Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA LUCIANA

All'interno del forum, per questo film:
La Luciana
Dati:Anno: 1954Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Domenico Gambino
Cast:Rita Rosa, Elli Parvo, Corrado D'Alba, Luigi Tosi, Beniamino Maggio, Gianni Glori
Visite:383
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/5/15 DAL DAVINOTTI
Datatissimo melodramma partenopeo, conserva comunque ancora oggi una sincerità che ce ne fa apprezzare la semplicità. La travagliata storia d'amore tra la giovanissima Maria (appena incoronata come “Luciana”, ovvero la reginetta del quartiere Santa Lucia a Napoli) e il “trovatello” Alberto, pianista il cui padre scappò prima ancora che lui nascesse lasciando sola la madre, che morì dopo il parto, è osteggiata da Vincenzino, il fratello di lei. Non si pensi però a una liaison che guadagni troppo spazio, perché a contare molto è anche il rapporto che esiste tra Vincenzino e alcune spie straniere (niente contrabbando, per una volta!), per le quali lavora facendo la spola tra una villa e una nave con il suo motoscafo. Le due tematiche si intrecciano generando un’improvvisa accelerazione verso il dramma che è - a questo punto - tutta da gustare; anche perché per fortuna, nella sua seconda parte, il film rinuncia agli eccessi canzonettistici della prima che stavano trasformandolo quasi in un musical soffocato da brani cantati oggi difficilmente proponibile. Non manca il solito personaggio macchietta (un napo-americano piuttosto simpatico, va detto) cui spetta qualche intervento sdrammatizzante, mentre la resa dei conti finale offre uno dei pugni in faccia (con doppio cappottamento sul divano) più ridicoli cui si possa assistere al cinema. Una Napoli meno ricostruita del previsto fa da bello sfondo al tutto.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Panza   29/5/15 10:36 - 1409 commenti

Melodramma napoletano che nonostante una certa sciatteria nella regia e una trama abbozzata e rimpinguata da esibizioni canore riesce ad avere ancora qualche motivo d'interesse. Gli attori recitano in maniera a volte un po' caricata (ma all'epoca per questo genere funziona così) ma funzionale alla vicenda, che si fa datata nelle fasi sentimentali. Riguardo alla storia delle spie non si aspettino scene d'azione movimentate, ovviamente. Finale risolto alla bell'e meglio con rissone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pugno con capottamento sulla sedia che ricorda tanto le comiche con Buster Keaton.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)