Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PROZAC NATION

All'interno del forum, per questo film:
Prozac nation
Titolo originale:Prozac Nation
Dati:Anno: 2001Genere: drammatico (colore)
Regia:Erik Skjoldbjærg
Cast:Christina Ricci, Jason Biggs, Anne Heche, Michelle Williams, Jonathan Rhys Meyers, Jessica Lange, Jesse Moss
Visite:296
Il film ricorda:Secretary (a Brainiac)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/11/10 DAL BENEMERITO BRAINIAC

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Capannelle 27/11/17 23:29 - 3582 commenti

Come la protagonista nella vita reale si lasciò andare all'abuso di antidepressivi, così la Ricci nel film si lascia catturare da una regia passiva che non riesce a valorizzare la sua prova come dovrebbe. Tra sguardi allucinati e paranoie irrisolvibili ci si trascina lentamente in un vortice più apatico che drammatico che coinvolge pure le figure di contorno. Peccato perché i dialoghi non sarebbero nemmeno male.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Brainiac 18/11/10 23:53 - 1081 commenti

Dicesi film che attacca con l'arpeggetto post-rock, che pare la versione (più)irritante d'American pie. Christina in the skyes with diamonds, conflitto-familiare peggio della segretaria, elettra-complessata tipo Marina, abbacchiata più di May: she hates herself and she wants to die, ad occhio e croce. Al minuto venti questo film lo detesti, al minuto trenta -moderatamente- lo apprezzi, passata l'ora sei sul divano annientato, a rivangare di traumi pre-puberali e gioventù-stonate. La Ricci è un magnete di porcellana: gli occhi si piantano su di lei e non la mollano più.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Saintgifts 27/1/11 21:35 - 4099 commenti

Prozac Nation nasce dall'omonima biografia di Elizabeth Wurtzel pubblicata nel 1994, dove la scrittrice racconta la sua esperienza con la depressione. Il film è fatto molto bene: interpretazioni di alto livello sia della Ricci (la Wurtzel) che della Lange (la madre). Una sceneggiatura perfetta, assieme alla regia e agli interpreti, riesce a far capire l'inferno della malattia e la grande difficoltà di aiutare chi ne è colpito. Una visione che fa anche soffrire, tanto le situazioni e i comportamenti sfiorano un assurdo che è realtà.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Paulaster 27/3/19 10:03 - 2372 commenti

Giovane scrittrice finirà in depressione. Attenzione data all’uso di pillole per sconfiggere la malattia ipotizzando, come causa, le influenze genitoriali. Inizio brillante all’università (con cameo musicale di Lou Reed) con discreti commenti musicali. Quando la patologia interviene il quadro è sbilanciato tra gli scompensi caratteriali della Ricci e la terapia: la prima rende l’idea di cosa possa capitare, la seconda appesantisce la visione senza dare spiegazioni. Morale con critica all’abuso di medicinali ma non nominando alcuna lobby.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ricci che prende l’exctasy; La rapina alla Lange.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Corinne 8/3/13 22:33 - 390 commenti

Tratto dalla biografia di Elizabeth Wurtzel, descrive in maniera efficace la sua discesa nella depressione e la "graduale e poi (non tanto) improvvisa" risalita affidandosi all'ottima interpretazione della Ricci. Abuso di sostanze, fasi maniacali, paura dell'abbandono, scatti d'ira e propositi suicidi... Molta carne al fuoco, ma il risultato non è né esagerato né didascalico. Da vedere.
I gusti di Corinne (Giallo - Horror - Thriller)