Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE WARD - IL REPARTO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 45
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/11/10 DAL BENEMERITO VAWE POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/10/11
John Carpenter torna all'horror puro e caccia tutti dentro l'ospedale psichiatrico: nel reparto arriva Kristen (Amber Heard), che si ritrova a condividere le giornate fra i freddi corridoi con altre quattro ragazze. Nessuna di loro sembra particolarmente instabile, ma i medici le riempiono di pasticche e non disdegnano l'elettroshock. Intanto qua e là compare uno spettro che pare uscito dalla CASA di Raimi ma si comporta da perfetto Michael Myers, con qualche timido accenno splatter. Niente di nuovo sotto il sole, e certo non basta spostare indietro a un fittizio (e poco percettibile) 1966 l'azione per cambiare le carte in tavola. Allestito il set praticamente unico (peraltro un tipo d'ambientazione vista innumerevoli volte al cinema), scelta una fotografia d'effetto che sappia valorizzare i giochi di luce (prevalenza dei toni azzurri), il gioco sta nel muovere il meglio possibile le pedine. Ma la fantasia scarseggia, il colpo di scena finale sa di vecchio e riciclato per cui poco resta per sollazzare lo spettatore. Giusto il mestiere di un regista che il genere lo conosce a menadito ma che se è costretto a spaventare ricorrendo a mezzucci (le solite apparizioni improvvise con sbalzo musicale) forse è bene che aspetti il copione buono.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 2/6/11 9:30 - 10960 commenti

Torna Carpenter, ed è un ritorno in grande stile. The ward non dice nulla di nuovo ma lo dice maledettamente bene a riprova che il regista ha ancora molto da dare al cinema. A partire dall'incipit e dai (bellissimi) titoli di testa, Carpenter entra subito nel climax della vicenda e mantiene da par suo la tensione per tutta la durata del film. Vincente anche la scelta dell'ambientazione negli anni '60, con tutti i sottotesti legati al periodo. Da vedere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 6/2/12 18:45 - 3875 commenti

Carpenter predilige un approccio citazionista girando, in maniera piuttosto evidende, un rimando a Suspiria: e per il contesto "femminile", e per l'angusto reparto psichiatrico (evoluzione dell'istituto Elena Markos) e - soprattutto - per un'avvolgente serie di sussurri, respiri, rantoli che (pre)annunciano presenze malevoli. Ma se la prima parte del film avvince e catalizza la nostra attenzione, dal secondo tempo in poi le cose degenerano, e The ward assume l'apparenza di un modesto TV movie, fracassone, urlato, concitato, convulso e anche disordinato. E, ancor peggio, anonimamente diretto.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 30/5/11 13:59 - 4341 commenti

La prima metà, col direttore Gianni (lascia il tagliacarte sul tavolo in presenza di una psicopatica) e l'infermiera Pinotta (controlla la bocca e non la mano per vedere se la paziente ha preso le pillole) può lasciare perplessi; stessa cosa dicasi per la presenza in penombra (un classico). Ma poi, nonostante il ritmo, qua e là quasi ipnotico come il metronomo, si inizia a subodorare che potrebbe non essere il solito horror con mostro. Vista la spiegazione, magari non originale, ma convincente (la vera natura delle altre pazienti), si poteva osare di più, evitando le pause. Comunque, non male.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le varie "eliminazioni" (che alla fine avranno un senso).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 19/5/12 16:42 - 5737 commenti

Il film di un regista ormai a corto di idee, che nell’ambiente naturaliter autoritario e claustrofobico del reparto psichiatrico concentra un citazionismo forsennato, spinto sino alla colonna sonora gobliniana. Del vecchio Carpenter rimangono stabili l’elegante pienezza dell’inquadratura – i vetri rotti sui titoli di testa, la danza in sala – e la direzione delle attrici, ciascuna emblematica di varie personalità e ben lungi dall’essere semplice ragazzina urlante: e questo crea la differenza qualitativa rispetto alla pletora di horror americani mainstream.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’elettroshock.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Schramm 16/9/11 14:57 - 2345 commenti

