Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VIGILANTE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Con una breve didascalia introduttiva ci viene spiegato che si tratta di una storia vera: Eddie Marino (il bravo Robert Forster, che con Fred Williamson compone una delle coppie “pulp” per eccellenza, presenti infatti nel JACKIE BROWN di Tarantino) è un cittadino tranquillo, che però una banda di loschi individui tratta più o meno come il Charles Bronson de IL GIUSTIZIERE DELLA NOTTE: figlio ucciso (una scena tremenda) e moglie accoltellata. Lui pazienta, spera in una giustizia che non arriva e finisce recluso per aver tentato di assalire il giudice. Uscito dopo un mese finirà col seguire le orme dell'amico (Fred Williamson), che con un gruppo di cittadini stufi dell’impunità di cui godono i criminali ha istituito un corpo di spietati vigilanti. La storia è sentita e strasentita, tuttavia il regista William Lustig ha un modo tutto suo di intendere i film di guerriglia urbana: non c'è nessuna morale, solo distaccata freddezza che si accompagna a una violenza insistita spesso espressa attraverso feroci sparatorie. I corpi colpiti dai proiettili esplodono al rallentatore e vengono proiettati indietro, i pugni vanno a segno veramente (a parte quelli di Woody Strode, in carcere), il sangue scorre a fiotti. Lo stile di Lustig è essenziale, senza fronzoli e inevitabilmente povero. Non mancano gli inseguimenti (a piedi e in auto), le torture a “coloro che si rifiutano di parlare” e nel complesso tutto il campionario di cause ed effetti del cinema action di serie B. Però, se va apprezzato il tentativo di crearsi uno stile autonomo, va detto che VIGILANTE è film piuttosto monotono, dal soggetto scarno, e genera sostanzialmente personaggi vuoti (eccetto Forster).
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 3/11/08 22:34 - 3875 commenti

Insolito lavoro per un regista di porno (poi votato al cinema horror-"maniacale") che presenta parecchie affinità - per concezione e per sviluppo - al modello di "giustiziere da strada" divincolato da obblighi morali o limitazioni legislative già portato (dieci anni prima) sugli schermi da Steno (La Polizia Ringrazia) e l'anno precedente da Sam Peckinpah (Cane di Paglia). Lustig utilizza al meglio una serie d'attori ben calati nel ruolo (su tutti il gigantesco Woody Strode) e si avvale di una colonna sonora in grado di rendere sostenuto il ritmo del film (grazie anche alle ottime scene d'azione).
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 31/1/17 17:57 - 5737 commenti

Molto schematico e sbrigativo nella sua derivazione da un sottogenere ormai abusato, è diretto da Lustig con opportuna energia e mano calcata sulla violenza, secondo una visione apocalittica della società. Il cast dispone di un solido protagonista (Forster), esperti dell'action (il duro Williamson e il quieto Strode, quest'ultimo anziano ma ancora in gran forma nel suo risolutivo intervento) e facce patibolari (lo strafottente Blakely); a Spinell, viscido avvocato, e a Beck, arrogante giudice, il compito di dar volto al marciume del potere giurisdizionale. Cupe e complici le musiche.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: «Se non vuoi subire sei costretto a fare qualcosa. Noi non vogliamo più subire: usiamo violenza contro quelli che usano violenza».
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Deepred89 28/12/08 19:41 - 3107 commenti

Uno dei vigilante-movie più ideologicamente radicali ma non tra i più riusciti. Il ritmo è molto buono ed insieme alla buona fotografia e ad alcuni sprazzi notevoli (l'infanticidio, un paio di sparatorie) garantisce al film la sufficienza, anche se i difetti sono numerosi e grossolani: personaggi assolutamente tagliati con l'accetta e dalle reazioni spesso discutibili, scene d'azione spesso impacciatissime. Funzionano discretamente i protagonisti Robert Fosrter e Fred Williamson e la colonna sonora, con un paio di temi passabili.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 18/10/09 1:59 - 4398 commenti

Lustig ha sempre avuto una predilezione per le storie di violenza urbana ed iper-realistica: Vigilante non fa eccezione, sfoderando un campionario di ferocia e "giustizia-fai-da-te" molto popolare ai tempi (il giustiziere di Bronson, il Callaghan di Eastwood, i poliziotteschi italiani). Un film reazionario quindi, ma di indubbio intrattenimento, talvolta superficiale nell'analisi del tema portante ma efficace nella messa in scena. Forster è un cane di attore, ma è al servizio della storia. Alcune scene memorabili. Livido e senza redenzione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le facce di Williamson quando insegue i delinquenti: sembra Maurizio Merli nero..
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 2/2/09 0:12 - 2588 commenti

Non male Lustig: ci mostra con mestiere un buon film di azione che vede Forster nel ruolo di un padre fedele alla legge che poi si ribella dopo che dei teppisti (ottimo e crudele Don Blacky) gli aggrediscono la famiglia (scena veramente dura). Ottimi anche Williamson e Stroode (nel ruolo di un carcerato anziano ma saggio). Unica pecca il processo: irrealistico e per certi versi assurdo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Chi è il tuo capo? Sei troppo stronzo per lavorare da solo" "No, tua madre è troppo stronza per battere da sola!".
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Stubby 31/7/09 13:10 - 1147 commenti

Peccato per le scene action girate piuttosto male e quindi poco credibili (non se ne salva praticamente quasi nessuna), perché a parte qualche piccola pecca di sceneggiatura di per sè la pellicola non sarebbe neanche male (grazie soprattutto ad un buon cast). Interessante il comparto musicale invece, veramente ben realizzato.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Patrick78 14/1/09 15:20 - 357 commenti

