Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TURNO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Paolo Villaggio torna a fare coppia con l'antico partner Vittorio Gassman per questa commedia pirandelliana sconclusionata e raffazzonata, diretta da un Tonino Cervi conscio a tratti di avvicinarsi quasi al trash. Villaggio è in realtà l'unico vero protagonista, che attiva a turno Gassman e l’Antonelli (la quale, pur senza mai mostrare il seno, lo lascia intravedere attraverso vestitini e reggiseni da infarto!) in una sarabanda di simpatici duetti (memorabile quello con Gassman in giardino). Molto insolito vedere Villaggio in una parte da simil-seduttore (l’Antonelli dice che lo sconvolge a livello ormonale, la Vukotic prova a spiarlo nudo) e anche se il modo di fare è quello di sempre, sottomesso e servile, l'atteggiamento è meno arrendevole, meno ancorato ai biascicamenti fantozziani tipici del periodo (IL TURNO è già successivo al terzo Fantozzi), più aderente al modello classico da commedia teatrale. Gassman si produce nel personaggio che meglio conosce, quello dell’arrivato professionista (avvocato) sbruffone e ciarliero, enfatico e maniaco della forma fisica. La coppia a distanza di anni funziona ancora e l'inserimento di comprimari di qualità come Gianni Cavina, Bernard Blier e soprattutto l'inarrivabile Turi Ferro (nel ruolo del vecchio ricco che “costringe” l'Antonelli a sposarlo è spassosissimo, cinico e dolce allo stesso tempo) non può che giovare. Il risultato non è certo una commedia impeccabile o alla Pietro Germi, nonostante la somiglianza nelle ambientazioni, ma si lascia vedere senza troppi rimpianti, riscattata dall'originalità data dalla semi-inedita figura interpretata da Villaggio e da uno sforzo corale ragguardevole.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 3/4/07 0:35 - 4468 commenti

Trama troppo esile per reggere un film di centodieci minuti. Lo salvano godibili interpretazioni: da Gassman a Villaggio, da Ferro a Cavina, ma quello che non si dimentica mai è la “mise” con la quale Laura Antonelli, qui sfolgorante, si adagia sul talamo dell’anzianissimo consorte…
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Panza   25/6/18 20:41 - 1426 commenti

Non male questa trasposizione di uno dei primi romanzi di Pirandello, in cui viene accentuato il lato comico grazie alla scelta di un Villaggio protagonista che riesce ancora a non esagerare nella caratterizzazione fantozziana e che ancora diverte nonostante qualche eccesso slapstick. Viene lasciato più in ombra l'elemento di critica sociale presente nel testo di origine, che affiora solo in alcuni momenti. Cast in grande spolvero, ma peccato per qualche lungaggine che ogni tanto fa capolino, soprattutto nella prima ora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gassman in giardino con Villaggio; L'arringa di Gassman contro i bambini; Villaggio a letto con don Alcozer.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Alexpi94 17/4/18 18:53 - 186 commenti

Un prodotto davvero sfizioso, diretto con garbo ed eleganza (nonostante il tema trattato) e arricchito da gag e momenti comici riuscitissimi. Perfetto il duo Villaggio-Gassman, davvero simpatica (e brava) la Antonelli nel ruolo di Stellina e tutto il resto del (nutritissimo) cast è meravigliosamente in parte. Un plauso anche per l'ottima regia, alla simpatica colonna sonora (composta da Vince Tempera) e per le belle ambientazioni. Una piacevolissima visione (affrontata con il sorriso sulle labbra dall'inizio alla fine). Decisamente da rivalutare!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Mai terre di Sicilia generarono un fiore più bello e profumato".
I gusti di Alexpi94 (Comico - Commedia - Erotico)