Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GORBACIOF

All'interno del forum, per questo film:
Gorbaciof
Dati:Anno: 2010Genere: drammatico (colore)
Regia:Stefano Incerti
Cast:Toni Servillo, Yang Mi, Geppy Geijeses, Gaetano Bruno, Hal Yamanouchi, Antonio Buonomo, Agostino Chiummariello, Salvatore Ruocco, Salvatore Striano, Francesco Paglino, Nello Mascia
Note:Aka "Gorbaciof - Il cassiere col vizio del gioco".
Visite:1298
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 24
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/9/10 DAL BENEMERITO SUPERCRUEL

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 4/3/11 7:28 - 10961 commenti

Le larghe spalle di Toni Servillo, grande e camaleontico attore partenopeo, reggono quasi da sole un film che è in parte un occasione mancata. La storia del cassiere del carcere di Poggioreale che si lega ad un'immigrata cinese, è interessante ma necessitava di una sceneggiatura più ricca e sviluppata, decisamente meno minimale di questa. Regia e fotografia pregevoli ma su tutto spicca l'ottima prova del protagonista.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 25/8/12 9:22 - 7339 commenti

Il protagonista è copiato di sana pianta dalle Conseguenze dell’amore (invece il finale cita Pulp fiction): taciturno e svaccato, che maneggia soldi (qui cassiere di un carcere patito del gioco d’azzardo), apparentemente pulito ma colluso con sporchi affari, innamorato di una barista (qui cinese) àncora di salvezza da un orizzonte grigio di perdizione. Servillo è bravo caratterista per una maschera patetica dei nostri giorni. Ma il resto affonda nel nulla anti-narrativo di sequenze inconsistenti, prevedibili o leziosamente modaiole. Noioso.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 4/12/10 23:39 - 4343 commenti

Che Servillo sia un bravo caratterista è fuori dubbio, come lo è il fatto che questa sceneggiatura non sia certo molto originale e ricca di spunti particolari. Va però detto che il personaggio principale, con la sua maschera, il suo atteggiamento, il tutto rafforzato da una sorta di scudo che alza contro il mondo, abbassandolo solo per una ragazza cinese, riesce a dare un perchè alla pellicola; e si finisce quasi per provare una certa ammirazione per un uomo disonesto, col pallino del gioco, che sa però riconoscere cosa è bello e fragile, nello squallore, tentando persino di proteggerlo.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 28/1/12 2:19 - 7048 commenti

Fragilissimo noir partenopeo che paga non tanto i ritmi dilatati e dei dialoghi rari e scarni (anzi, potrebbero anche essere note positive), quanto piuttosto una pochezza di idee che si traduce in una sceneggiatura prevedibile e priva di guizzi, fino a giungere al finale (pietoso e con troppe, imbarazzanti e fastidiose bestemmie) trito e già visto pure quello. Incerti “sorrentineggia”, o meglio ci prova, ma non se lo può permettere. Servillo è bravo, bravissimo ma a volte gigioneggia troppo e forse sarebbe arrivata l’ora di cambiare personaggio
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 23/9/12 22:44 - 1621 commenti

Contabile penitenziario disonesto e biscazziere si crogiola in una vita squallida, fatta di solitudine e giri nei bassifondi. Poi si invaghisce di una ragazza cinese e sogna l'evasione. Film manifesto di un'idea deteriore di cinema, dove bastano un grande attore (peraltro marmorizzato), sequenze sospese e molti silenzi per impressionare. Tutto sbagliato, con tragicomica menzione per la storia d'amore platonica (e anche un po' neomelodica) e il finale scopiazzato malamente dalla scena di un film molto famoso. Francamente terribile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'unica sequenza che mi sia rimasta in mente è quella della gita all'aeroporto.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Deepred89 3/2/11 0:51 - 3112 commenti

Toni Servillo è ottimo ed espressivo: l'unico vero pregio del film è questo. Le altre cose o non funzionano o funzionano poco. La trama, tendente al noir, è fiacca e prevedibile e si chiude in maniera ancora più prevedibile (anche se, meno prevedibilmente, in tale occasione si tira in ballo Pulp Fiction). Aggiungiamoci la lentezza sconcertante del tutto, acuita dai dialoghi ridotti all'osso, il tutto sommato all'opaca confezione. C'è qualche spunto accettabile quà e là, ma tutto il resto è noia. Non riuscito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'acquario coi pesci rossi.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Supercruel 18/9/10 23:31 - 498 commenti

Davvero un buon film questo di Stefano Incerti. La bella sceneggiatura (una storia d'amore e di quasi-redenzione) è poggiata sulle granitiche spalle di un Toni Servillo maestoso. L'attore campano recita col viso e con il corpo, proferendo ben poche parole e riuscendo ad essere davvero espressivo e convincente. Il ritmo è buono, non ci sono momemti di stanca e/o inutili e tutti i comprimari reggono molto bene la scena a Servillo. Uno dei prodotti migliori tra le ultime opere italiane.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Enzus79 8/9/13 11:08 - 1579 commenti

