Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LA MALEDIZIONE DI JANICE

All'interno del forum, per questo film:
• La maledizione di Janice
Titolo originale:Eternal evil
Dati:Anno: 1985Genere: horror (colore)
Regia:George Mihalka
Cast:Winston Rekert, Karen Black, John Novak, Patty Talbot, Vlasta Vrana, Andrew Bednarski, Bronwen Booth, Tom Rack, Joanne Côté, Philip Spensley, Ron Lea, Len Watt, Michael Sinelnikoff
Note:Aka "The blue man", "Potere occulto" ma non "La maledizione di Janus".
Visite:944
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Prima di tutto complimenti ai titolisti italiani, che oltre a cambiare totalmente il senso dell'originale INTERNAL EVIL (ma questo càpita spesso) sbaglia anche la trascrizione del nome utilizzato nel film da Karen Black, che è Janus e non Janice. Detto questo, che sta a dimostrare com'è stata curata l'edizione italiana (il doppiaggio è terribile), va detto che in ogni caso ETERNAL EVIL non meritava molto di più. In fondo è il solito horror di seconda mano, di quelli sulla trasmigrazione delle "anime malvagie" da un corpo all'altro (qui la chiamano proiezione astrale, ma non cambia molto). Interpretato approssimativamente da un cast che ha nella sola "horror queen" Karen Black l'unico attore di valore e nemmeno troppo presente, visto che i protagonisti veri sono Winston Rekert (il pubblicitario Paul Sharpe) e John Novak (il sergente di polizia che conduce le indagini), il film di George Mihalka si segnala per una frustrata volontà di offrire spunti registici originali (vedi le scene riprese "a scatti") e per l'incapacità nel creare un minimo di interesse intorno alla vicenda. Colpa anche di una fotografia (Paul van der Linden) da tv-movie e di una mancanza d'originalità nell'idea di base. Pensiamo poi che l'orrore dovrebbe essere suscitato dalle solite soggettive del mostro invisibile e impalpabile che si avvicina da dietro alle sue vittime per poi ucciderle non si sa bene come. La sceneggiatura prova a mettere un po' di sale al tutto, ma è superfluo dire che è insufficiente, nonostante la buona volontà. E dire che l'inizio prometteva discretamente, grazie anche alle belle musiche di Marvin Dolgay (sorvoliamo su un pezzo scopiazzato spudoratamente da PHENOMENA di Argento). Poi invece si naufraga nel mare della mediocrità, fallendo quasi tutti gli obiettivi che anche un B-movie dovrebbe porsi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 10/3/08 22:53 - 3875 commenti

Karen Black dovrebbe garantire una presenza forte, ma il suo ruolo è limitato a qualche comparsa, mentre per il resto regna una regia sciatta, a dispetto dei tentativi sperimentali di riprese che si vorrebbero accattivanti: soggettive e stacchi di montaggio da "mal di testa". Non risolleva la qualità del tutto la presenza (si fa per dire) d'un mostro invisibile, generato dietro cause "astrali", tema che sembra - anche in futuro (976-Evil 2) - essere destinato a dar corso a sceneggiature poco avvincenti e ancor meno curate.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Herrkinski 2/5/19 23:59 - 4261 commenti

A parte il discreto Il giorno di San Valentino Mihalka non è che abbia lasciato grandi tracce, nel cinema; non fa eccezione questa sorta di horror soprannaturale che affronta il tema dei viaggi astrali, un soggetto potenzialmente interessante ma che viene messo in scena in modo scialbo e confuso, tra uno script che spesso soccombe a dialoghi prolissi e inconcludenti e una confezione da tv-movie. Il cast che pare abbandonato a sè stesso non aiuta; qualche discreto movimento di steadicam nelle sequenze oniriche ma nel complesso una barba tremenda.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Rufus68 5/5/18 18:45 - 2450 commenti

Non meriterebbe l'infimo giudizio, ma è talmente privo di interesse da non lasciare nulla di memorabile. Le possessioni ricordano un poco "La cosa sulla soglia" di Lovecraft, le esplosioni interne Alien... per il resto nulla da segnalare. Ritmo fiacco, taglio televisivo e solo la grande Karen, ambigua e demonica, riesce a ravvivare un finale altrimenti fiacchissimo. Discrete, invece, le musiche.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Tomastich 10/9/10 11:27 - 1191 commenti

L'unica cosa interessante di questa pellicola è vedere il figlio del protagonista con la t-shirt di Stay Hungry (bestseller album della heavy-metal band Twisted Sister). Per il resto c'è solo un'accozzaglia di immagini sparse, pseudo oniriche, pseudo psicologiche, pseudo telecinetiche. Pseudo horror.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Gabigol 13/9/17 18:56 - 330 commenti

Di una povertà di mezzi davvero avvilente questa pellicola, che può fregiarsi della sola Karen Black (manco troppo presente) affinché lo spettatore non crolli nel torpore più profondo. Steso un velo pietoso su sceneggiatura e fotografia, quello che rimane è una pellicola che vive di momenti inutili, dialoghi sciocchissimi e virtuosismi registici inspiegabili che rendono ancora più incomprensibili alcuni passaggi - teoricamente - topici della narrazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della madre che soccorre il figlio; I viaggi astrali sfocati per la fotografia; Il monologo scemo della Black a fine film.
I gusti di Gabigol (Animali assassini - Fantastico - Horror)