Cerca per genere
Attori/registi più presenti

STAZIONE TERMINI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/8/10 DAL BENEMERITO MATEMALEX

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Hearty76
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Markus, Myvincent
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Matemalex
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Minitina80


ORDINA COMMENTI PER:

Markus 24/7/14 12:11 - 2730 commenti

Tentativo di coniugare lo star-system hollywoodiano al nostro neorealismo. De Sica - forse nello sforzo di rendere appetibile agli americani la freschezza del nostro cinema verità - mischia le due carte ma, complessivamente, appare evidente che le due linee non s’incrociano: da una parte il polpettone amoroso tra una coppia di profumati borghesi e, dell’altra, il rumore e il fetore della stazione Termini. Un prodotto ambizioso che temo possa essere apprezzato da me e... un po' di piagnucolose massaie Anni '50 al cinema!
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Myvincent 16/6/15 7:12 - 2206 commenti

Un amore clandestino sbocciato a Roma si consuma fra i binari della stazione Termini, fra struggimenti, dubbi, istantanee di vita comune. Il dilemma fra seguire il proprio istinto e il prevalere della razionalità vive negli sguardi espressivi dei protagonisti, guidati da Rossellini, qui in vena "neo-romanticistica". L'Italia del dopoguerra s'intravede come sottofondo, nella sua a volte misera dimensione esistenziale.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 7/12/17 16:46 - 1890 commenti

De Sica si cimenta in un genere che non è esattamente il suo, ossia il drammatico, ma concepito secondo i canoni americani del tempo. La stazione Termini, però, non è il luogo adatto per storie d’amore, per giunta appesantite da battute indigeste come melassa bollente. Non riesce a creare un minimo di pathos né a destare interesse per il destino dei due amanti, spaesati e prigionieri di ruoli stereotipati. Inutile negare che qualcosa non sia andato per il verso giusto perché tirando le somme non funziona affatto.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Hearty76 25/4/16 1:45 - 198 commenti

Insolito ma pregevole incrocio (termine adatto) di neorealismo italiano e melodramma americano. Nella celebre stazione ferroviaria di Roma, dominata da un serrato e poetico gioco di chiaroscuri, si fondono e confondono voci e sguardi della più varia umanità; attorno a una "cinematografica" coppia di amanti a cui la polizia fa pure passare un brutto quarto d'ora. Si congedano? Ci ripensano? Strappano al destino un ultimo attimo di felicità clandestina!? Il tempo incalza, ma per il trasporto del romanticismo si snoda e noi ci struggiamo per loro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La notevole bellezza "da copertina" tutta anni '50 dei due protagonisti; Il prestigioso doppiaggio italiano di quell'epoca.
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)

Matemalex 16/8/10 0:00 - 5 commenti

Un tormentato addio tra due amanti, l'americana sposata Jones e l'insegnante italiano Clift, ambientato interamente alla Stazione Termini. Un polpettone melodrammatico che ricama in maniera eccessiva sui sentimenti e sui sensi di colpa della protagonista. Diverse misere umanità fanno da sfondo alla vicenda confermando la vena neorealistica del regista.
I gusti di Matemalex (Commedia - Poliziesco - Thriller)