Attenzione, prego: al reparto identità sospette, lungo il corridoio della paura e tra un nido del cuculo e una ragazza interrotta si è smarrito un ex enfant prodige di nome John. Come il suo corpo, anche il suo cinema è ammalato di progeria. La madre Fantasia è cortesemente pregata di recarsi al banco informazioni n°9, ove al momento è indaffarato nell'imbellettare magistralmente un cuore che non totalizza più battiti. The fard. Identity killed the Catpenter. Il nostro sesto senso ci informa che mai più riavremo indietro il demiurgo di cose buone dall'altro mondo, divenuto ormai un cineasta invisibile
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 30/11/10 14:59 - 7045 commenti

Si respira una deliziosa aria da vecchi tempi nell'ultimo film di Carpenter (dopo ben nove anni di assenza dal cinema). La sceneggiatura non eccelle e non sfigura, mentre la regia è solida ed è corroborata da atmosfere molto ben riuscite e da musiche (ah quei sospiri femminili non nuovi ma sempre inquietanti) che contribuiscono al bel risultato finale. Un film di genere come se ne facevano una volta, con una buona tensione, tanto mestiere e massicce dosi di splatter. Buono, ma non va paragonato con gli eccelsi lavori del passato.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 6/8/11 11:20 - 8149 commenti

Bonazza incendiaria rinchiusa in un reparto psichiatrico dove si aggira una misteriosa presenza che fa fuori le sue compagne una ad una, senza che il personale faccia nulla... Carpenter torna al lungometraggio dopo un'assenza quasi decennale e sforna un horror di buona confezione ma impersonale, a differenza del più rozzo film marziano che invece recava la sua impronta inconfondibile. Se a ciò si aggiunge una trama banale e un cast poco ispirato, la delusione è quasi completa. L'epilogo fa tornare i conti ma non emoziona né sorprende. Routine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Una sequenza veramente bella: quella su cui scorrono i titoli di testa, con le fotografie che si frantumano.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 11/4/11 20:56 - 2075 commenti

Basterebbe la meravigliosa sequenza della danza per cogliere l'immediatezza sensoriale del suo cinema, il perfetto sincronismo tra mezzi espressivi ed esigenze narrative. Se si intende il cinema horror come mestiere, regia, potenza dell'inquadratura, corpulenza del ritmo, messa a fuoco dell'azione, rispetto per la funzione dei personaggi, allora The Ward è un grande film, generoso e soddisfacente. Se invece si cercano raffinatezze, soluzioni inedite nella costruzione della sceneggiatura, non si mozzerà il fiato solo all'ultimo film di Carpenter ma all'intero corpo vitale del cinema horror.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 21/3/16 18:59 - 2474 commenti

Peccato, altra prova non molto convincente del buon Carpenter. Dopo le delusioni dei due film televisivi girati per i Masters of horror, speravo che tornando sul grande schermo il Maestro ritrovasse il suo antico estro. Invece, pur girando con mano salda, si affida a un soggetto risaputo e non riesce a donargli quel qualcosa in più che da lui ci si aspetterebbe. Non si pretendeva certo che potesse sfornare uno dei suoi capolavori, ma qualcosa di meno impersonale e più efficace di questo film che ha l'aspetto di un prodotto televisivo sì.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 20/1/15 12:56 - 3112 commenti

Un horror derivativo, tecnicamente pulito, qua e là noiosetto. La clinica tutta bonazze fa molto Jess Franco (anche se è curioso rileggere a posteriori il film da questo punto di vista) e il film, dalla sceneggiatura esilina, prova a tenersi in piedi con apparizioni da teen-horror e omicidi discretamente splatter. Non troppo convincente il look del mostro-killer, mentre del cast femminile solo la figlia di Meryl Streep riesce a farsi minimamente ricordare. Professionale e tutto sommato corretto, ma non indimenticabile. **! di manica larga.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 5/5/17 23:45 - 3575 commenti

Il progredire del racconto non porta a grandi cose e il continuo ricorso a effetti sonori, ombre del passato e a qualche trovata sadica (classica ma nemmeno tanto efficace) sono il segnale di una navigazione a vista e di un orizzonte filmico assai ristretto. Poca empatia con le protagoniste e la sensazione che si guardi l'ennesimo prodotto di genere da cancellare subito dopo la visione.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Brainiac 4/4/11 22:50 - 1081 commenti