Storia interessante seppur poco originale. Fa un certo effetto vedere Toni Servillo al limite del muto e per di più in un ruolo da disonesto. La regia di Stefano Incerti è apprezzabile. Si poteva far qualcosa di più, specialmente nella seconda parte. Comunque non male.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Cif 9/11/10 0:32 - 272 commenti

La pellicola si regge sull'interpretazione fuori dal comune di Servillo, che ormai sceglie i suoi registi premiandoli con la sua presenza. Però Incerti approfitta della presenza del grande attore napoletano cercando di nascondere dietro a lui i limiti di una storia che vuole essere originale ma che non vi riesce fino in fondo, riproducendo inevitabilmente le solite dinamiche relazionali. Belle in ogni caso l'ambientazione carceraria e ovviamente la ricerca dei dettagli, dei gesti di GorbacioF. **!.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La coprotagonista, davvero intensa; il parrucchino di Servillo, la giacca abbottonata e poi i tempi del finale e lo scioglimento.
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Pinhead80 19/7/12 11:33 - 3489 commenti

Il vero, unico, grande protagonista del film è Toni Servillo, e lo si capisce sin da subito quando per alcuni minuti lo vediamo camminare per le strade di Napoli. Da qui a cavarci un film come si deve però ce ne passa. L'assenza di una sceneggiatura decente porta il regista a girare un film interamente centrato sulla maschera di Servillo, che fa il possibile/l'impossibile per elevare un po' l'intera opera. I lunghissimi silenzi intervallati dai dialoghi scarni e poveri di contenuto non contribuiscono a rendere il film piacevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il volto e la camminata di Servillo.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Nando 25/2/12 22:56 - 3323 commenti

La solitaria e dissoluta vita di un contabile viene sconvolta dall'incontro con una giovane asiatica. Narrazione rarefatta corredata da un'intensa fotografia. Servillo, non nuovo a certi innamoramenti, regge da solo il film che mostra uno sviluppo narrativo poco memorabile finalizzato ad uno scontato finale. Valide le ambientazioni.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Paulaster 18/1/12 10:07 - 2348 commenti

Servillo ha una gran faccia, ma da sola non basta a reggere un film. Dialoghi nulli ed approssimazione scenica trascinano la breve durata del girato in un buco nero dove nel finale sparisce tutto, senza lasciare traccia. Sfrontato fin dall'inizio, punta al personaggio cult, ma l'associazione con la cinese che non spiccica una parola è di una banalità sconcertante. Piccola parte di Hal Yamanouchi (che è sempre una gioia vedere).
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Myvincent 7/9/13 14:32 - 2320 commenti

Un amore silenzioso, sia perché i protagonisti parlano lingue diverse sia perché Gorbaciof non è un uomo di tante parole, prende il via, basandosi unicamente sulle azioni dell'uno per l'altra. Lo sfondo è la solita Napoli fatta di imbroglioni e camorristi, sul quale si proietta l'ennesima tragicomica piroetta di Toni Servillo.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Didda23 18/1/12 0:10 - 2127 commenti

Difficile giungere alla fine dell'opera con gli zebedei intatti: Servillo non salva la baracca poiché imbrigliato sempre nello stesso ruolo; Incerti gioca a fare l'autore privando lo spettatore del dialogo e dilatando, a più non posso, il ritmo non entusiasmante della pellicola. Si evince solamente un vuoto imbarazzante di idee, sublimate dal citazionismo nel finale. Quel minimo di dialogo presente è inficiato dalla parlata stretta napoletana (per me incomprensibile) e dai proverbi cinesi. Un'ora e mezza buttata letteralmente nello scarico.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Stefania 7/4/11 22:28 - 1600 commenti

E' bella e tace (o al massimo si esprime in proverbi cinesi), cammina come se avesse ancora i piedini fasciati, si incanta di fronte a tigri, uccelli e pesci negli acquari: questa Lila è una rottura di palle di donna! E perciò è la donna ideale per suscitare istinti protettivi e tardive speranze di riscatto in un vizioso di mezza tacca come Gorbaciof. Che è un mix tra Geremia (cammina come lui) e Titta (è altrettanto silente), in un noir partenopeo privo di qualunque evoluzione drammatica che non sia puramente meccanica. Finale tipo: "terminiamo con una citazione, così non sbagliamo". Inutile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gorbaciof che fa l'aereoplanino per la cinesina, per farle capire che partono in aereo. Ma avrebbero continuato così, a cenni, vita natural durante?
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Xamini   2/11/10 22:53 - 908 commenti

