei momenti più leggeri (la prima parte) sia nel tesissimo finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli scontri tra Abatantuono e Delle Piane sono forse i momenti migliori della pellicola.
I gusti di Pol (Comico - Gangster - Thriller)

Rambo90 7/10/13 23:49 - 5407 commenti

Magnifica opera di Pupi Avati, non propriamente drammatica ma dal finale incredibilmente triste e spietato, senza alcuna consolazione per lo spettatore. Bei dialoghi (come quasi sempre in Avati) e un cast davvero eccezionale, perfetto nella sua naturalezza e coralità (persino Eastman, più avvezzo a film di serie B se la cava molto bene). Imperdibile.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 17/9/14 11:13 - 4099 commenti

Un buon soggetto che permette ad Avati di potersi distaccare dai suoi soliti canoni, diciamo così "provinciali", comunque presenti e riconoscibili fuori dal tavolo verde, nei rapporti con gli amici e nei flashback sovraesposti. Gli attori sono credibili, anche un Delle Piane finalmente in un ruolo che lo fa uscire dalle solite interpretazioni stranianti, seppur notevoli, cui Avati lo aveva abituato. Buono il finale, tenuto giustamente moderato ma proprio per questo più incisivo.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 16/4/11 1:53 - 3197 commenti

Su un tavolo verde si mescolano le vite di quattro amici e di una presunta vittima sacrificale. Avati immette nella narrazione la giusta dose di vero cinismo che ben si combina con i ricordi e le lamentose rivendicazioni del tempo che fu. Il risultato è valido ed interessante grazie anche al cast che vede Abatantuono alla sua prima parte drammatica e Delle Piane benevolmente luciferino.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Didda23 23/5/17 10:49 - 1986 commenti

Pupi Avati è magistrale nel gestire un cast molto eterogeneo che proviene da mondi cinematografici lontanissimi dirigendo una sorta di kammerspiel di una crudeltà psicologica finissima, eretta sulla conoscenza e sulle debolezze dei giocatori. La regia si muove benissimo negli spazi e si concede flashback sontuosi che permettono di capire meglio la situazione pregressa e i motivi del conflitto fra Cavina e Abatantuono. Quest'ultimo, svestito dalla terribile maschera del terrunciello, si dimostra attore vero. Indimenticabili Haber e Delle Piane.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le patate bollite; Abatantuono che monitora costantemente l'incasso del film che ha in cartellone; Il rilancio inaspettato di Delle Piane.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 4/12/16 21:45 - 1984 commenti

Il rischio di perdere tutto a poker insieme al tradimento amicale porta solo a sconfitte epocali. Avati esce dalle storie popolari e racconta una notte (di natalizio c'è solo l'albero) di bugìe e mani milionarie. La sceneggiatura al tavolo verde regge con pathos da film noir con eccellente interpretazione di Delle Piane e un credibile Abatantuono. I flashback appaiono datati e non girati con buona tecnica. Notevole il finale, che non prende una piega melodrammatica ma mesta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rilancio di 200 milioni.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Mickes2 9/8/13 14:23 - 1550 commenti

La sera di Natale, un’occasione per rincontrare vecchi amici tra disperazione (economica), dissidi, celati convenevoli; e al di sopra il Dio denaro a scrutare tutti. Amarissimo, dall’atmosfera thrilling e inquieta, un kammerspiel con punte di giallo e squarci vicino al gotico (i flashback), in cui Avati mette in scena il cinismo e l’invidia, l’opportunismo e l’impassibilità dell’Italia di provincia. Fine gioco al massacro di (false) alleanze e doppigiochi, dove la dignità (almeno per un personaggio) non è solo una fiche da gettare sul tavolo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pre-finale.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Dusso 27/12/12 23:31 - 1532 commenti

A mio avviso un bel film ma ben lontano dall'essere un capolavoro, questo celebre film di Avati. Inutile ribadire le ottime interpretazioni del cast e come il regista abbia reso interessante (per chi non ci ha mai giocato) un film centrato quasi tutto su una partita a poker; i colpi di scena però sono intuibili e anche se l'atmosfera che viene a crearsi attira lo spettatore, mi aspettavo qualcosa di più
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Il ferrini 13/1/16 22:20 - 1292 commenti