Anvedichè il buon J.C. si va a beccare tre pallini con una ceffa a metà fra il physique du rôle (villain) di Eddie il pupazzo dei Maiden e le smorfie di Linda. Con un (The ward il) reperto di film che sciorina un finale come ne abbiamo visti a pacchi (un po' a dire: "e questo passa il reparto"), con una soundtrack coperta da quel velo-tristo che s'intona al plot (ragazze tranciate: altro che interrotte). Retrò? No, grazie. Al limitar (d'un popò) di carriera J.C. rivoluziona la sua filosofia dell'assedio: il maligno non c'asserraglia più da fuori, il nemico è già dentro. Game-over, siamo fregati.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Hackett 4/9/11 18:45 - 1603 commenti

Lo spettatore più smaliziato intuirà dopo i primi dieci minuti il meccanismo alla base della vicenda, proposto ormai da troppo film degli ultimi anni. Nonostante questo la mano di Carpenter resta sicura e confeziona una pellicola più che dignitosa. Sicuramente il regista americano si conferma come uno dei pochi "Maestri dell'orrore" che stanno invecchiando in maniera onorevole.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 15/4/11 19:14 - 394 commenti

Non si può certo dire che la storia di questo nuovo Carpenter sia originale ed innovativa, ma risparmio i riferimenti anche perché aiuterebbero a capire lo sviluppo della trama. Detto questo il nostro sforna un lavoro dignitoso, che probabilmente in mano ad altri sarebbe stato men che mediocre nel risultato. A questo punto allo spettatore la scelta: meglio un film manierato dopo nove anni di assenza dalle scene, o meglio prolungare l'assenza in attesa di un'idea più originale? Ai posteri l'ardua sentenza, ma attenzione ai salti sulla sedia.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Redeyes 19/2/12 19:11 - 2045 commenti

Cerco - e l'ho fatto per tutto il film - di convincermi che Carpenter non abbia confezionato una pellicola scialba. Eppure non trovo niente che valga la pena. Non mi entusiasmano la sceneggiatura, il poco approfondimento dei personaggi, né la loro caratterizzazione. Mi dicono poco la presenza malefica e il finale. Mi chiedo: se non fosse il buon John ad averlo diretto staremmo qui a parlarne? Maliziosamente non credo proprio. Secondo me decisamente una pellicola mediocre. Passare oltre.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Orson 27/6/11 3:00 - 64 commenti

Ci si lamenta tanto di Argento, ma come mai sulle ciofeche di Carpenter ci si passa sopra? Già Fantasmi da Marte era maldestro, con questo The Ward sprofondiamo nella sagra del già visto e dell'inutile. Storia piatta e scontata che sfigurerebbe persino come TV-movie, colpo di scena finale già telefonatissimo in Shutter island, figuriamoci qui. Poi perché tutte le ragazze rinchiuse nel manicomio sono strafighe? Un po' implausibile... Così come il look di Amber Heard, poco credibile per il 1966.
I gusti di Orson (Horror - Poliziesco - Thriller)

Enzus79 9/10/11 10:01 - 1579 commenti

Ritorno alla grande per John Carpenter. Un film (nonostante lui non sia fra gli sceneggiatori) che ho molto apprezzato sia per come è stato diretto, ma anche per la suspence che crea. Certo il cast non è di altissimo livello, ma le musiche sono splendide e aiutano molto.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rambo90 3/6/11 0:24 - 5889 commenti

Il ritorno del maestro Carpenter al cinema è un horror prevalentemente psicologico, molto curato come fotografia, ambientazioni e atmosfere inquietanti ma pochissimo dal punto di vista della trama: risaputa, poco spaventosa e incapace di tenere sveglia l'attenzione dello spettatore. Peccato perché dal punto di vista registico appunto è ineccepibile, ma sia per un cast poco azzeccato sia per un finale imprevedibile ma per nulla coinvolgente il film stenta a decollare.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 26/2/13 17:10 - 3323 commenti

