Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VIA DEL CORSO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/7/10 DAL BENEMERITO TARABAS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 6/3/13 18:41 - 11000 commenti

Fa apparire il vanziniano Via Montenapoleone come un capolavoro neorealista questo film (ma il termine film pare spropositato) di tale Adolfo Lippi. Concepito verosimilmente come uno spaccato di vita romana vissuta, il film annovera tra i protagonisti anche Laura Chiatti (degli altri attori si sono fortunatamente perse le tracce) la cui recitazione non rimane impressa nella memoria. Pedestre.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Tarabas 11/7/10 12:54 - 1628 commenti

Storie incrociate di due gruppi di coatti e coatte, che ruota intorno a un bar con terrazza nei pressi di Via del Corso. Per lo Stracult, sarebbe da recuperare. Per il sottoscritto, un rogo dei negativi nel non distante Campo dei Fiori potrebbe essere un'alternativa. Il cast prometteva e infatti non delude: cagneria mai vista. Imbarazzante la Chiatti, che non credo metta questo film nel curriculum. È incomprensibile come qualcuno possa aver pensato di mettere dei soldi in un'operazione simile, che ammicca compiaciuta al peggio del peggio. Sciagura.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Markus 6/5/13 9:43 - 2972 commenti

Gioie e dolori della travagliata vita di alcune ragazze di borgata romana. Onori al grande Adolfo Lippi che è riuscito - in sordina - a rigenerare un genere che nel 2000 pareva morto: quello del giovanilistico in chiave coatta che ci rimembra alcune pellicole abbandonate negli Anni ’80 (cito per esempio Ciao ma'). Film anacronistico che vede nella futura starlette Laura Chiatti l’unico personaggio noto. Ritmo, spensieratezza e battute senza sosta regalano allo spettatore desideroso di trash un'indimenticabile e divertente esperienza.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Stefania 22/1/12 16:45 - 1600 commenti

Sabato pian piano se ne va, Adolfo Lippi, ma che senso ha... Non si capisce il senso della pellicola: forse solo fornire visibilità ad una certa azienda di abbigliamento "ggiovane", il cui punto vendita di Via del Corso è ripetutamente inquadrato. Via del Corso è vetrine, il sabato pomeriggio è una vetrina, i suoi frequentatori sono manichini, che parlano e si agitano vanamente. Spaccato sociologico? Spacchiamo la vetrina, liberiamo i manichini! Film di formazione? No, di disin-formazione: una calunnia sui giovani, che serve a far sentire migliori gli adulti. Una bruttura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Camassa che, dopo aver subito un tentativo di stupro, chiacchiera sorridente con le amiche al Pronto Soccorso.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Panza   7/2/14 19:59 - 1435 commenti

Spaccato di vita romana o commedia infelice? Nella cornice di una via del Corso ripresa in lungo e in largo ecco spuntare tre giovani un po' burine alla prese con la vita di tutti i giorni. Naturalmente è un pretesto per torturare lo spettatore con macchiette di infimo ordine e foschi ricordi dell'epoca che ormai fortunatamente fu (l'epifania della D'Auria e la colonna sonora). Gli attori se la cavano male e della maggior parte di loro abbiamo perso le tracce. Regia dilettantesca con primi piani e riprese che scadono nel trash, come tutto il film.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)