Un'opera davvero intensa, ben recitata, con un Abatantuono in gran spolvero e un Haber praticamente perfetto. Gianni Cavina impeccabile nel ruolo del viscido e anche Delle Piane se la cava egregiamente, sebbene aiutato dal suo personaggio che è indubbiamente il più carismatico della storia. Finale che definire amaro è perfino riduttivo, molto credibili i dialoghi, tensione crescente che tiene incollati allo schermo. Uno dei migliori film italiani degli ultimi 30 anni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Non saprà mai con quale punto l'ho sfidata a giocarsi 250 milioni: è l'unica condizione che le ho posto, mi sembra un dettaglio trascurabile.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Ultimo 6/1/15 13:21 - 1158 commenti

Il capolavoro drammatico di Avati è un film in cui vecchi amici si ritrovano per una partita a carte la notte di Natale. La pellicola deve il suo successo a una sceneggiatura perfetta e ad attori in parte che non sbagliano un colpo: Abatantuono è al primo ruolo drammatico e ne esce ultrapromosso, Cavina è essenziale ma ottimo, Haber molto bravo. Il migliore è però Carlo Delle Piane, una new entry nel gruppo dei giocatori, invitato da Cavina. Un film da vedere e conservare.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Furetto60 15/2/13 12:28 - 1129 commenti

Cosa distingue un bel film, o un bel libro, dalla massa degli altri? Forse la capacità di suscitare emozioni anche a visioni, o riletture, successive. E Regalo di Natale lo si può rivedere più volte senza che il giudizio possa peggiorare, anzi. Un capolavoro sulla meschinità e doppiezza dell’animo umano, interpretato da attori che ostentano un raro amalgama. Avati cura anche i particolari minimi. Le interpretazioni di Delle Piane e di Abatantuono sono memorabili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Vorrei delle patate lesse; Sono venuto in questo ristorante perché mi hanno detto che si mangia bene.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Gabrius79 25/10/14 20:44 - 1067 commenti

Una grande e intensa prova di attori alle prese con una partita di poker diretti sapientemente da Pupi Avati in uno dei suoi film migliori. Abatantuono e Delle Piane sono ai massimi livelli, ma anche il resto del cast è in forma. Vero è che, se non si conosce il poker, il film potrebbe annoiare.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Lythops 14/4/11 7:35 - 963 commenti

Un film che può essere paragonato a un ottimo quintetto di musica da camera. In effetti Avati, forse al suo film migliore, studia accuratamente ogni inquadratura e intervento verbale degli attori per dare ritmo e respiro ai personaggi. Il film è una testimonianza amara di come il tempo cambi ogni cosa, compresa l'amicizia, in un percorso che molto spesso prende direzioni diverse da quelle che ci si augura in età giovanile. Totalmente nella parte tutti gli attori, con un Delle piane perfetto anche nel non verbale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il primo incontro con le patate bollite al ristorante della stazione: "Sono venuto qui perché mi han detto che si mangia bene".
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Xamini   23/8/07 23:45 - 840 commenti

Commedia senza sorrisi, il lavoro di Avati, salvo per battuta di Abatantuono a proposito della tempra dell'imprenditore interpretato da Delle Piane. Il quale piomba sul tavolo verde, annunciato da un tratteggio fine a sfiorar quasi la poesia; merito del personaggio, ma soprattutto dell'attore che offre una gran prova e, assieme ad Abatantuono - si scrive qui la sua rinascita - ruba la scena a tutti. Nondimeno gustoso l'avvicendamento tra flashback e occasionali incontri coevi alla vicenda narrata, incentrati sulla figura distante eppure centrale della Piaz.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il gran finale e la condizione posta sul "regalo di Natale".
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Pessoa 18/9/14 19:57 - 769 commenti

Film nervoso che gioca con la tensione degli spettatori a ogni scena. Avati conosce e frequenta certe atmosfere da tempo e sfodera una delle sue migliori regie. Sarebbe stato interessante vedere Lino Banfi al posto di Abatantuono, come il regista desiderava, ma il comico pugliese rifiutò quella che sarebbe stata forse la sua grande occasione per girare Il commissario Lo Gatto. Peccato. Riz Ortolani accompagna con lo spirito giusto mentre Cavina e Delle Piane disegnano due personaggi ricchi di sfumature. Da evitare se non si conosce il poker.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La partita a poker, naturalmente.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Viccrowley 8/8/13 21:46 - 696 commenti

Tutta la genialità del regista bolognese si conferma con questa perfida, splendida commedia drammatica. Avati dirige un'opera dalla regia rarefatta e dal gusto teatrale lasciando tutto nelle mani di un quintetto di attori sublimi. La Santa Notte avatiana è spettrale, onirica, sospesa in un limbo senza fine, esattamente come i conti in sospeso dei protagonisti. Nerissimo apologo sulle amicizie tradite e i rimorsi di un passato immodificabile scandito da una partita a poker metafora e sublimazione dell'umana grettezza. Eccezionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le patate dell'avvocato; I movimenti di macchina circolari intorno ai volti e al tavolo verde.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Bubobubo 19/11/18 17:30 - 438 commenti

