Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ANGELO BIANCO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/3/10 DAL BENEMERITO RENATO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Nando, Faggi
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Renato


ORDINA COMMENTI PER:

Renato 16/3/10 0:35 - 1495 commenti

Per la serie "alla sfiga non c'è mai fine", ecco il séguito de I figli di nessuno. Il problema è che già nel primo film era successo di tutto e di più, quindi la sceneggiatura di quest'altro finisce inevitabilmente con l'assomigliare al riassunto di una puntata di qualche fiacca telenovela brazileira (l'espediente del sosia). Con Matarazzo si finisce quasi sempre in carcere o in ospedale: in questo caso le due componenti addirittura si sommano. Malriuscito, casomai non fosse chiaro.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Nando 30/8/10 1:29 - 3340 commenti

Uno pseudo sequel de I figli di nessuno. La Sanson si sdoppia: era suora e così rimane ma diventa pure una maliarda pronta all'adescamento del povero Nazzari, ferito financo dalla morte della moglie e della figlia. Lacrime e commozione con una trama pronta ai colpi di scena a tradimento. Lievemente più fiacco dei precedenti prodotti di Matarazzo.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Faggi 13/8/16 13:05 - 1414 commenti

Dopo il successo al botteghino de I figli di nessuno (dove si era sbizzarrito in cattiveria) Matarazzo ne gira il seguito. Tutto comincia più o meno bene, con un'atmosfera misteriosa quasi da noir all'italiana (considerando il personaggio della Sanson, vicino al cliché della femmina fatale); ma chi ha ben sperato resterà presto deluso poiché dopo poco più di mezz'ora comincia a prevalere il tono del lacrima-movie, invadente sino a confondere tutto in un pasticcio mieloso, girato alla meno peggio.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)