Un reparto psichiatrico e alcune ragazze disturbate. Una discreta confezione per il ritorno di Carpenter, che narra l'inquietudine con mestiere alternando immagini orrofiche ad alcuni momenti splatter ma sempre con attenzione evitando l'accozzaglia. Il finale, benché forse già visto altrove, appare risolutivo e spiazzante. Cast lievemente acerbo ma appropriato.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 5/11/12 22:40 - 2651 commenti

Il ritorno al lungo del vecchio John è solo superficialmente all'insegna del buon horror del tempo che fu. Se infatti è evidente l'intento di marcar la distanza, attraverso l'etica cinefila, dai furori adrenalinici della filmografia da playstation, è pur vero che Carpenter continua ostinato le sue sperimentazioni sulla forma cinema. Stavolta però il gioco sui limiti e i fantasmi della visione è un po' meccanico e il film soffre il fatto d'esser la versione di "genere" dello Shutter di Scorsese. La Heard guida un bel manipolo di giovani anti-starlette.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutte le apparizioni del mostruoso fantasma: telefonate eppure sempre spaventose.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Belfagor 17/3/16 1:34 - 2597 commenti

Il nuovo millennio non ha giovato a Carpenter, il cui inconfondibile tocco registico è andato sbiadendo nelle sue ultime opere (con l'eccezione del fortunato Incubo mortale): prova ne sia questo slasher ambientato in un reparto psichiatrico nella quale una giovane incendiaria assiste alla morte delle altre pazienti. Nonostante un'atmosfera più che discreta, la sceneggiatura e il cast non offrono nulla di particolare e nel complesso si fatica a notare la firma del maestro. Il finale, per quanto non innovativo, ha il pregio della coerenza.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Myvincent 8/12/11 9:05 - 2317 commenti

Dopo 9 anni il gradito ritorno di un grande maestro con un film vecchia maniera, ambientato in una casa di cura per malattie mentali da cui nessuna ospite riesce ad uscire viva. L'ambientazione è fredda, lo stile innegabile, il cast tutto al femminile per indagare a fondo nella pische disturbata di giovanissime donne dalle personalità differenti. Poca logica narrativa, come in tutti gli horror che si rispettino, molti colpi di scena che in crescendo accelerano la suspense. Non un capolavoro, ma godibilissimo.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 22/2/15 0:25 - 1996 commenti

Ambientato in un ospedale psichiatrico dove si respira una sferzante inquietudine che pervade la storia, psicotica e un po' macabra. Il ritmo è a tratti ipnotico, altre volte irrequieto e nervoso, ma nell'insieme ben amalgamato. Tratta il tema del doppio senza ricorrere a soluzioni impossibili che lo renderebbero poco credibile. E' come se fosse un grande incubo, zeppo di minacce e visioni che sembrano provenire dall'esterno (almeno fino a quando il finale ci rivela qualcosa di diverso).
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Ryo 24/5/12 11:25 - 1908 commenti

Torna John Carpenter alla regia a distanza di 10 anni dal discutibile Fantasmi da Marte. Con questo horror-thriller-psicologico c'è un flebile miglioramento; se non altro il cast completamente al femminile funziona ed è una piacevole sorpresa l'originale verità che esaspera un tema già trattato. Poche emozioni il mostro che si annida nel reparto, tutto troppo alla luce e tempi scontati. John può fare molto di meglio.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Mickes2 8/11/11 18:25 - 1551 commenti

Devo ancora decidere se dietro la mdp ci fosse davvero John Carpenter, quello de La cosa, Halloween, 1997 Fuga da NY, oppure un semplice omonimo. La storia è anche solida ma procede su binari flebili, senza scossoni, intorbidita da un leziosismo di maniera che da John non ti aspetti. Patinato nella forma, pochissima personalità e quasi del tutto privo di guizzi e colpi di coda degni di un grande autore come Carpenter. Il fattore horrorifico inteso come brivido innescato dalle inquadrature e dall'atmosfera che ne deriva, latita. **
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Il ferrini 23/4/17 17:02 - 1495 commenti

