Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VANISHING ON 7TH STREET

All'interno del forum, per questo film:
Vanishing on 7th street
Titolo originale:Vanishing on seventh street
Dati:Anno: 2010Genere: horror (colore)
Regia:Brad Anderson
Cast:Hayden Christensen, Thandie Newton, John Leguizamo, Taylor Groothuis, Jordan Trovillion, Jacob Latimore, Ron Causey, Arthur Cartwright, Courtney Benjamin, Shawntay Dalon, P.J. Edwards, Benjamin Brennan, Christina Benjamin, Pamela Croydon, Kyle Clarington, Dennis Budziszewski, Will Clarke
Note:E non "Vanishing on the seventh street". Presentato al 28° Torino film festival, nella sezione "Rapporto confidenziale".
Visite:979
Il film ricorda:Darkness (a Undying), La notte della cometa (a Brainiac), They - Incubi dal mondo delle ombre (a Brainiac)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 17
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/12/10 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 3/7/11 9:13 - 10961 commenti

Pur disponendo di un budget probabilmente risicato (e si vede dai "magri" effetti speciali), il regista Brad Anderson ha talento. La costruzione visiva del suo film è buona, così come la capacità di costruire la tensione. Peccato che la sceneggiatura sia povera e la scelta del cast non entusiasmi. In particolare Hayden Christensen, pur impegnandosi, fornisce una prova piuttosto opaca; appena meglio gli altri attori, compreso il di solito sottovalutato John Leguizamo. Il film è purtroppo un'occasione sprecata.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 9/1/12 17:43 - 3875 commenti

Lo stile è quello di Session 9, ma Anderson qui è molto più impreciso e didascalico. La tensione non ha soluzione di continuità, ma le motivazioni delle scomparse umane non sono ben sviluppate e piuttosto confuse. La scenografia è convincente, le recitazioni discrete e aleggia, sul film, un clima da Ai confini della realtà. La solidarietà umana sembra il tema "nascosto" e questo giova - minimamente - ad una produzione altrimenti poco avvicente e (quasi) del tutto incomprensibile. *1/2
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 30/7/11 23:26 - 4343 commenti

Troppo facile e, soprattutto, troppo comodo. Uno si sciroppa un'ora e trenta di gente che scompare nel buio, di superstiti che tirano a sopravvivere tra un generatore ballerino e una torcia a rischio spegnimento, compresi i fari di un'auto e non c'è una spiegazione che è una, neanche sul perchè la notte sia sempre più lunga? Non esiste, proprio come le persone sparite. Per i primi trenta minuti ci può anche stare; e un minimo di tensione e di atmosfera viene creata, ma poi ci vuole dell'altro, o lo spettatore si sente preso per i fondelli. Della serie "Beccati questo e fattelo bastare". "No!".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ciò che attende nel buio e che, purtroppo, resterà tale; "Io esisto!".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Schramm 4/10/14 11:31 - 2345 commenti

A Anderson le forze motrici dell'Assenza, dell'Ombra, dell'Eco, della Fantasmaticità continuano a mandare in cabriolet al punto da elevarle qua a catastrofe planetaria. E se sono da una parte lodevoli il sottrarle al plasma come al viziaccio di una rassicurante ratio, dall'altra va detto che il pedale della catastrofe resta pigiato solo per metà, senza mai toccare il fondo: a tutto quanto di truce, perfido e terrifico avrebbe potuto rendere davvero spaventosa l'opera è applicata una tara troppo gravosa per non renderlo antalgico. Apocalisse sì ma con Nesquick. Direi che non ci siamo.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 5/12/10 3:16 - 7048 commenti

Un blackout provoca la quasi totale estinzione dell'umanità. Restano pochi superstiti. Cosa succederà? Grande occasione sprecata: lo spunto inziale era molto intrigante, mentre il prosieguo è abbastanza risaputo e banale, finale compreso. Inoltre si parla un pò troppo e ciò diluisce la già scarna tensione. Peccato: resta solo qualche bel momento o poco. Forse non c'era materiale per un intera pellicola ma per un bel mediometraggio o un buon telefilm (magari della serie Twilight Zone).
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 23/2/11 13:54 - 8155 commenti

Inizia bene, come iniziava bene E venne il giorno: un evento inspiegabile, terrificante, che lascia i sopravvissuti nell'angoscia. Poi però ben presto, l'interesse vanishing, in quanto la narrazione si accoda ad un pugno di personaggi scialbi, interpretati con scarsa convinzione, con dialoghi fra il fastidioso e il demenziale (vista la situazione). Alcune preziosità visive (le ombre che avanzano sono effetto semplice quanto efficace) non bastano a salvare un film verboso, dal finale fastidiosamente simbolico. Insomma, sotto il vestito, niente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Dialogo in un momento drammatico - Lei "Perchè tutte le altre non funzionano e questa si?", lui "E' una Chevrolet" (pubblicità dis-occulta?).
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Brainiac 28/1/11 19:44 - 1081 commenti

Ai confini della 7ma strada si rinfocola la fantascienza d'antan, innescata da una regia illuminata, chiarificata (?) da una sceneggiatura-depistaggio (vendetta della natura? Fine del mondo? Lettura psicanalitica?), in un film che barcolla con savoir-faire fra il "grande esempio di cinema" (il rallenty souleggiante, l'ansiogena colonna sonora, la tensione metronomica) ed il pollice verso per il finale "adamitico" (le mele?!?) oltre che per un soggetto bellamente scippato al mondo delle ombre. Brad Anderson si conferma un regista autentico, di quelli che il tempo non relegherà alle tenebre.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Hackett 2/2/13 9:59 - 1603 commenti

