Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I SEQUESTRATI DI ALTONA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/2/10 DAL BENEMERITO RENATO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 10/6/12 11:21 - 10960 commenti

Dall'incontro tra Sartre (autore del dramma da cui è tratto il film), Zavattini (sceneggiatore) e De Sica (regista), un drammone ambientato in una Germania che tenta la ricostruzione post-bellica. Nonostante i nomi prestigiosi in campo, un "polpettone" tedioso e poco digeribile con momenti peraltro in cui la sceneggiatura è particolarmente criptica. Cast adeguato con la vistosa eccezione di una Loren totalmente fuori ruolo e contesto.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Renato 23/2/10 12:20 - 1495 commenti

Film tratto da un lavoro teatrale scritto da Sartre, co-sceneggiato da Zavattini e diretto da Vittorio De Sica: logico avere una qualche aspettativa, che invece va delusa. Intanto la Loren è totalmente fuori ruolo (produceva Carlo Ponti, chi l'avrebbe mai detto) e poi le varie parti del film sembrano montate malamente, e non si incastrano mai come dovrebbero. Assurdo il personaggio di Robert Wagner, ed il pre-finale poi scolora quasi nel farsesco. Peccato, perché qualche bel momento nella prima parte non manca.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Minitina80 24/12/17 9:55 - 1996 commenti

Non è sempre detto che una pellicola legata in qualche modo al nazismo sia meritevole di attenzione, nemmeno quando ci sono in ballo nomi come De Sica, Zavattini e Sartre. Dalle intenzioni vorrebbe essere qualcosa di importante, ma scivola in dialoghi verbosi e non immediati da cui si perde presto la connessione. Sophia Loren dà l’idea di essere nel ruolo sbagliato, mentre gli altri sono imprigionati in una rigidità formale che non fa altro che aumentare il distacco con lo spettatore. Un passo falso indiscutibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: A volte si ha bisogno di credere il falso, se questo può aiutarti a vivere.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)