Non v'è dubbio sul fatto che la recitazione di Servillo sia il pezzo forte del film. I dialoghi non sono poi così necessari, all'interno di un'opera su celluloide, però, qui, la sensazione è che le idee siano pochine. Vale a dire un lavoro quasi esclusivamente di sensazioni in cui, tuttavia, pur con tutta la delicatezza di cui è capace Incerti, manca ancora qualcosa per stamparsi nel cuore dello spettatore. In rilievo una citazione a Pulp Fiction.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del carrello, che affascina sin dal trailer.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Lupoprezzo 15/1/11 1:12 - 635 commenti

Datemi una telecamera e metteteci davanti Servillo (un vero mattatore) e un film così lo giro anch'io. L'impersonale Incerti cerca di scimmiottare Sorrentino, ma non ne possiede la qualità e non dispone di uno script decente (ed è inutile riprendere Servillo che si avvia attraverso corridoi manco fosse il divo: il film in pratica è tutto qui). Finale ridicolo. Se si cercano le conseguenze di un amore in una solitudine basta citofonare e chiedere, almeno, di Sorrentino. Solo per i fan di Servillo.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Alex1988 4/9/19 17:46 - 556 commenti

Film fin troppo particolare per avere successo tra il pubblico: freddo, asettico, con i primi venti minuti quasi completamente privo di dialoghi. E' un mondo sporco quello di Gorbaciof (il protagonista), in cui sembra essere soltanto lui quello con la coscienza sporca. Nel corso della storia ci si renderà conto che non è cosi. Finale soltanto in apparenza stupido e sbrigativo.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Cloack 77 6/7/12 17:05 - 547 commenti

Fino a quando il film prova a condurre una ricognizione quasi documentaristica su questo personaggio muto, dissociato, abbastanza viscido e disgustoso, nulla lascia presagire la virata della seconda parte; anzi, ascoltando per la prima volta la sua voce dire "parola", sembra quasi di assistere a un rigurgito di personalità della sceneggiatura. Purtroppo è quando il pedinamento finisce e comincia il racconto che si passa al puzzle, al collage di scene pensate da altri, alla citazione maniacale.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Mutaforme 16/7/12 14:11 - 383 commenti

Servillo, null'altro. Il film si basa sulle espressioni, le azioni e i sentimenti del protagonista. Il resto è inutile contorno, compresi i rari dialoghi (siamo al limite del cinema muto) e la debole sceneggiatura. Impalpabile l'attrice cinese, a parte la lacrima per il padre. **
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Tyus23 28/10/10 0:36 - 220 commenti

Piccolo film che però dimostra che esiste ancora un cinema italiano di qualità, anche se raramente viene premiato dagli incassi. Incerti dirige con personalità (pur se la quasi assenza di dialoghi alla lunga si fa sentire) e con Servillo disegna un personaggio riuscito che regge tutto il film sulle sue spalle. Ottimi caratteristi e musiche spesso in primo piano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Vafanmocc'...
I gusti di Tyus23 (Drammatico - Horror - Thriller)

Neapolis  24/10/16 0:02 - 172 commenti

La disperazione della perdizione e la speranza della redenzione, ma incombe minaccioso Dostoevskij col delitto e castigo e, possiamo anche aggiungerlo, Servillo presenta ancora i postumi delle conseguenze dell'amore. Ma la sua interpretazione è sublime, come sublimi sono i primi piani di una incantevole Yang Mi. Incerti comunque ci prova a farlo, il film: poteva fare di meglio ma c'è chi osannato fa molto di peggio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Prima parola proferita da Gorbaciof al 11°: "Vafammocc!".
I gusti di Neapolis (Drammatico - Horror - Thriller)

Ianrufus 18/10/10 22:48 - 139 commenti

Servillo è bravo, bravissimo, ma il film non convince sino in fondo e alla fine certe smorfie di GorbacioF girano a vuoto. Per un attimo mi sono illuso di ritrovare il noir in Italia... niente da fare, occasione mancata. Il finale racchiude tutti i limiti dell'operazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Geppy Geijeses è un perfetto "cattivo".
I gusti di Ianrufus (Commedia - Poliziesco - Western)

Beccafico 15/10/10 20:30 - 21 commenti

Onore a Servillo. One man show. Mimica memorabile: capace di sostenere un intero film senza la necessità di aprire bocca (prima battuta dopo 15 minuti). Il regista lo circonda con la sua macchina a spalla. Strettissimi piani in movimento su un personaggio dalla vita priva di tregua lasciano lo spettatore in ansia perpetua. Un amore delicato apre prospettive lucenti e percorsi complicati. Incerti tratta Yang Mi con grazia suprema. Omaggio a Quentin Tarantino nella sequenza finale, ma il sapore qui è amaro. Davvero notevole.
I gusti di Beccafico (Comico - Commedia - Horror)