Il film parte molto bene, giocandosi con giuste dosi la suspance e il budget minimalista e dando l'ottima impressione di una pellicola d'altri tempi, basata sul ruolo degli attori invece che sugli effetti speciali. L'entusiasmo rientra in parte nel proseguo della vicenda, quando appare chiaro che poche spiegazioni saranno date e alla vicenda viene appiccicato un finale poco incisivo. Anderson è un ottimo regista, che bene rende l'angoscia, ma per ora il suo Session 9 è un capolavoro ineguagliato.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 3/8/11 15:00 - 394 commenti

Clamoroso passo falso di Brad Anderson, che dopo un inizio di carriera interessante sembra avere il fiato corto. L'idea non è oroginale sebbene qua e là affiori la tendenza del regista a discostarsi dai clichè del genere. Il film rimane un fumoso (e ahinoi poco riuscito) horror metafisico.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 12/2/19 1:08 - 5894 commenti

Visivamente e concettualmente affascinante, ma piuttosto rozzo nella caratterizzazioni dei personaggi e nello sviluppo della vicenda. Anderson dirige bene ma la sceneggiatura, dopo un avvio folgorante, va calando senza degnarsi nemmeno di dare qualche spiegazione strada facendo. Comunque alcune discrete sequenze di tensione ci sono e il cast non è male, compreso il sempre vituperato Christensen.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Greymouser 16/2/11 16:41 - 1441 commenti

Brad Anderson è uno bravo, ma stavolta non so cosa gli passasse per la testa: firma un film del tutto impotente sul piano visivo, statico e verboso nella sceneggiatura, con protagonisti sempre isterici, enfatici e inclini allo sproloquio costante. A fronte di tutto questo, non c'è una storia che possa riempire il vuoto di attenzione. E' solo un lavoro di atmosfera, ma di un'atmosfera che non è granchè. Gli sbadigli arrivano subito, una volta giocata la carta iniziale che prometteva pur qualcosa, e vanno avanti fino all'imbarazzante finale.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Taxius 1/9/18 18:16 - 1352 commenti

Cala la notte, un blackout e chiunque non è illuminato da una luce autonoma sparisce nel nulla; subito si scopre che la causa di tutto sono delle fameliche ombre. Film che comincia non bene, benissimo ma che poco a poco finisce per afflosciarsi in un nulla di fatto, ed è un vero peccato. Il problema è che, se si escludono i primi 30 minuti, il film è piatto e noioso. Ciliegina sulla torta un finale di rara banalità che rovina anche quel poco di buono che si era visto fin lì.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Pumpkh75 10/10/17 14:28 - 1208 commenti

Contano più le brezze di solitudine, la disperazione incredula di una fine prossima e inevitabile, la sensazione contagiosa di alienazione e smarrimento oppure i frequenti capitomboli della sceneggiatura, un abulico Christensen fuori parte e la colloidale confusione di intenti? Propendo per la scelta emozionale e plaudo a quell'aura di oppressione che si deposita sul groppone. Quando l’omaggio diventa però scopiazzatura (nell’incipit La notte della cometa è quasi plagiato), allora i dubbi aumentano. Ondivago ma fascinoso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visione di Leguizamo.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Jena 23/7/11 10:54 - 1039 commenti

Non è che a Anderson manchi il talento, tutt'altro e lo si vede nei giochi di luce, nell'atmosfera ma fa un cinema sospeso, di attesa (vedi The machinist o Rumori e tenebre) che non mi diverte. Mi rendo conto di vedere un film "fatto bene" ma mi annoio e aspetto la fine. Qui ci hanno messo la loro anche gli sceneggiatori e per praticamente tutto il film si sta in attesa di capire cosa stia accadendo, poi il film finisce. Legnoso Christensen, sopra le righe la Newton, bene Leguizamo.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Blutarsky 30/10/13 17:02 - 350 commenti

Improvvisamente le persone cominciano a sparire ingoiate dal buio; i pochi rimasti cercano di sopravvivere nascondendosi nella luce. Ennesima variazione sul tema dei sopravvissuti assediati da un pericolo; peccato che lo svolgimento sia ordinario e senza sussulti, con una buona messa in scena ma debole nel costruire la tensione e anonimo nella definizione dei personaggi. A visione ultimata le buone idee disponibili sembrerebbe bastare giusto per un corto e a parte il suggestivo incipit poco altro rimane nella memoria.
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)

Hearty76 30/9/11 11:57 - 215 commenti

Come lasciar cadere nel vuoto un'ottima idea che poteva essere sviluppata decisamente meglio. C'è suspence che rapisce lo spettatore ma fino ad un certo punto, poiché più si va avanti più interrogativi senza risposta si accumulano. Il tutto è giocato sul confine, spesso indefinito, tra varie dimensioni (inclusa quella onirica), però si ingenerano anche svariate incongruenze... come il fatto che il moto accelerato della Terra avrebbe dovuto causare come minimo dei cataclismi! Si può tralasciare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cavallo, che appare dal nulla e per i fatti suoi sgranocchia le mele alla faccia dei superstiti.
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)

Lebowski 8/12/10 17:22 - 81 commenti

Film inspiegabilmente piatto e poco emozionante, nonostante una regia solida e uno spunto di partenza che poteva essere intrigante (quei vestiti vuoti disseminati per terra trasmettono una certa angoscia...). Forse il motivo è dato dai personaggi abbastanza sfocati, con cui è difficile solidarizzare (e le interpretazioni poco convincenti degli attori non aiutano), oppure dalla mancanza di un vero e proprio sviluppo drammatico; comunque tolte alcune sequenze di suspense non rimane granchè da ricordare. Anderson ha fatto di meglio.
I gusti di Lebowski (Fantascienza - Horror - Poliziesco)