Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SETTE GIORNI A MAGGIO

All'interno del forum, per questo film:
Sette giorni a maggio
Titolo originale:Seven Days in May
Dati:Anno: 1964Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:John Frankenheimer
Cast:Burt Lancaster, Kirk Douglas, Fredric March, Ava Gardner, Edmond O'Brien, Martin Balsam, Andrew Duggan, Hugh Marlowe, Whit Bissell, Helen Kleeb, George Macready, Richard Anderson, Bart Burns
Note:Aka "7 giorni a maggio" o "7 days in may". Soggetto tratto dal romanzo "Seven Days in May" di Fletcher Knebel e Charles W. Bailey pubblicato nel 1962.
Visite:604
Il film ricorda:A prova di errore (a Nicola81)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/11/10 DAL BENEMERITO PIGRO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/7/18
Uscito pochi mesi dopo l'assassinio di JFK e STRANAMORE ma alcuni prima di A PROVA DI ERRORE, il film di Frankenheimer si colloca in un periodo storico ben preciso in cui la Guerra Fredda con i russi toccava i suoi vertici e il cinema reagiva di conseguenza. Ragionare come in questo caso sul disarmo nucleare dei due blocchi poteva significare andare contro l'opinione pubblica (come ci viene mostrato nell'incipit, nel quale le fazioni pro e contro sfilano coi cartelli a Washington), ma il rischio di una guerra “definitiva” era fortemente sentito. Qui l'ipotesi sostenuta da chi riteneva che continuare la corsa agli armamenti avrebbe portato solo alla distruzione sembra prevalere ed essere difesa dal presidente (March), pronto al grande passo. Per questo l'esercito, rappresentato in primo luogo dal Capo di Stato Maggiore (Lancaster), organizza in gran segreto un complotto per sovvertire l'ordine costituito. A rendersi conto del piano è il colonnello Casey (Douglas), che riferisce quanto ha scoperto direttamente al Presidente. Un gioco di posizioni che Frankenheimer organizza con professionalità ma senza l'altissima tensione che riuscirà invece a ottenere Lumet di lì a poco. La situazione tende infatti a ristagnare non poco lasciando spazio a verbosi dialoghi che, per quanto ben interpretati, finiscono per appesantire il film ottenendo solo di rado qualche accelerazione significativa. Già ci vuole un po' troppo prima di entrare nel vivo dell'azione e capire in che direzione si voglia andare; se poi una volta raggiunto il fulcro si prosegue pontificando e filosofeggiando in attesa di capire davvero come la situazione possa evolversi, allora si capisce come le due ore rischino di farsi pesanti. Ci si arena in fasi interlocutorie, di chiara attesa, si ripetono gli stessi concetti per tutto il film variando solo i toni e i personaggi che si affrontano in quello che di fatto è un dramma teatrale in cui le scenografie sono rappresentate quasi esclusivamente dalle sale del potere. Tra i tre protagonisti chi ha il ruolo più importante è il presidente di March, con Lancaster subito dietro e Douglas più defilato e controllato. Ammirevole comunque la misura con la quale tutti e tre interpretano la buona sceneggiatura di Rod Serling. Cinema di qualità che tuttavia del terzetto eccellente del 1964 resta il meno incisivo: perde con la satira ficcante e straordinaria di Kubrick ma anche con l'inquietante allegoria di Lumet.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 20/11/10 10:16 - 7334 commenti

I più alti generali Usa complottano un golpe contro il Presidente che vuole il disarmo nucleare: un plot impegnativo per i temi e per la tensione narrativa che viene messa in campo. Il film evita trame troppo complicate o azioni muscolari, concentrandosi invece sull'incalzare degli eventi e sui confronti intellettuali che portano i vari personaggi a scelte e responsabilità. In un pulito b/n prendono forma casi di coscienza e spunti di riflessione su grandi questioni politiche: la democrazia e la pace, prima di tutto. Cast di alto livello.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 21/8/19 22:58 - 7038 commenti

Thriller fantapolitico diretto con la solita mano solida di un Frankenheimer in grandissima forma. Non c'è azione eppure il livello di coinvolgimento è totale e la tensione narrativa si mantiene sempre alta, a parte pochissime pause. E tutto viene ottenuto solo attraverso dei dialoghi sempre brillanti, stringenti e ficcanti, con alcune momenti che restano nella memoria. Ottima prova del cast, sia tra i protagonisti che nelle parti di contorno. Gran film che coniuga alla perfezione intrattenimento con interessanti e sempre attuali tematiche. Da recuperare.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 20/5/17 23:21 - 8139 commenti

