Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LAZZARELLA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/7/10 DAL BENEMERITO TOMASMILIA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Neapolis
  • Non male, dopotutto a detta di:
    TomasMilia
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Homesick


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 22/7/17 8:05 - 5737 commenti

I diciottenni Panaro e Girotti (futuro Terence Hill) protagonisti di una commedia sentimentale secondo il consueto schema innamoramento-rottura-riconciliazione, animato dalla verace napoletanità di Modugno, che alterna le sue canzonette allegre e moderne a quelle più classiche e malinconiche di Fierro, e dalle facezie dell'impareggiabile Pica. Pandolfini macchiettistico professore di matematica. La città di Napoli si vede poco o nulla e il film, inevitabilmente, ne perde.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il compito in classe di matematica; La Pica che svolge indagini guidata dalla buonanima del marito brigadiere.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Neapolis  29/9/14 20:44 - 172 commenti

Tra i capostipiti dei musicarelli ha tutti gli ingredienti che tanto facevano sognare negli Anni Cinquanta: l'amore contrastato dall'appartenenza a ceti sociali diversi, il disincanto della gioventù e l'amore che alla fine trionfa sempre. La Panaro, un po' bassina, è al massimo del suo splendore e bellezza; Girotti, un po' ingessato, fa la sua discreta parte ma ad animare il tutto ci pensano due grandi di quegli anni: Domenico Modugno e Aurelio Fierro.
I gusti di Neapolis (Drammatico - Horror - Thriller)

TomasMilia 26/7/10 15:25 - 157 commenti

Due studenti, Girotti e Panaro, si amano ma le diverse situazioni economiche ostacolano la loro unione: lui s'impegnerà a costruirsi una posizione, lei diventerà povera per un dissesto finanziario del padre e continueranno ad amarsi. La Panaro emerge in bellezza come non faceva nella serie Poveri ma Belli. Il film nasce con la scusa di lanciare la canzone di Modugno (che è presente nella parte di un pizzaiolo-cantante) da cui il titolo del film. Non è però da inserirsi nel filone dei musicarelli quanto piuttosto in quello del Neorealismo Rosa.
I gusti di TomasMilia (Comico - Commedia - Giallo)