Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DON CAMILLO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Terence Hill produce, dirige e interpreta questa rilettura moderna delle avventure inventate da Guareschi e già portate (meglio) sullo schermo dall'indimenticabile coppia Gino Cervi/Fernandel. La produzione ha ascendenze americane e, benché l'ambientazione resti naturalmente padana, l'influenza statunitense si sente, nell’impostazione. In pratica, più che a un “remake”, siamo di fronte a una sorta di “best of”, con alcuni dei più celebri episodi già apprezzati nei film di Duvivier che vengono uniti e abbreviati per dar vita a questa collezione che arriva a superare le due ore. Purtroppo lo spirito originale è andato perduto, Colin Blakely non può competere con Gino Cervi e Terence Hill è un parroco troppo piacione per convincere davvero. Di positivo c'è la solarità dei paesaggi, che contrasta con il severo bianco e nero di Duvivier e dà subito al film una connotazione diversa. Nel cast c'è posto solo per i due protagonisti, agli altri tocca di fare i comprimari senza poter apparire che in partecipazione (quasi) straordinarie: c'è posto per Andy Luotto (il braccio destro di Peppone, simpatico come sempre), per Mimsy Farmer e il figlio di Hill, Ross (è Magrino, un ragazzino dispettoso), per Cyril Cusack (il vescovo) e persino per i calciatori Boninsegna, Pruzzo, Ancelotti e Spinosi, gli ultimi tre schierati da Peppone nella partita di calcio finale. Ma manca una regia vera e si sente e l'idea del compendio all'americana funziona poco. Un “remake” fiacco, pasticciato, incapace di dare spessore all’antagonista Peppone.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 3/2/07 0:05 - 4484 commenti

Esecrabile. Nulla funziona. La trasposizione delle cose di Guareschi è disastrosa, l'inserimento di quelle nuove rasenta l'orrore. Attori fuori parte (un incubo Luotto che fa lo Smilzo), diretti malissimo (irriconoscibile la Farmer), con impietosi confronti con gli interpreti precedenti. Girato principalmente a Pomponesco, ove Brass ha fatto Monella.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 25/9/09 7:10 - 10987 commenti

Veramente pessima questa trasposizione cinematografica dei personaggi di Guareschi, diretta ed interpretata da Terence Hill. Al di là della scarsa aderenza degli attori ai rispettivi ruoli (troppo forte il ricordo delle interpretazioni di Cervi e Fernandel), in questo film non funziona quasi nulla, dalle storie, alla regia fino alla prova di tutto il cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 27/12/07 11:22 - 3011 commenti

Terribile. Già all'epoca, visto al cinema, lasciò impietriti (al punto che si preferì infilare gli auricolari e sentire per radio che la Juve espugnava il Partenio di Avellino alla 14° di andata con gol di Penzo - ! - e Platini). Girato piattamente, recitato in maniera imbarazzante (e fino ad allora Hill l'avevamo sempre sentito doppiato), e soprattutto non adatto - nè adattato. Mortificante poi la partita con gli amati Spinosi a fine carriera, e Bonimba ampiamente pensionato. Da dimenticare, un po' come Penzo.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 10/3/08 8:54 - 5737 commenti

Se Terence Hill, al suo esordio registico, intendeva omaggiare Guareschi e i suoi personaggi, ha fallito completamente. Il risultato è un inutile film di scazzottate, puerile, maldestro, calcistico, lontano sia dai romanzi dello scrittore emiliano che dalle pellicole classiche con l’inimitabile duo Fernandel-Cervi. Sprecato tutto il cast di contorno, nel quale figura persino il grande Cusack. Guardare al passato è buona cosa, ma volerlo trasportare nel presente può essere deleterio, come infatti qui accade.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 29/10/09 23:35 - 7087 commenti