Ottimo lavoro di William Lustig che riprende il tema non nuovo dei giustizieri fai da te, lo rende superiore a tanti epigoni, lo condisce con massicce dosi di violenza e con un cast di tutto rispetto. Il protagonista è Robert Forster, ma è Fred Williamson a rubargli la scena nella parte del suo magnetico collega di lavoro che lo inizia al vigilantismo. Tante le scene action e di buona fattura i dialoghi, che non scadono mai nel ridicolo involontario. Un film con un messaggio di fondo forse sbagliato, ma d'altronde, come si dice, "it's just entertainment"!
I gusti di Patrick78 (Animali assassini - Azione - Horror)

Rambo90 20/4/15 19:10 - 5822 commenti

Variante del Giustiziere della notte, appena più rozza ma abbastanza godibile. A fare la differenza tra questo e altri prodotti di serie B è la regia di Lustig: riesce a dare un buon taglio alla storia e a costruire qualche scena action degna di nota. Buono il cast, con alcune facce note come Forster, Williamson e il leggendario Strode. Non male.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 26/10/12 13:37 - 2635 commenti

Pochi film, come quelli di Bill Lustig, hanno il dono (e l'onere) di esser così totalmente immersi nelle atmosfere apparentemente ludiche e invece profondamente plumbee degli anni '80. Certo però, dopo quel grezzo diamante che era Maniac, qui facciamo un netto passo indietro, con una storia di Giustizieri della notte scritta e narrata con ascie da lumberjack. Resta comunque un buon esempio di allucinazione metropolitana, corredato da una galleria di facce poco raccomandabili, tra le quali si aggira un Forster folgorato sulla via della violenza. Banalotto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tentativo di sodomizzazione di Forster, sventato dal grande Woody Strode; Il viscido cameo di Joe Spinell.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Minitina80 28/12/15 22:03 - 1984 commenti

Lustig ama affondare le mani nel marcio sub-urbano e tirare fuori storie, magari non originali, ma certamente con un loro stile, grezzo e diretto. Peccato che la recitazione di tutti sia abbastanza deficitaria e approssimata; soprattutto la prova di uno svogliato e inespressivo Foster lascia più che interdetti. Con una maggiore attenzione e cura dei particolari avrebbe potuto rendere molto di più.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Gestarsh99 24/4/11 22:26 - 1198 commenti

Duole ammetterlo ma in questo street-movie post-bronsoniano è dura rintracciare la mano dell'autore di un'opera tanto malsana ed irrespirabile come Maniac. Lustig tenta di emulare colleghi più ferrati in materia ma non giunge ad esprimere la traumatica sommarietà, il grido di rabbia trascinante e l'insidiosa tensione notturna offerti in precedenza dai tanti Ferrara, Hill, Fulci e Winner, mostrandosi impacciato nel gestire le cadenze sostenute e gli sviluppi in crescendo richiesti dal genere. Manca un'anima credibile e il cast abulico sferra al film il colpo di grazia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Strode pesantemente invecchiato che si impegna a tirare di boxe, rasentando solo la scarsa credibilità (oltre la caduta faccia a terra...).
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Jena 3/9/13 19:53 - 1022 commenti

Non di certo un capolavoro. Trattasi di serie b perfettamente inserita nel filone "Giustiziere della notte" ma inferiore certamente ai Callaghan e ai Bronson coevi. Certo Lustig è regista non banale e riesce a elevare un po' il livello del film, con un buon senso del ritmo e una buona dose di violenza ma niente di che. E' il solito inno alla tendenza yankee a farsi giustizia da soli a suon di mazzate, con uno stile però vicino al primo e lurido Abel Ferrara. Bene Williamson, insapore Forster. **
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Anthonyvm 9/6/19 18:25 - 975 commenti

Non tutte le potenzialità di questo violento dramma urbano vengono sfruttate a dovere, ma nel complesso riesce a distinguersi fra gli epigoni del bronsoniano Giustiziere. Il setup e più in generale l'intera prima parte (con una home invasion brutale e un'ottima sequenza di corruzione in tribunale) sono ottimi. Da quando Forster (che non dà il massimo) finisce in galera, il film perde qualche colpo e non riesce a evitare una certa superficialità anche nelle sequenze più intense. Il finale è sbrigativo e il climax non riuscito. Grande OST. Buono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Joe Spinell nei panni dell'avvocato corrotto; Forster attaccato sotto la doccia della prigione; L'inseguimento in auto; L'esplosiva vendetta finale.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Manowar79 16/11/10 12:57 - 309 commenti

Nato sul modello del Giustiziere della notte, ma con ben altre qualità: Lustig (già in evidenza con Maniac) è minimale, diretto, senza fronzoli nelle scene d'azione né nelle sequenze dilatate, con cui dipinge alla perfezione il versante oscuro e suburbano di una qualsiasi città americana figlia del suo tempo. Particina per il sottovalutato ma sempre corretto Joe Spinell. Accattivante oltremodo il commento musicale. Buy or die!
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Bullseye2 25/9/16 21:40 - 61 commenti

L'altra faccia del Giustiziere della notte: dopo Maniac, Lustig guarda la sua New York dall'altro lato, quello dei cittadini stanchi del degrado, dei soprusi e della violenza della Grande Mela, sempre più bacata e marcia. Sui binari del "vigilante movie" il regista si muove bene regalando un ottimo film exploitation che promette quello che mantiene. Certo, nulla di originale, ma risultato assolutamente apprezzabile.
I gusti di Bullseye2 (Erotico - Poliziesco - Western)