L'eleganza di Carpenter è indiscutibile: una vera festa per gli occhi. Regia e fotografia impeccabili tuttavia non fanno un capolavoro e a impedire a questa pellicola di distinguersi non è neanche la recitazione (più che dignitosa) quanto lo script. A metà strada fra Ragazze interrotte e Shutter island, il film rubacchia qua e là (l'infermiera è palesemente ispirata a quella di Louise Fletcher, la ragazzina morta ha un evidente debito con Samara) senza mai apportare qualcosa di originale e questo è il suo grande limite. Attrici bellissime.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della doccia; L'elettroshock.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Greymouser 1/6/11 10:11 - 1441 commenti

L'agognato ritorno di Carpenter al lungometraggio rivela che la classe non è acqua, e restituisce intatto il talento viscerale e del "Maestro", con la sua capacità di sintesi narrativa e suggestione visionaria. Peccato, però, che tanta sapienza vada in parte sprecata con un soggetto molto poco originale, e con uno script maldestro che ne accentua la prevedibilità. Il regista - nonostante ciò - trova spesso il guizzo vincente, il lampo creativo, la sequenza-killer. Non basta, per ora, ma aspettiamo il vecchio John per un vero capolavoro.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Taxius 26/12/16 12:47 - 1349 commenti

A quasi dieci anni da Fantasmi da Marte il maestro Carpenter torna dietro la cinepresa ma, come spesso capita in questi casi, il risultato non è dei migliori. Un reparto di un ospedale psichiatrico, un gruppo di ragazze e un'inquietante presenza. Il film non è brutto ma è insipido, sembra il tipico filmetto horror a basso budget girato con due spicci da un regista sconosciuto. Buono il colpo di scena finale, ma delle atmosfere carpenteriane non c'è assolutamente nulla. Evitabile.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Jandileida 18/5/12 1:09 - 1139 commenti

Diciamocelo: Carpenter ha fatto di meglio, molto meglio. Ma John è un gran volpone e un maestro: e allora il sapore della pellicola è gustoso e piacevolmente d'altri tempi. La tensione non manca mai (sinceramente, anche i momenti più telefonati un saltino sul divano me lo hanno fatto fare) e la classe del regista si vede tutta in alcuni momenti. Certo, il Cuculo (spesso citato) era tutt'altra cosa, il twist finale è ripreso pari pari da altre pellicole e Eddie fa la sua apparizione come fantasma cattivone ma, come Lemmy, il ripetersi con classe non è acqua.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Anthonyvm 23/7/18 23:40 - 1039 commenti

Decente, ma molto derivativo, thriller psicologico del maestro Carpenter qui alle prese con un cast prevalentemente femminile e di bella presenza (con la Heard si va sul sicuro). La trama è canonica, fra presunti esperimenti, presenze sovrannaturali e un mistero da risolvere. Molti i cliché che film d'ambientazione ospedaliero-psichiatrica richiedono, ma perlomeno il finale riserva un buon colpo di scena (seppure sia anche questo estrapolato da altri film). La confezione è dignitosa, qualche jumpscare ben piazzato, ma c'è di meglio in giro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lobotomia oculare utilizzata come forma di uccisione; Uno sgozzamento decisamente gore; La sorpresa finale.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Jena 1/10/11 18:26 - 1039 commenti

Non mi aspettavo certo i capolavori immensi del passato, ma qui il Maestro si limita al minimo sindacale. In definitiva poco più di un episodio di Fear Itself, che avrebbe potuto girare un Breck Eisner qualunque. Insomma John, lo dico con grande dispiacere, ormai si è messo in pensione. Non aiuta inoltre una trama banalotta (a parte la sorpresa finale) ed attrici atroci (su tutte Amber Heard, insopportabile dall inizio alla fine). Certo la mano del grande che fu si intravede qua e là ed un paio di omicidi si ricordano... troppo poco comunque.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo spuntone piantato nell occhio; la ragazza carbonizzata sul lettino dell elettroshock.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Digital 21/8/11 23:32 - 1038 commenti

L'ultima fatica di Carpenter si traduce in un horror scevro di brividi (per cercare di provocarli si ricorre allo stra-abusato espediente dei forti rumori) e altamente prevedibile (il colpo di scena si intuisce fin dai primi minuti). Le note liete risiedono nella bellezza sconvolgente di Amber Heard e nella confezione ultra professionale; un po' poco... Riprovaci John (forse) sarai più fortunato.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Lythops 17/8/11 19:28 - 972 commenti

