Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• MORTO TROISI, VIVA TROISI!

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Insolito e infaustamente profetico, è uno special della Rete 3 Rai approntato poco dopo i soddisfacenti esordi filmici del grande attore napoletano. Troisi si presta a fingersi morto per far impazzire una sorta di goliardica trasmissione commemorativa, nella quale si alternano attori famosi in processione per firmare il registro davanti al letto di morte dov'è disteso Troisi (Pippo Franco, Nadia Cassini, Mario Pastore, Lory Del Santo e altri vip) ad apparizioni televisive del nostro, in gran parte conseguenti agli straordinari riconoscimenti ottenuti con il memorabile RICOMINCIO DA TRE. Dal Festival di Taormina alle interviste con Pippo Baudo emerge la forte personalità di un comico straordinario, originalissimo e capace di far ridere pur parlando in un napoletano a tratti incomprensibile. Per completare poi l'operazione finto-commemorativa vengono inseriti, qua e là, gli interventi di alcuni dei personaggi coi quali Troisi ha diviso il mestiere: l’inseparabile (ai tempi della “Smorfia”) Lello Arena interpreta un improbabile angelo custode che parla in romanesco e non ne vuol sentire da chi lo accusa di non aver vigilato abbastanza sul suo protetto, l'allora esplosivo Benigni (nascosto da un vetro ma riconoscibilissima dalla voce dalla sagoma) si lancia in incredibili e divertentissime offese post mortem (era uno schifoso, puzzava, lui e la sua famiglia….) che a risentirle oggi fanno rabbrividire. Troisi comunque sta al gioco e accetta di fingersi agonizzante durante l'ultima intervista “quando ancora nulla faceva presagire cosa sarebbe successo”: un altro pezzo comico efficacissimo ma che suona terribilmente profetico. Un culto assoluto, macabro e - suo malgrado - intriso di humour nerissimo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 17/3/10 15:37 - 10960 commenti

Con sbigottito senso profetico si assiste oggi alla messa in scena ironica e ridanciana della morte di Massimo Troisi poco tempo prima della morte reale. Programma gustoso e divertente in cui il grande artista napoletano chiama a raccolta colleghi ed amici in una celebrazione in vita ricca di gag e momenti di ottima comicità.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 23/7/10 15:56 - 3011 commenti

Felice realizzazione di un'ottima idea, oltretutto in un filone di umorismo nero praticato in tv solo da Vianello: la Scaramanzia s'è poi vendicata dell'affronto (ancor più grave in quanto perpetrato da un napoletano). Ospiti complici e in palla, menzione d'onore per le diffamazioni benignesche dietro un esile schermo, rappresentazione efficace (anche se qui scherzosa) di una costante antropologica italiana.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Markus 31/5/19 20:12 - 2931 commenti

Opera autocelebrativa che andrebbe vista con il "freddo" occhio del 1982, più che con quello post 1994; giusto per scansare quell'alone di mistica nostalgia di troppo. Fare il funerale a se stessi è puro narcisismo dettato (e ne ha ben donde Troisi) dal forse inaspettato successo di Ricomincio da tre e relativa promozione a nuovo grande del cinema italiano. Un grottesco goliardico, fatto di improvvisazioni di buon livello e dilettevoli partecipazioni in cui non si nasconde il ghigno. Si respira un'aria da film semiamatoriale.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Matalo! 20/7/08 11:55 - 1360 commenti

La migliore puntata del benemerito "Che fai? Ridi?", che dedicò diversi speciali ai comici emergenti del grande "Non stop" di Trapani; in questa che poi è diventata una puntata tragica, col senno di poi, Troisi inscena la sua morte e non fa come gli altri del ciclo e cioè il semplice raccontare loro stessi... Grandi sketch all'ospizio per artisti con un Arbore rimbambito che dice la grande frase: "Era meglio da vivo, da morto non mi piaceva" e soprattutto un Benigni che da dietro un vetro smerigliato si finge napoletano e sputtana Troisi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutto lo sketch di Benigni.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Giùan 27/8/11 7:31 - 2651 commenti