L'operazione era ardua già sulla carta e alla fine si è rivelata tale anche nei risultati. Rifare un classico della cineletteratura italiana non si è rivelata una buona idea soprattutto perché a partorirla è stato un Hill che non ha certo una grande esperienza in campo registico. Quel che ne è uscito è sotto gli occhi di tutti. Il paragone tra gli attori moderni e quelli dei vecchi film è blasfemo e improponibile.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Ciavazzaro 24/9/08 16:27 - 4729 commenti

Orrore! Rifare Don Camillo senza Cervi e Fernandel è già di per sè un suicidio, ma girarlo così è assurdo! Con Hill e Blakely, la Farmer. Non funziona neanche una singola scena, provoca più disgusto che piacere. Anzi, solo disgusto. Orribile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Daidae 23/9/09 10:31 - 2609 commenti

C'è chi gioca a fare il furbo e pensa che riesumando un famoso film riuscirà decenni dopo a ottenere successo, facendo invece incetta di pernacchie e sberleffi. Film orribile, Hill davvero fuori forma, indescrivibile il resto del cast. Spento, banale, inutile... gli dò un pallino.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

124c 25/9/09 11:38 - 2705 commenti

Vi ricordate Don Camillo di Julien Duvivier, con Fernandel e Gino Cervi? Beh, scordatevelo! Quello è e rimane il capostipite di una serie di film anni 50/60 intramontabili. Il remake diretto ed interpretato da Terence Hill nel 1983 è una pellicola da dimenticare, nonostante il cast (che vedeva anche il figlio di Terence, Ross Hill, nel ruolo di Magrino). Troppa importanza alle due partite di calcio, troppe scazzottate stile Trinità, senza contare l'irlandese Colin Blakely nel ruolo di Peppone.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 22/6/16 11:43 - 2050 commenti

Rivisitare il Don Camillo cinematografico che, vuoi per qualità vuoi per assuefazione, eguaglia e identifica il libro di Guareschi era di per sé difficile. Hill prova a sfruttare l'ombra lunga dei suoi successi con Bud, ma anche per una certa imperizia registica e per una sceneggiatura non brillante, finisce per esser un copia sbiadita e poco ricordabile dei film da cui prende spunto. Peccato.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Lovejoy 25/12/07 17:53 - 1825 commenti

Dimenticabile ripresa dei personaggi di Guareschi da parte di un Hill mai così fuori parte (nonostante anni dopo abbia interpretato con successo la serie "Don Matteo"). La sceneggiatura è del tutto inesistente, vivacchiando su episodi che non suscitano manco per sbaglio una risata. La regia di Hill è priva di idee e si limita a dirigere come può il traffico. Mentre il cast, tolto il buon Blakely nei panni di Peppone, è decisamente mediocre (Hill in testa).
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 20/5/13 23:06 - 5945 commenti

L'idea di Terence Hill nei panni di Don Camillo non era pessima; peccato per la realizzazione poco divertente, una durata troppo lunga e un Colin Blakely/Peppone di scarso valore. Qualche bel numero c'è (vedi la scena di pattinaggio in chiesa) ma non si arriva mai ad alti livelli e il ritmo è francamente scarso. Forse l'episodio che mi ha divertito maggiormente è quello del biglietto vincente alla lotteria. Mediocre.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Il Dandi 25/6/16 19:57 - 1604 commenti

Prima di usurpare il nome di Lucky Luke trasformandolo nel suo Trinità, Hill aveva già riservato lo stesso trattamento al personaggio di Guareschi: Terence sembra preoccupato di rendere il "mondo piccolo" più attuale e internazionale, trasformando il reazionario Don Camillo in un prete post-conciliare amico dei giovani (e scade nell'imitazione di Celentano nella scena dei pattini a rotelle in chiesa). Blakely è un Peppone da film americano: se solo al suo posto ci fosse stato Bud Spencer l'operazione sarebbe stata più sensata e più onesta!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'interminabile partita di calcio.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Disorder 18/3/10 21:38 - 1388 commenti