Per chi ama John Carpenter una delusione. Certo, il film è diretto con grande mestiere e non potrebbe essere altrimenti, ma pare un concentrato di luoghi comuni e soprattutto citazioni praticamente di tutti i film psichiatrici, Nido del cuculo e Session 9 compresi. Col passare del tempo, tra una prova di recitazione e l'altra di attrici troppo belle per essere credibili come ospiti di un reparto del genere, passa anche la voglia di scoprire quale mistero si nasconda all'interno della struttura. Banale, noioso, tempo buttato. Peccato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I titoli di testa, che anche loro, dopo la nostra iniziale sorpresa, stancano.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Rocchiola 2/8/18 14:32 - 651 commenti

Quel che resta a oggi l’ultimo film di Carpenter non è troppo rassicurante sullo stato di forma del maestro. L’uso degli ambienti, le morbide carrellate in soggettiva e la capacità di creare suspense con pochissimi elementi dimostrano che lo stile è rimasto inalterato, ma dopo un inizio promettente la storia gira a vuoto e la sorpresa finale che ribalta tutto l’assunto paga dazio al moderno cinema di genere con qualche accenno anche al filone torture. Un prodotto su commissione in cui Carpenter non si dedica nemmeno alla musica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’arresto davanti alla casa in fiamme; L’arrivo nel reparto psichiatrico; L’elettroschock.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Jurgen77 14/3/16 8:51 - 594 commenti

Opera recente di Carpenter che riprende la già inflazionata idea di ambientare un horror/thriller in un ospedale psichiatrico. La trama è discreta, come la suspance e le ambientazioni. Purtroppo il tutto sa di già visto con un mix di scene e situazioni già utilizzate dal maestro statunitense in Fog, Il signore del male e Il seme della follia. Finale nello standard del regista americano. Il film di per sé non è male, ma da un volpone come Carpenter mi sarei aspettato di più.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Cloack 77 2/6/12 19:42 - 547 commenti

The ward è "ruspante", non statico, nient'affatto deprimente, veloce e "piacevole" nonostante di horror si tratti; in più il maestro non perde lo smalto e "griffa" due sequenze di gran classe (l'apertura e il blackout, con l'illuminazione dei fulmini). Forse dopo dieci anni di silenzio le attese erano troppo elevate, per un cineasta che può ambire all'empireo della serie B.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Pesten 4/11/17 12:41 - 529 commenti

Ad oggi ultimo film di Carpenter come regista, bistrattato da molti ma decisamente migliore di quanto è stato scritto e detto. Ok, trama alquanto semplice e lo svolgimento non prevede chissà quali colpi di scena, ma già la sensazione di ansia e di insicurezza che si prova lungo tutta la visione è decisamente Carpenter e un gran punto a favore del film. Nella seconda metà i connotati cambiamo un po' e forse sono più vicini a un film normale che a uno di Carpenter, ma la scoperta finale è di certo un tocco di classe.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)

Gabigol 4/2/19 22:43 - 377 commenti

Rivalutato alla seconda visione. Siamo nei paraggi del classico film di genere horror vantante all'attivo una sceneggiatura robusta e attenta ai dettagli, con quel filino di scorrettezza necessaria ai fini della fruizione (chi ha visto capirà). Carpenter lavora di mestiere per valorizzare un'ambientazione invero piuttosto abusata; la stessa atmosfera vive più della verve registica che di soluzioni narrative originali (è un film vecchio stampo). Un difetto: l'aspetto sovrannaturale poteva essere più "sobrio", anche se la resa visiva è giusta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pupazzetto e il braccialetto di Alice.
I gusti di Gabigol (Animali assassini - Fantastico - Horror)

Blutarsky 8/12/10 18:05 - 350 commenti

Carpenter torna al grande schermo in tono minore, colpa di una sceneggiatura non molto originale e telefonata in più di un aspetto, finale compreso. Non un brutto film, la regia è solida e classica nello stile e contribuisce a creare la giusta atmosfera di tensione, grazie anche all'ottima colonna sonora. Con mestiere Carpenter piazza qualche scena da salto della sedia old style e non manca di elargire la giusta dose di gore, ma alla fine il film non inquieta mai veramente e si finisce per apprezzare solo l'aspetto tecnico della pellicola.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena di ballo delle ragazze, i titoli di testa.
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)

