Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I VAMPIRI DI PRAGA

All'interno del forum, per questo film:
I vampiri di Praga
Titolo originale:Mark of the Vampire
Dati:Anno: 1935Genere: horror (bianco e nero)
Regia:Tod Browning
Cast:Lionel Barrymore, Elizabeth Allan, Bela Lugosi, Lionel Atwill, Carroll Borland, Jean Hersholt, Henry Wadsworth, Donald Meek
Note:Alla sceneggiatura contribuirono, tra gli altri, Guy Endore (cui va il merito di altri classici del fantasy anni '30, come The Raven, Mad Love, La bambola del diavolo) e (non accreditato) John Balderston (al lavoro anche negli adattamenti dei celeberrimi Dracula e Frankenstein della Universal).
Visite:709
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/5/10 DAL BENEMERITO PAU

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Von Leppe 28/12/15 20:00 - 941 commenti

Avrebbe potuto essere un buon film se non fosse stato per il finale stile giallo che rovina la parte dal sapore soprannaturale che lo precede. Ci sono ottime scene horror che vedono impegnato Bela Lugosi in un ruolo simile a Dracula, quello del conte Mora, accompagnato dalla vampira Luna, ben interpretata da Carroll Borland. I due insieme, in un'ambientazione gotica, danno vita a scene di orrore dall'atmosfera magica. Bello il titolo italiano, anche se non del tutto calzante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le apparizioni di Lugosi; La vampira che vola con la ali da pipistrello.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Manowar79 14/7/10 14:35 - 309 commenti

Browning, approdato alla MGM, cavalca l'onda del successo ottenuto in casa Universal mettendo in scena un Dracula-clone, ma senza Dracula: o meglio, con un Bela Lugosi che si limita a fare la statuina e non proferisce parola per tutto il film. Barrymore, bravissimo, ruba la scena a tutti e a modo suo tiene in piedi la baracca che, guardata con occhio critico, appare quasi un riassunto parodistico dei clichŔ dell'horror gotico. Le intenzioni erano senz'altro diverse, ma tant'Ŕ. Carroll Borland Ŕ una specie di Morticia Addams ante litteram.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Pau 5/5/10 20:19 - 125 commenti

Gradevole escursione di Browning nel gotico: vecchi castelli, algide vampire, mantelli, brume, ragnatele e candelabri... non manca niente, persino Lugosi pare impegnato nella caricatura di se stesso in maniera ancora pi¨ smaccata del solito. Ma quando il sospetto della "maniera" inizia a farsi certezza, ed affiora persino un po' di noia, arriva il twist che ribalta le certezze dello spettaore e restituisce incisivitÓ alla vicenda. Barrymore gigioneggia compiaciuto, Carroll Borland - splendida vampira muta - fa rimpiangere la sua breve carriera.
I gusti di Pau (Giallo - Poliziesco - Teatro)