Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA DONNA DELLA MONTAGNA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/2/11 DAL BENEMERITO GURU

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Rufus68
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Daniela, Guru


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 27/6/18 23:48 - 8149 commenti

Ragazza di buona famiglia s'innamora di un ingegnere che ha appena perduto la fidanzata, morta per attacco di cuore durante una scalata. I due si sposano, ma lui continua a pensare alla morta e tratta la moglie come una pezza da piedi... Pur mettendo in conto le traversie legate all'8 settembre, il film risulta indigeribile sia per la definizione approssimativa dei caratteri che per la frettolosità di certi snodi narrativi. Pure il cast non aiuta: Nazzari risulta troppo ingessato e la Berti poco può nei panni di un personaggio ingrato, oltre che insensato. Sprecata la fotografia di Terzano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In apertura, il funerale in montagna sotto la pioggia.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rufus68 11/3/19 23:40 - 2660 commenti

All'inizio un po' sconnesso a causa delle note traversie di produzione, quindi via via più convincente anche per l'ambientazione cupa e claustrofobica dell'inverno montano. Nazzari fa il duro pur se appare solo scostante invece di sollecitare il dramma del rimpianto; lodevole la Berti con la sua bellezza dolce e remissiva. Apprezzabili le sequenze in cui si avverte la tensione interna (i pasti consumati in silenzio). Gran finale strappacore.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Guru 11/2/11 17:53 - 348 commenti

Racchiusa tra le mura della ricca borghesia come l'etichetta del regime comanda, una storia tratta dal romanzo di Salvator Gotta "I giganti innamorati", la cui produzione fu sospesa in occasione dei fatti del settembre 1943. Purtroppo il collage dei vari pezzi non produce l'effetto sperato, ma la scrittura del testo non è male. Un ingegnere "con il cuore incarcerato in un ricordo d'amore"; una ragazza, che la propaganda vuole ingenua e innamorata. Nonostante tutto Nazzari e la Berti si calano nella parte...
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)