Cerca per genere
Attori/registi più presenti

FEARLESS - SENZA PAURA

All'interno del forum, per questo film:
Fearless - Senza paura
Titolo originale:Fearless
Dati:Anno: 1993Genere: drammatico (colore)
Regia:Peter Weir
Cast:Jeff Bridges, Isabella Rossellini, Rosie Perez, Tom Hulce, John Turturro, Benicio Del Toro, Deirdre O’Connel, John De Lancie, Debra Monk, Spencer Vrooman
Note:Tratto da una novella di Rafael Yglesias, che ne ha anche curato la sceneggiatura
Visite:616
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/1/11 DAL BENEMERITO KANON

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 16/12/12 20:03 - 10960 commenti

Scampato fortunosamente ad un disastro aereo, Max affronta in modo nuovo la propria vita. Regista mai banale, Pater Weir affronta il tema della riabilitazione post-traumatica con un approccio inedito, producendo una pellicola quasi sperimentale, ricca di atmosfere rarefatte e in cui si alternano momenti riflessivi ed altri ipercinetici. Molto convincenti le prove di Jeff Bridges e Rosie Perez.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Capannelle 11/3/14 14:25 - 3575 commenti

Bellissimo film, nobilitato dalla prova di un gran Bridges, stranamente passato sotto silenzio. Un evento drammatico, di solito utilizzato secondo altri canoni, dal quale Weir approda a una visione del binomio vita-morte anche metafisica. Più in generale sull'approccio alla vita, vissuto nel rapporto tra Bridges e la Perez che dona spessore al film e offre la memorabile sequenza dell'auto contro il muro. Magari non tutto è chiuso a dovere, ma rimane una pellicola girata con sensibilità e buona mano registica. Musica ok, fotografia migliorabile.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Saintgifts 20/10/13 20:14 - 4099 commenti

La reazione di Max (Jeff Bridges) dopo essere scampato a un incidente aereo non è delle più comuni, il film è incentrato proprio sul nuovo Max e sulla sua nuova e per certi versi esagerata e incomprensibile concezione della vita. Quando è che Max comincia a non provare più paura della morte? Si è spesso al limite di forzature e forse anche di "invenzioni" psicologiche, ma Bridges riesce a essere comunque credibile, merito anche degli altri personaggi più ancorati alla realtà (non manca il lato assicurazioni e avvocato) e ben interpretati.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Paulaster 12/11/15 11:28 - 2344 commenti

Quando capita un disastro aereo di solito ci si sofferma solo sull’incidente tralasciando le reazioni che provoca. Interessante quindi l’analisi del trauma e preferibile la fase della rinascita razionale. Finale catartico convincente anche a livello di regìa. Come interpretazioni Bridges ha buoni momenti, la Rossellini è la più misurata, Turturro è troppo diretto come psicologo e Hulce come avvocato resta nella macchietta. Qualche frase epica in meno avrebbe giovato, visto che come emotività era già sufficiente.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Minitina80 14/5/18 6:58 - 1996 commenti

Salta subito agli occhi quanto sia un film particolare, diverso dagli altri come concezione. Si parla di un disastro aereo, ma è quanto di più lontano dagli stereotipi a cui il cinema ci ha abituato. L’incedere è lento e riflessivo e la spettacolarità va ricercata non nelle scene d’azione, bensì nell’intensità delle emozioni che è in grado di trasmettere. Struggente l’epilogo, anche se ogni minuto vive di uno strepitoso Jeff Bridges e di una convincente Isabella Rossellini. Poche le imperfezioni, tante le occasioni per emozionarsi e riflettere.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Graf 6/10/11 2:12 - 628 commenti

La storia di un'anima. Ci voleva il tocco magico e segreto di Weir per raccontare le vicende di un uomo che cammina sui bordi insidiosi di un'"esperienza al limite" dopo un incontro molto ravvicinato con la morte. Da quel momento si porta dentro una sindrome d'onnipotenza, un'estasi incominicabile che lo rende un po' angelo e un po' ragazzino, senza paura, appunto, di fronte ad ogni rischio, ad ogni possibile catastrofe ad ogni sconfitta negli affetti. Un film enorme dove emerge l'umama ambiguità la dialettica del personaggio e della storia. Imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Grandissima Isabella Rossellini finalmente valorizzata nella bravura e nella bellezza.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Kanon 11/1/11 10:57 - 589 commenti

Il fronteggiare e superare un avvenimento radicale, la sottile linea tra vita/morte. Cosa ne consegue? Onnipotenza, delirio, sensi di colpa? Weir ci ricorda che è un momento, esistere/non esistere. Presa coscienza di ciò, come ci appare la realtà? Dove porta l'incomunicabilità che si crea tra chi vive quotidianamente e chi è "già" morto, quella scossa di frenesia/follia che scuote chi ha visto il tunnel e non ci è entrato ma anzi ne è uscito conscio del fatto che la vita, dopotutto, è solo un attimo... fuggente. Recitato in modo strepitoso.
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)

Rullo 3/2/12 21:46 - 388 commenti

La soppravivenza alla morte e le sue conseguenze. Lui ha perso un amico, lei il figlio. L'alone di fascino, mistero e curiosità si mantiene costante per tutta la durata. Altrettanto interessante è l'incipit, che presenta il personaggio di Bridges in una visione quasi paradisiaca che diventa perno del film. Ottima la colonna sonora.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)