Un potentissimo dramma dalla struttura perfetta: rancori del passato, invidie del presente e torbidi campanilismi senza tempo si fondono in un velenoso intrigo psicologico che - con la scusa della trasfigurazione teatrale garantita dalla partita a poker - seziona con un bisturi infetto piccinerie e meschinità dell'essere umano. C'è chi fa finta di niente, chi affonda il coltello nella schiena altrui, chi gioca alle regole del mondo lavandosene le mani: sullo sfondo, le luci asettiche e distantissime di un immoto, gelido albero di Natale.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Stelio 28/4/14 16:35 - 383 commenti

Pietra miliare della storia del cinema, Regalo di Natale è un viaggio introspettivo nel mondo degli affetti, della realtà e del cinismo contemporaneo. Interpreti da premio internazionale di qualsiasi specie si tratti, i monumentali Delle Piane e Abatantuono trovano eccellenti spalle in Cavina e Haber. Narrazione romantica, nostalgica, fotografia standard, regia in certi frangenti geniale come poche altre se ne sono viste negli ultimi decenni. Arte moderna.
I gusti di Stelio (Animazione - Commedia - Drammatico)

Manowar79 15/12/09 15:19 - 309 commenti

Uno dei picchi creativi della narrativa avatiana: dopo aver conferito nuovi connotati al gotico moderno con Zeder e - soprattutto - con La casa dalle finestre che ridono, Pupi Avati raduna un cast superlativo intorno ad un tavolo da poker dove non solo si gioca pesante, ma si mettono in discussione numerosi aspetti della vita, vecchi rancori e storie da bar, il tutto immerso nell'inimitabile magia natalizia. La vita allontana, l'interesse riunisce: questa potrebbe essere la morale. Delle Piane oltre misura, Haber e Abatantuono pure. Da non perdere.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Ilcassiere 14/5/10 10:02 - 277 commenti

Film incentrato su una partita di poker organizzata per spennare un ricco ed apparentemente ingenuo avvocato. I dialoghi magnifici e le ottime interpretazioni di Abatantuono e, soprattutto, di Delle Piane, aiutano a mantenere una tensione incredibile per tutto il film senza mai farci sospettare quale sarà il finale della partita. Amarissimo.
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

Geppo 4/2/17 0:22 - 264 commenti

Sicuramente uno dei migliori film degli anni '80. Genio assoluto Pupi Avati, che con una trama semplice sforna un capolavoro raffinato. È anche il primo ruolo importante per Diego Abatantuono, che in un certo senso anticipa i suoi nuovi personaggi diretti da Gabriele Salvatores. Avati aveva capito tutto e allontana, positivamente, Abatantuono dal solito ruolo del "terrunciello". Carlo Delle Piane assolutamente strepitoso nei suoi dialoghi, come anche Haber, Cavina e Eastman. Pochi attori, ma ottimi. Film straordinario.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le patate bollite di Carlo Delle Piane; I flashback di Diego Abatantuono. Carlo Delle Piane: "Ero interessato a sapere se lei è una prostituta".
I gusti di Geppo (Commedia - Erotico - Poliziesco)

Liv 17/9/15 17:09 - 237 commenti

Il poker è vissuto con uno spessore culturale certamente più ricco che da un americano e la regia di Pupi Avati, di grande sapienza, ne fa un gran film. C'è sempre la sua vena amara e angosciata, che in questa storia vede la donna come la grande tentatrice e la grande punitrice di chi crede in lei.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Scusi, Lei è una prostituta?" "No, mi dispiace!" "Peccato, avremmo potuto passare una notte meravigliosa assieme" (ma non doveva andare a giocare?).
I gusti di Liv (Animazione - Avventura - Commedia)

Mtine 15/4/10 22:48 - 214 commenti

Forse non il capolavoro, ma sicuramente uno dei film più crudi e intensi di Pupi Avati. Non perde quasi mai colpi (tranne nei flashback, un po' pesanti e noiosi), anzi li acquista con lo scorrere del film. Gli attori sono tutti in forma, Carlo Delle Piane in primis, fatta forse "eccezzzione" per il tanto acclamato Diego Abtatantuono, che dà una prova di attore sì buona, ma forse troppo sottotono. Il finale è assolutamente spiazzante e dà al film quel tocco di cattiveria che ne fa una delle più belle commedie nere degli ultimi 30 anni.
I gusti di Mtine (Comico - Giallo - Thriller)

