Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AMORI E AMICIZIE

All'interno del forum, per questo film:
Amori e amicizie
Titolo originale:Passion Fish
Dati:Anno: 1992Genere: drammatico (colore)
Regia:John Sayles
Cast:Mary McDonnell, Alfre Woodard, Angela Bassett, Lenore Banks, Will Mahoney, Nelle Stokes, Brett Ardoin, Michael Mantell, Daniel Dupont, Chuck Cain, Shana Ledet Qualls
Visite:126
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/6/10 DAL BENEMERITO MCO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/12/15
Prima di tutto un film di attrici, straordinarie e meravigliosamente affiatate. La dolente sofferenza che traspare negli occhi di May-Alice (Mary McDonnell, non a caso candidata all’Oscar), attrice di soap che in seguito a un incidente d’auto si ritrova bloccata su una carrozzella, raggiunge a tratti un’intensità difficilmente eguagliabile. Lo sguardo che pare perdersi all’orizzonte, associato però a una forte presenza nella drammatica realtà del quotidiano, raggiunge vette espressive che la regia di John Sayles sfrutta con ammirevole grazia. Tornata al villaggio sul lago in cui era cresciuta, misuratamente sgarbata con tutte le infermiere che si occupano di lei e presto la abbandonano, May-Alice trova inaspettatamente una controparte perfetta in Chantelle (Alfre Woodard), ex cocainomane che nel suo iniziale distacco, in una freddezza che non scende mai a compromessi, la stupisce portandola inevitabilmente ad affezionarsi e a trovare in lei il supporto ideale a una situazione altrimenti difficilmente sostenibile. Assolutamente centrale quindi il rapporto tra le due, con la Woodard incapace di sorridere ma dotata di un’umanità unica che emerge anche in lei attraverso lo sguardo, in questo caso perennemente disilluso e malinconico. Sporadici gli incontri: prima le amiche ingenue dell’infanzia, poi tre colleghe di lavoro con cui passare un pomeriggio a rivangare i trascorsi televisivi, quindi un barcaiolo che porterà le due a visitare le paludi (e dove dalle viscere di un grosso pesce estrarrà i due “passion fish” cui fa riferimento il titolo originale), infine il padre di Chantelle: a lui è stata affidata la custodia della nipote dopo che la figlia era finita a disintossicarsi. Break che spezzano la solitudine delle due protagoniste, impegnate a riprendersi una vita che riesca a far loro dimenticare i rispettivi drammi afferrandosi l’una alle qualità dell’altra. Non mancheranno i momenti difficili, le liti (May-Alice che esige il diritto di annegare nell’alcool i propri dispiaceri), ma è rimarchevole l’abilità con cui Sayles cuce ogni scena regalando al film l’omogeneità necessaria a tradursi in un profondo realismo. Qualche divagazione superflua (la fugace relazione con l’amante dei cavalli), un’indugiare talvolta eccessivo in alcune situazioni toglie al film quella concisione che l’avrebbe nobilitato, ma il risultato finale resta comunque nettamente superiore alla media e il solo godere dell’impeccabile performance delle due protagoniste regala soddisfazione certa.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Mco 26/8/10 15:39 - 2085 commenti

Delizioso affresco sui valori supremi del rapporto interpersonale, con predominanza di quello dell'amicizia. Qui un'attrice, rimasta paraplegica a seguito di un incidente, riesce ad instaurare una sorta di empatia perfetta con una ex cocainomane che le fa da assistente, malgrado il caratteraccio che la contraddistingue. La regia e la fotografia sono di buon livello e il cast altrettanto valido; forse si può obiettare un'eccessiva prolissità, ma di pellicole come queste non ci si lamenterà mai.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)