Quando il Presidente degli USA prende posizione per la distensione ed il disarmo, alcune alte gerarchie militari complottano per esautorarlo... Falchi vs. Colombe in questo film di fantapolitica poco fanta e molto politica sceneggiato dall'esperto in uto/distopie Rod Serling e diretto con polso da Frankenheimer che può contare su un cast da grandi occasioni. Ineccepibile March, al quale pure spetta il ruolo più a rischio di retorica, grande duello sotterraneo della rodata coppia Lancaster-Douglas, bene gli altri. Quasi interamente basato sui dialoghi, avvincente, con poche pause o cedimenti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Conosce la Bibbia abbastanza bene da sapere chi era Giuda?" "Si, conosco Giuda, ed un tempo lo ammiravo...".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 8/5/18 9:13 - 2473 commenti

Film figlio di un'epoca in cui il pericolo di un conflitto atomico USA-URSS era molto sentito. Nel 1964 uscirono ben tre ottime pellicole dedicate all'argomento e questa di Frankenheimer non sfigura certo, al confronto delle altre. La trama è solida così come la regia, che ci fa vivere una settimana cruciale per la vita democratica degli USA. Ottimi tutti gli interpreti principali, che reggono sulle spalle un film basato soprattutto sui dialoghi. Cinema di un tempo che fu, che oggi può apparire datato ma che rimane tuttora validissimo.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Rambo90 30/10/14 18:35 - 5881 commenti

Thriller fantapolitico appassionante. Nonostante tutto sia affidato a lunghi dialoghi e i complotti rimangano sempre nell'ombra, il tempo scivola via molto bene e la regia di Frankenheimer è corretta. Il cast aiuta molto: Lancaster è perfetto nel ruolo del generale esaltato dalla guerra e dalle armi, da contraltare gli fanno un ottimo Douglas e l'invecchiato March. Un piccolo gioiello anche la fotografia in bianco e nero.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Rufus68 20/11/16 19:58 - 2656 commenti

A differenza degli altri due capitoli della trilogia (Va e uccidi e Operazione diabolica) il film è privo di una vera sensazione di angoscia e paranoia. Scompare l'individuo e sulla scena si affrontano in un duello fratricida le grandi forze istituzionali della democrazia americana: vi scintillano, perciò, l'abilità dialettica e la finezza delle strategie, il che induce una lieve sensazione di prolissità. I dialoghi, però, sono ottimi (bello il confronto fra il Presidente e il generale ribelle) e gli attori perfetti (grande Lancaster).
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Nicola81 19/12/16 12:58 - 1695 commenti

Guerra fredda, pericolo nucleare, minaccia di un colpo di stato militare... Musica per le orecchie di Frankenheimer, che affronta l'incandescente materia con apprezzabile realismo, evitando facilonerie e spettacolarizzazioni, forte di una solida sceneggiatura e di un grande cast: memorabili March (il presidente democratico fautore del disarmo con la Russia) e Lancaster (il generale che mira a sostituirlo), più in ombra Douglas, sebbene sia lui a smascherare il complotto; bei ruoli di fianco per O'Brien, la Gardner e Balsam.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio; Il confronto tra March e Lancaster; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 15/10/14 11:53 - 1404 commenti

Usa e Unione Sovietica si impegnano a mettere al bando le armi nucleari; la posta è alta, i timori che l'altra parte venga meno agli accordi è fondato. In un contesto di retorica pro e anti militarista vediamo Lancaster in un ruolo "da cattivo", assolto con bravura: un generale che, daccordo con altri capi militari, è pronto a subentrare al presidente per dare una sterzata a una politica rischiosa. A volte dà la sensazione di un film di propaganda al contrario, mellifluamente incentrato non sulla forza ma sul dialogo. Grande prova del cast.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Giacomovie 10/3/19 12:33 - 1319 commenti

L'accordo tra gli Usa e l'Urss sulla riduzione degli armamenti causa disordini fino al tentativo di un colpo di stato. Film di chiara impronta politica che con un po' di fantasia rispecchia la situazione di quel periodo politicamente delicato. La solida regia di Frankenheimer gli conferisce il sigillo di prodotto di qualità nonostante sia molto dialogato per via di uno script verboso e distaccato ma di spessore. La matura Ava Gardner compensa il minore fascino con la classe.
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)