Ammiraglio 17/7/08 9:43 - 150 commenti

A distanza di oltre venti anni dalla sua produzione, rimane un film giovane, intramontabile. È così per un motivo principalmente: la storia è incredibilmente semplice (quattro amici che si rivedono dopo anni, due dei quali da oltre dieci a causa di una donna, per giocare una partita di poker e spennare un ricco industriale), ma nella sua semplicità essa è sviluppata in maniera tale da renderla incredibilmente complessa ed affascinante. In poco più di novanta minuti Avati ci dà la sensazione di conoscere quel gruppo da sempre.
I gusti di Ammiraglio (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Franz 22/11/09 17:49 - 108 commenti

Accidenti che film meraviglioso! Tutto (o quasi) sottovoce, girato in interni; le quattro mura della villa racchiudono infiniti mondi, tanti quanti sono gli ormai leggendari protagonisti di questa storica partita a poker con tutti i loro universi personali fatti di relazioni fallite, sogni infranti, tradimenti d'amore e d'amicizia, famiglie sfasciate, falsità. È un film molto virile, c'è un certo codice non scritto di comportamenti tipici maschili recitato alla perfezione. Eccellente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le patate bollite di Carlo Delle Piane; Haber che sbotta; le squallide televendite di Cavina.
I gusti di Franz (Commedia - Horror - Sentimentale)

Pstarvaggi 9/7/09 17:43 - 80 commenti

Il miglior film italiano degli Anni Otanta è un'amarissima commedia sulla fragilità delle amicizie, anche quelle di lungo corso. Tutto funziona alla perfezione: regia dai tempi calibratissimi, sceneggiatura caratterizzata da dialoghi mai sopra le righe, interni splendidi (le scene girate in esterno sono pochissime) e fotografati coerentemente con lo sviluppo della vicenda. Due parole, se ancora ce ne fosse bisogno, sulla recitazione degli attori: intenso Abantantuono, di gran classe Delle Piane, tenero Haber, funzionali Cavina e Montefiori.
I gusti di Pstarvaggi (Comico - Commedia)

Zutnas 20/10/10 12:17 - 78 commenti

Partire dal poker per raccontare la vita dei protagonisti, con i loro successi e i loro fallimenti, il loro essere allo stesso tempo amici e nemici, veri e falsi. Grande metafora dell'esistenza che si compone mano dopo mano, con ritmo regolare, senza frenesia, con toni sempre pacati e con una suspence che cresce al crescere della posta in palio. Rilancio di un ottimo Abatantuono e prova memorabile di Delle Piane in uno dei migliori film sul poker mai girati.
I gusti di Zutnas (Avventura - Fantascienza - Gangster)

Shannon 22/12/12 9:48 - 72 commenti

Quattro amici si ritrovano per una partita a poker: c’è un pollo da spennare e tutti, più o meno, hanno bisogno di soldi. Durante la partita riemergono rancori passati e storie di tradimenti. Alla fine rimarranno solo macerie. Viene sempre il momento in cui i sentimenti devono fare i conti con le miserie umane: per chi crede nell’amicizia la mazzata è devastante. La sceneggiatura ha qualche buco ma questo è solo un dettaglio. Amarissimo e imprescindibile.
I gusti di Shannon (Avventura - Drammatico - Thriller)

Shika70 11/5/12 13:40 - 20 commenti

Un film nero, non amaro ma perfido. Tagliente. Una "non-storia" che ti inchioda e ti porta fino a una fine fredda e dura. Avati è un grandissimo regista che sa dare vita ai suoi personaggi i quali, spesso, sono "vivi" e non ombre; un artista che ha l'unica pecca di essere italiano (non siamo per niente bravi a celebrare i nostri grandi registi). Cast avvolgente. Grande film.
I gusti di Shika70 (Animazione - Gangster - Musicale)

Gigliato74 27/4/07 12:17 - 12 commenti

Sopraffina e tesissima opera da tavolo verde per l'abile regista bolognese. Un manipolo di grandi caratteri: intrecci di vite sfumate, ferite, in alcuni casi umiliate. Un film che tiene col fiato sospeso nel suo crescere fumoso di trepidi sguardi. Senza regole, senza respiro, senza rivincita: davvero un bellissimo "Regalo di Natale"... Abatantuono nella sua opera di Rivalutazione internazionale. Sfrutta la coraggiosa opportunità datagli dal regista con sicurezza e mestiere ben difficili da prevedere, tenendo conto dei personaggi fin lì interpretati.
I gusti di Gigliato74 (Commedia - Drammatico - Poliziesco)