Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CICCIABOMBA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Vista la presenza come protagonista della Rettore ci si aspettava un musicarello. Invece, al di là di un paio di canzoni (una, quella di coda, è la nota “This Time”, ma dei veri classici della Rettore non c'è traccia), si tratta di una semplice commediola giovanile sciocca quanto basta per cercare di strappare il sorriso con l'abuso del dialetto veneto. Siamo infatti nel trevigiano, in un paesello chiamato Allegra e lì la grassissima Miris Bigolin (Rettore) passa il suo tempo tra amiche, scuola e una radio privata dove ha un angolo di “voce amica” che sfrutta per farci sentire un bel po' di rock (Blue Oyster Cult e Saxon, per l'esattezza). Presa in giro dal belloccio della classe (Dario Caporaso), si vendica al ritorno da una cura dimagrante a New York che la trasforma nella Rettore maschiaccio che tutti conosciamo. Fortunatamente la regia spiccia di Umberto Lenzi non permette di pensare troppo alla terribile sceneggiatura che sta dietro al film: punta la macchina sulla cantante e le va dietro lasciandola scatenarsi prima in dialetto veneto e poi in un improbabilissimo accento americano inventato per tendere la trappola al rubacuori senza cuore. Salvato il cast di secondo piano con qualche caratterista (Ugo Bologna, il sindaco) e attrici stagionate (Paola Borboni, la nonna rimbecillita e Anita Ekberg, baronessa newyorkese), Lenzi lascia più spazio del previsto alle goliardate e alle canzonature in veneto dei vari comprimari giovani. Il risultato è ahinoi sconfortante dal punto di vista dell'umorismo, ma ha un suo valore trash non indifferente: tra neologismi giovanili ormai anacronistici e sbracature dialettali ci si può anche divertire.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 24/12/09 0:13 - 4490 commenti

Più sconvolgente che sconcertante. Far capire di che orrore si tratti è impresa titanica, perché non può bastare neppure una accurata descrizione a far immaginare la trama delirante (durante i 5' ambientati in chiesa credevo di sognare), la cagneria dominante, la bassezza delle trovate, l'inverosimiglianza delle cose che si succedono davanti all'attonito occhio dello spettatore. Come se non bastasse, a rendere la cosa ancora più incredibile, la notevole firma del regista. Partecipano, incolpevoli, alla catastrofe: Bologna, Vida, Felleghy, Didi Perego e la Borboni. Su La Notte di Nutrizio, Brambilla e Carbone gli avrebbero rifilato l'onta della sigla N.M.R. (Non Meritevole di Recensione).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Puppigallo 19/1/10 18:31 - 4362 commenti

Desolante, avvilente, di rara inutilità e stupidità, ma così trash da meritare un’occhiata. La protagonista, con guance gonfiate alla Padrino, è insopportabile e andrebbe presa a calci nei denti dalla mattina alla sera, non per la sua disfunzione alimentare, ma per la sua imbecillaggine, soprattutto dopo la cura miracolosa. La pellicola riesce addirittura a peggiorare nella seconda metà (e già la prima era pietosa). La Rettore canta gioiellini come “M’è scoppiata la testa…io rivoglio la pasta”, mena e dispensa perle di saggezza: "Me culona, ma ti cojone". Vaccatona.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La nonna chiama il canarino Mao Tse Tung perchè è giallo; Cicciabomba viene definita "Una mongolfiera di perfidia" dal pluribocciato belloccio.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 24/12/09 9:38 - 5737 commenti

Titoli di testa pierineschi e spunti dalla favola del brutto anatroccolo introducono una commedia giovanilistica dallo svolgimento scontato, pur con riferimenti alle tendenze dell’Italia dei primi anni Ottanta (le musiche e le cure dimagranti d’Oltreoceano). Curiosa comunque la presenza della Rettore che, specie nella prima parte - quando agisce sotto l’imbottitura della provinciale, generosa e risoluta “Cicciabomba” e parla nel suo accento veneto - rivela sorprendenti doti di attrice spigliata e simpatica.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 21/12/09 14:16 - 1495 commenti

Orrendo, in una parola. Poverissimo a livello tecnico, è inaccettabile anche come storia ed attori (con qualche nobile eccezione), e tutte le scenette che dovrebbero far ridere sono solo patetiche. Il soggetto, di cui è colpevole Giorgio Mariuzzo, è davvero poca cosa, anche se l'intento era solo e soltanto quello di lanciare la carriera della Rettore sul grande schermo, immagino. Salvo solo Paola Borboni, che un paio di sorrisi riesce a regalarli: in un contesto del genere, il suo merito è doppio.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Herrkinski 31/1/16 5:06 - 4512 commenti

Scivolone di Lenzi e tentativo attoriale azzardato per la Rettore, che pur risultando piuttosto genuina nei panni della protagonista veneta deve far i conti con uno script a dir poco mediocre; se il primo tempo, make-up e imbottiture improbabili a parte, perlomeno si lascia seguire, nel secondo la vicenda e il personaggio perdono di mordente e ci si trascina stancamente tra qualche esibizione canora e alcune gag malriuscite. Si ride pochissimo e il film rimane più che altro una bizzarria che potrà ispirare simpatia solo ai fan della Rettore.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Brainiac 12/7/10 23:00 - 1081 commenti

Se per punk s'intende l'assenza di tecnica, lo sprezzo dei generi, sputare in faccia al pubblico, mostrargli il dito medio ed essere sgraziati come un carlino con un gilet di pelle: Cicciabomba è l'essenza del cinema-punk. Commedia scollacciata senza decolletées, film comico senza comicità, musicarello femminista. E "non capisco perchè tutti quanti continuassero a chiamarla Donatella oh-oh-bella" quando potevano chiamarla Miris Bigolin, personaggio nonsense come un ponte su una zona a forte rischio sismico, sfrontata parodia delle svampite divinità del pecoreccio. Chi gliela dà una lametta?
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Daidae 6/5/10 15:47 - 2612 commenti