L'ho rivalutato col tempo. Terence Hill è un don Camillo assolutamente "scorretto": pratica il bracconaggio, gira armato, sfreccia in motocicletta, addirittura fa correre con i pattini ragazzine in minigonna in chiesa: in pratica è l'antitesi del suo odierno don Matteo. Meno incisivo invece Peppone. L'errore è stato quello di voler fare un remake vero e proprio, riprendendo le battute storiche di Cervi e Fernandel (un confronto perso in partenza), per il resto è un film abbastanza gradevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Terence che sfreccia in motocicletta per le campagne, col fucile in spalla.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

R.f.e. 2/11/10 11:13 - 819 commenti

Già Giovannino Guareschi (1908-1968) non amava - ma per altri motivi - le trasposizioni cinematografiche con Fernandel e Gino Cervi dei suoi racconti ambientati nella Bassa parmense, nel "suo" Mondo Piccolo, dove aveva collocato le sapide avventure di Peppone e Don Camillo. Quindi se l'immaginassimo consapevole di questo obbrobrio ce lo potremmo figurare mentre si rigira nervosamente nella sua tomba di Roncole Verdi! Questo Don Camillo spurio, modernizzato, americanizzato, inutile, non è altro che la prova generale per il Don Matteo televisivo.
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Alex75 1/12/16 9:30 - 613 commenti

L’esordio alla regia di Terence Hill è ambizioso e al tempo stesso piuttosto pedestre. La sua prolissa trasposizione di alcuni episodi del "Mondo Piccolo" è troppo americana e troppo poco guareschiana per reggere il confronto con l’originale e risente dell’assenza di Bud Spencer. Eppure qua e là emerge un’inusuale e non disprezzabile vena malinconica, messa in risalto dai paesaggi padani e dalle musiche di Pino Donaggio. Commovente la dedica al regista Giuseppe Colizzi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Pepito Sbezzeguti"; La sfida a carte; Don Camillo in treno.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Claudius 8/9/19 8:55 - 327 commenti

Se non si fanno paragoni con l'originale questo remake della saga di Guareschi risulta godibile. Interessante l'idea di farne un personaggio politicamente scorretto (Hill se la cava) e la scena del pattinaggio è buona. Nel cast secondario meglio il verace Luotto di Blakely (inadatto) e stupenda la colonna sonora, soprattutto con l'organo. Nel complesso discreto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pattinaggio in chiesa; "Why" di Donaggio.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)

Stuntman22 27/9/14 19:15 - 110 commenti

Trasformare don Camillo e il mondo piccolo di Guareschi in un'americanata? Terence Hill, che pure è italianissimo, ci ha dimostrato che poteva essere possibile. Non varrebbe la pena di dire altro, se non che dei romanzi guareschiani restano giusto i nomi dei personaggi, anche a prescindere dai film di Duvivier che conosciamo. Peppone che tracanna birra è davvero il massimo, oltre che il riassunto di tutta l'operazione: dov'è il Lambrusco? E che c'entra la partita con glorie calcistiche nostrane?
I gusti di Stuntman22 (Avventura - Azione - Poliziesco)

Brik94 11/8/15 8:44 - 68 commenti

Esordio alla regia di Terence nel remake del film con Fernandel e Gino Cervi. Preciso che non ho mai visto gli originali, quindi basandomi solo su questo devo dire che non mi è dispiaciuto. Forse ha troppi buchi nella sceneggiatura e alcune parti non sono molto chiare, ma Terence se la cava come al solito affiancato da Blakely nel ruolo di Peppone. Bella colonna sonora di Donaggio e particina per Ross Hill, figlio di Terence.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scazzottata tra don Camillo e Peppone nel campanile; Terence colpisce un giocatore avversario con la bandierina del corner; I dialoghi con Gesù.
I gusti di Brik94 (Azione - Commedia - Giallo)