Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TOTò CERCA PACE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Della trilogia dei “Totò cerca…” (CERCA CASA e CERCA MOGLIE sono gli altri) questo è il meno considerato, probabilmente a causa dei nomi minori coinvolti, in primis quel Mario Mattoli che nessuno oserebbe mai mettere sullo stesso piano di un Monicelli (TOTO’ CERCA CASA) e nemmeno di un Bragaglia (TOTO’ CERCA MOGLIE). In realtà TOTO’ CERCA PACE è molto diverso dai suoi due predecessori e, nonostante la regia di Mattoli, sorprendentemente il meno comico. Volutamente, però. Perché si tratta di una commedia “senile”, incentrata sul matrimonio tra due vedovi (Totò e Ave Ninchi) conosciutisi al cimitero. E la bravura del grande attore napoletano sta proprio nel riuscire a far ridere anche in un contesto sostanzialmente triste, cupo. Reso tale pure dalla protervia con la quale i nipoti di lei (Isa Barzizza) e di lui (il toscano Giovanni Nannini, comico locale dato che la vicenda è ambientata a Firenze) cercano di seminare zizzania terrorizzati dalla prospettiva di perdere parte dell'eredità. Più simpatico allora il vicino scroccone Enzo Turco, uomo di buon cuore e sempre pronto ad aiutare l'amico Totò. Ci sono qualche divagazione di troppo (il viaggio di nozze a Napoli, ad esempio) e una regia anonima, poco incisiva, ma la commedia di Caglieri dalla quale sono partiti gli sceneggiatori Maccari, Vincenzo Talarico, Mattoli e lo stesso Caglieri offre più di uno spunto interessante ed è decisamente più matura rispetto alle ingenuità e alle gag infantili che spesso ammorbavano i due “Totò cerca” di cui sopra. Un film molto umano, caricaturale ma fino a un certo punto, con qualche caduta di tono ma un discreto ritmo complessivo. E un Totò meno clownesco e più attore, lontano dagli eccessi mimici dei suoi lavori dichiaratamente comici e apprezzabile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 26/5/13 13:03 - 10904 commenti

L'amore tra due maturi vedovi è contrastato dai perfidi parenti. Abbastanza atipico nella filmografia di Totò, questo di Mattoli racconta una storia maggiormente strutturata del solito e con il protagonista intento in una recitazione meno "buffonesca" e più matura. Il film è forse meno divertente rispetto a quelli a cui il grande comico ci ha abituato ma è comunque godibile, grazie ad una discreta sceneggiatura e ad una regia briosa.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 13/6/09 10:31 - 7282 commenti

Due vedovi si sposano, ma i rispettivi parenti, inviperiti per l'eredità che si allontana, seminano zizzania sperando in premature dipartite. Commedia per certi versi gustosa, anche se non particolarmente divertente: davvero un umorismo vecchi tempi... Su questa base si impianta il brio di Totò che, pur dovendo rimanere nei confini ben delineati del suo personaggio e della storia, riesce a vivacizzare il film. Compresi nella parte, e comunque efficaci, gli altri attori, e soprattutto l'indimenticabile Ave Ninchi.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 1/8/16 0:38 - 8008 commenti

A forza di ritrovarsi al cimitero in visita alle tombe dei rispettivi consorti, due maturi vedovi scoprono di potersi consolare a vicenda, ma i parenti, che avevano già fatto la bocca alle pingui eredità, faranno di tutto per fomentare disaccordi fra gli sposini freschi freschi... Commedia più tradizionale rispetto a quelle interpretate da Totò nel periodo, poiché, essendo maggiormente strutturata, lascia meno spazio all'improvvisazione comica e ai giochi di paroli. Comunque godibili i duetti con la paciosa ma energica Ninchi e con i parenti serpenti interpretati da bravi caratteristi.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 30/12/15 8:51 - 4099 commenti

Commedia che contiene tutti gli elementi piccolo borghesi di un'Italia in rinascita. Per dare un'idea, Totò commerciante in mobili esige un certificato di matrimonio da una giovane coppia prima di vendere loro una culla. Parenti tratteggiati come avvoltoi che mirano all'eredità, amici scrocconi e coppie più o meno bene assortite. Totò e Ave Ninchi, maturi vedovi, si risposano, forse per interesse, ma si scoprono gelosi l'uno dell'altra. Recitazioni misurate, comprese le "sparate" di un Totò sempre napoletano ma trapiantato a Firenze.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Minitina80 27/3/15 22:47 - 1976 commenti

Una storia divertente e garbata, dai toni pacati ma in grado di regalare momenti di ilarità. Totò e Ave Ninchi non recitano mai sopra le righe, sanno essere divertenti pur conservando uno spirito umano di due teneri vedovi che si incontrano e si vogliono bene. Simpatico anche Enzo Turco nei panni del vicino scroccone.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

R.f.e. 14/6/09 11:22 - 819 commenti

Solitamente prediligo il Totò funambolico "da rivista", quello degli adattamenti in Ferraniacolor delle commedie scarpettiane, rispetto al Totò personaggino patetico di film come Guardie e ladri, Dovè la libertà, ecc. Ciononostante, questo adattamento di una nota commedia vernacolare toscana non mi dispiace affatto, l'ho sempre trovata molto gradevole e, stranamente, "ottimista" (!). Curiosamente, apprezzo di più la coppia Ninchi-Totò in questo piccolo, sottovalutato film che non in Totò e le donne, che invece trovo cupo e pessimista...
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Graf 15/10/12 21:44 - 624 commenti

Una commedia realista, questa interpretata da Totò e diretta dal fedele Mattoli. Un film diverso nel quale recita un Totò differente dalla solita marionetta disarticolata e astratta, un Totò che si cala, in modo impeccabile e con esatta aderenza psicologica, in un personaggio borghese, economicamente solido con una storia anagrafica ben precisa. Un film dal ritmo disteso ma con una vicenda intrigante, con un Totò tranquillo, riflessivo, a volte malinconico che però spesso si infiamma con il fuoco della farsa quando duetta con i "parenti serpenti". Buono.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)