Commedia trash di Umberto Lenzi che nel genere comico e dintorni tra questo e l'apocrifo Pierino con Ariani non ha certo brillato. La Rettore brava come cantante (bella "Canta" un po meno quella della testa..) ma mediocre come attrice riesce comunque a strappare qualche sorriso, alla fine non è certo un bel film ma nemmeno la ciofeca che mi aspettavo. Prima di giudicare come scadente questo film consiglio di visionare Che casino con Pierino e Quella peste di Pierina... poi ne riparliamo.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Fabbiu 17/3/07 14:07 - 1896 commenti

Ametto che a me piace molto la Rettore, sia come cantante che come donna; in questo film ho apprezzato qualche particolare, come il ricorso a canzoni meno famose tra cui la bellissima "Canta" all'inizio e "M'è scoppiata la testa", che fanno parte di "Super Rock" del 1982. Avere visto una cantante che mi piace in un genere che mi piace (commedia italiana anni 80) mi ha portato inevitabilmente ad apprezzare il film. Sceneggiatura e trama però troppo ridicole e infantili con conseguente risultato alquanto trash.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Myvincent 22/6/10 21:08 - 2350 commenti

Colorato, musicale esempio di trash-movie firmato Umberto Lenzi e che ruota attorno alla presenza di Rettore nei panni inusuali di attrice comica, in cui non se la cava poi tanto male. Null'altro che un film Alvaro Vitali-style con battute e gag, alcune delle quali esileranti. Da proiettare subito dopo la Corazzata Potemkin!
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Disorder 4/5/16 15:05 - 1390 commenti

Pellicola a suo modo geniale, una sorta di parodia (non saprei dire se volontaria o meno) dei musicarelli e dei vari film di genere "pierinesco" tanto in voga in quegli anni. Una farsa sempre sopra le righe, all'insegna di un umorismo senza peli sulla lingua ma mai veramente volgare. La Rettore poi se la cava piuttosto bene e soprattutto sembra la prima a non prendersi sul serio. Insomma, nonostante un livello tecnico bassissimo e una trama a dir poco sconclusionata, c'è di che divertirsi. Da recuperare!
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Gestarsh99 24/4/19 17:30 - 1242 commenti

Niente, Lenzi non demorde. Salutati in via permanente i fasti furiosi del merliziesco e del milianoir, l'oramai intisichita regia massetana ritenta il test di "vitalitudine" già (im)pietosamente cannato alcuni mesi prima. In questo frangente la commediola adipofila s'addiziona al neo-musicarello giovanilistico centralizzandosi sull'incantatrice di kobra Rettore, insilata alla meno peggio in tenuta grassoccia e protopaninaresca. Il preteso anticonformismo femministico/libertario della vedette trevigiana resta però murato dietro l'ipocrita frivolezza di un fat-shame&revenge a dir poco irritante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Rettore che tenta goffamente di spacciarsi per grassa indossando ingombranti vestitoni di gommapiuma e imbottiture gengivali modello "Corleone"...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Gabrius79 13/12/14 22:30 - 1125 commenti

Commediola poverissima di mezzi che tenta di lanciare Donatella Rettore nel mondo del cinema con esiti deludenti per non dir di peggio. Storia insipida che dopo i primi minuti porta direttamente lo spettatore allo sbadiglio senza possibilità di recupero. Spiace vedere ingabbiata in un film del genere la deliziosa Paola Borboni.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Corinne 21/6/12 22:47 - 390 commenti

Terrificante. Lenzi dirige con ritmo e coerenza narrativa, senza scadere nel pecoreccio spinto che caratterizzava le commedie dell'epoca, ma il risultato è comunque insufficiente. La Rettore, quasi simpatica nella prima parte e quando parla in veneto, diventa insopportabile in versione "stecchino" ed è difficile parteggiare per lei quando attua la propria vendetta.
I gusti di Corinne (Giallo - Horror - Thriller)

Alexpi94 14/6/18 3:28 - 186 commenti

Sarà che mi aspettavo qualcosa di molto infimo, ma in realtà questo (strano) prodotto di Lenzi l'ho trovato meno peggio di quanto immaginassi. Mediocre (eccome!), però a tratti simpatico. La Rettore si diverte come una pazza a vestire i panni di Miris Bigolin (Cicciabomba) in questa sorta di teen-movie de noantri. Cast davvero fenomenale (Borboni, Ekberg, Bologna e tantissimi altri caratteristi) e (strano, ma vero) non l'ho trovato neppure eccessivamente lento. Ci sono tantissime pecche, ma una visione ci sta!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Borboni smemorata; L'ineguagliabile inespressività (e antipatia) di tal "Dario Caporaso" (nel film Mirko).
I gusti di Alexpi94 (Comico - Commedia - Erotico)

Azel 28/3/17 12:29 - 28 commenti

Ci sono parti piacevoli (la canzone "Canta", il balletto di "Mi è scoppiata la testa"), con facce note fra attori e caratteristi che talvolta fanno sorridere senza nemmeno uso di volgarità. Purtroppo la trama è di una fiacchezza insostenibile, fino alla conclusione insulsa (lancio di carrube in chiesa?) e al video finale squallido (cantato in un inglese scolastico). Sarebbe stato meglio ampliare la parte musicale, invece di usare la Rettore solo come specchietto per le allodole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il giubbotto della Rettore con scritto SBI: "Salvation (Bear? Bail?) For Idiots".
I gusti di Azel (Animazione - Comico - Horror)