Tyus23 4/7/11 21:40 - 220 commenti

Paragonare questo Carpenter all'ultimo Argento è quantomeno ingeneroso, però è innegabile che anche lo stile del maestro losangelino, spesso riconoscibile a prima vista così come quello del maestro italiano, risulta in questa ultima opera piuttosto annacquato. Certo, che Carpenter sappia dirigere (pure meglio di Argento) è evidente anche in The Ward, sebbene in questo caso non sia aiutato da una sceneggiatura né originale né interessante. Nemmeno il twist finale, piuttosto modaiolo, non serve a risollevare granchè le sorti di un film anonimo.
I gusti di Tyus23 (Drammatico - Horror - Thriller)

Hearty76 29/5/12 19:00 - 215 commenti

Ci si aspetta qualcosa di scontato, di già visto, persino di splattericamente noioso; eppure questo film sorprende nella sua allucinante e claustrofobica cornice involutivo-ospedaliera. Forse il finale rivelatorio è stato un po' accellerato, tuttavia l'effetto psichedelico fra "trasversale" e "rewind" è davvero riuscito. Non trovo molto credibile l'ambientazione negli anni '60... ma ciò non toglie alcun pregio alla sferzante inquietudine della quale è pervasa l'intera storia macabra e psicotica.
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)

Max92 28/11/11 17:24 - 104 commenti

Orrido e squallido. Orrido perché cast, sceneggiatura ed effetti speciali sarebbero indigeribili persino per un b-movie e squallido per l'autorevole regista, ieri fenomenale ed inarrivabile ed oggi bolso e patetico. Fra citazioni (o plagi, per meglio dire) nauseanti de La fossa dei serpenti e Qualcuno volò sul nido del cuculo e vaneggiamenti epocali, Carpenter tocca i minimi storici, affidando oltretutto il complesso ruolo della protagonista ad un'attrice (Amber Heard) gnocca quanto si vuole ma di una cagneria imbarazzante. Tristissimo.
I gusti di Max92 (Animazione - Horror - Thriller)

Vawe 13/11/10 17:47 - 61 commenti

The Ward segna il ritorno, dopo ben 8 anni (esclusi i due episodi del Masters Of Horror), di Carpenter. Ambientato in un'ospedale psichiatrico negli anni '60, "The Ward" attinge idee, paure, incubi dai film old style. Kristen, giovane paziente come tante, cerca di avadere dai fantasmi e dalla cospirazione malsana che incombe nel luogo. Tecnicamente perfetti i colori, le inquadrature, la musica. Latente riguardo la trama (certamente non partorita dalla mente del Maestro), non originale, incapace di far accapponare la pelle. Peccato...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I titoli di testa d'apertura all'incubo...
I gusti di Vawe (Horror - Teatro - Thriller)

Zaratozom 18/8/11 1:48 - 56 commenti

Carico il dvd, mi sorprendo a sbadigliare. Come mai? Ehi, sto guardando Carpenter! E’ impossibile annoiarsi! Il mio idolo assieme a Romero e Argento (che però si son persi). Gli attori sembrano statue di ceraa… Forse il maestro ha voluto così per un effetto di straniamento, per permeare il film di un non so che di sospensione. Che trama! Che dialoghi! Li avessi scritti io sarebbero riusciti più convincenti… Ma ci deve essere una spiegazione! Ma come? Ho atteso tutti ‘sti anni dopo il far-west di Marte per questo?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il balletto interrotto dal bau-bau. Ma il mestiere del regista non salva dalla mediocrità del soggetto.
I gusti di Zaratozom (Fantascienza - Horror - Thriller)

Revu 16/11/11 21:04 - 2 commenti

Pellicola di zio John piuttosto esile, sicuramente fatta su commissione, che purtroppo non incide come ci si poteva e doveva aspettare. Interessante per le atmosfere e per qualche guizzo, nel complesso rimane più che vedibile ma nulla più. Un vero peccato perché, almeno io, speravo in un ritorno in grande stile per uno dei maestri del genere.
I gusti di Revu (Azione - Gangster - Poliziesco)