Estremo, vaticinante "special" TV passato per la serie di Rai3 "Che fai... ridi?", dedicata alle nuove leve comiche degli '80. Troisi si mostra già, senza remore e paure, l'Autore sensibile, capace di misurarsi e sublimare i clichè, che impareremo a conoscere. Mettere in scena la propria morte non è stato un atto di sfida alla scaramanzia partenope ma semplicemente misura e prova di un autoironia "miracolosa", oltre che l'epitaffio che ogni degno comico dovrebbe regalarsi e donare al proprio pubblico: il Destino ha fatto il resto. Dolci risate mai macabre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sfilata/accozzaglia iniziale in visita al feretro; l'angelo custode di Arena; l'"infame" Benigni che sparla del morto dietro un vetro opaco; l'ospizio.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Ryo 9/8/15 16:47 - 1908 commenti

Mockumentary sulla morte dell'attore napoletano, triste e nostalgica se vista adesso che l'attore è morto per davvero. Gustose incursioni comiche degli amici/attori che lo ricordano più o meno bene. Lello Arena non ne vuole sentire, Roberto Benigni prima tenta l'anonimato per screditarlo a suo favore poi si ritrova in una casa di riposo insieme a Verdone, Nichetti e Arbore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Massimo Troisi era meglio quand'era vivo... da morto... non mi dice niente!".
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Il ferrini 28/12/16 23:56 - 1495 commenti

Troisi sfida la proverbiale scaramanzia napoletana inscenando la sua morte e vince di larga misura. Con i compagni di sempre, Messeri, Arena, Benigni, Arbore ma anche con tante altre comparsate eccellenti; c'è perfino un inedito Verdone su sedia a rotelle. Non si tratta di un vero e proprio film ma di un mediometraggio (50 minuti) e grazie a questo il gioco funziona senza annoiare. Per i fan è passaggio obbligatorio, per gli altri comunque un'operazione divertente che conferma - ce ne fosse bisogno - l'estro di un grande artista.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Kinodrop 9/9/14 15:38 - 1112 commenti

Pseudo coccodrillo che celebra "il nuovo comico" (allora) Troisi, attraverso una carrellata di ricordi/sketch da parte dei suoi colleghi: da Benigni a Arbore, da Arena a Messeri ed altri. Prodotto gradevole e spiritoso, un falso macabro realizzato ex tempore e basato sull'abilità dell'improvvisazione. Anche se è difficile, andrebbe giudicato in sé, prescindendo dalla successiva storia artistica e umana del grande protagonista. È comunque un documento prezioso legato agli anni '80, momento euforico per la commedia italiana e per la nostra tv.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Pessoa 23/5/17 16:39 - 1003 commenti

Produzione televisiva di Troisi che nonostante il forte carattere comico si rivede sempre con qualche lacrimuccia di troppo. Una storia in cui i colleghi di Troisi si affannano dopo la sua morte a rimpiangerlo, con Benigni esilarante voce fuori dal coro che fa il napoletano. Vengono intervallati spezzoni di preziose interviste televisive e premiazioni che sono pezzi di altissima comicità. Volevi, come cantava Jannacci, "vedere se la gente poi piange davvero". Piange, Massimo, piange. Sta ancora piangendo...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Benigni "napoletano"; I cavalli dei cattivi; La mancanza di poveri a Taormina.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Manowar79 19/3/09 19:18 - 309 commenti

Interessante e grottesco mediometraggio con cui Troisi inscena la propria morte, con tanto di montaggio in stile monografico (che, tutto sommato, appare più autocelebrativo che autolesionista), scene di repertorio e interviste fittizie a nomi più o meno celebri del cinema e dello spettacolo. Il risultato funziona, il tutto è ben congegnato e abbastanza originale. Visto col senno di poi, però, il lato "comico" passa in secondo piano. Particolare e, purtroppo, profetico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le comparse in sequenza di Pippo Caruso, Pippo Franco e... Pippo: sembrano una trovata di Arbore, più che di Troisi.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)