Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA PELLE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 14/4/10 23:43 - 3875 commenti

Un punto di vista femminile sulla decadenza di una società (in)civile, appena uscita - sconfitta - da una guerra. Ispirata da un romanzo di Curzio Malaparte (intellettuale dell'epoca che ha rielaborato con certa affinità talune intemperie mitteleuropee) la Cavani frena sul versante degli eccessi, ma coglie con certosina attenzione i risvolti profondi e significativi di un'epoca destinata a ripetersi, nel perfetto sincretismo dei "corsi e ricorsi storici". L'ottimo cast sorregge lo spirito documentaristico (ma con anima) di una regista incline all'approfondimento e dotata di grande talento.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Markus 18/8/18 11:02 - 2974 commenti

Ambientata a Napoli tra il 1944 e il 1945, al termine della Seconda Guerra Mondiale, l'opera della Cavani è un trasposizione dell'omonimo romanzo di Curzio Malaparte. Il grande cast a disposizione, in assoluta linea con l'atmosfera che talvolta strizza l'occhio a un certo cinema onirico/felliniano, è di fatto l'asse portante di una vicenda in definitiva a tratti scontata. Alla leggerezza dei testi si sovrappone un campionario di immagini raccapriccianti e disgustose che hanno il sapore della compiaciuta scaltrezza registica.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Saintgifts 18/11/10 23:10 - 4099 commenti

La Cavani rispetta lo spirito del libro di Malaparte, un insieme di racconti nella Napoli liberata, nella Seconda Guerra Mondiale. Il filo conduttore è proprio lui, Curzio Malaparte (Marcello Mastroianni), personaggio discusso, all'epoca ufficiale di collegamento con l'esercito americano, che tra realtà ed esagerazioni dipinge un quadro che spazia da una Capri godereccia, ai bassi napoletani dove tutto si vende, perfino le "creature", per sopravvivere e non morire di fame. Scene piuttosto forti e liberatori che giudicano e che vogliono apparire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La vergine di Napoli e i prigionieri venduti a peso, il massimo della creatività partenopea.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Lucius  30/1/10 18:16 - 2761 commenti

Film assolutamente affascinante nelle atmosfere, nella caratterizzazione dei personaggi e ovviamente nella regia. Un film che vuole rappresentare una certa decadenza in un determinato periodo storico. Ambientato a Napoli nel 1944 in un particolare frangente storico in cui regna la confusione dei sensi. Le scene di sesso sono credibili cosi come il caos che fa da cornice al film.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Fauno 4/6/13 21:03 - 1836 commenti

Una visione la meriterebbe anche solo per rispolverare un momento storico che si tende sempre più a ignorare, come anche per la curiosità dell'eruzione del Vesuvio. Il film è una sequela di situazioni dure da ingoiare; dominano la miseria più nera, l'ignoranza più assoluta e la scaltrezza come unica via di sopravvivenza. Si rasenta il massimo, è sconvolgente quanto Ultima fermata Brooklyn, solo che qui si parla della situazione di Napoli e dintorni al momento del passaggio delle truppe alleate... Cavani-Mastroianni-Malaparte = fiducia che tutto sia vero.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mano; Sirena; Copribernarda; Campo minato; Vendita di adulti e bambini per altro; Pacchetto di sigarette; Il fatale dito sul cranio; La festa finale.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 17/2/15 13:26 - 586 commenti

Liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Malaparte, ne rispetta l'atmosfera di sospensione e drammaticità. La regia della Cavani è incisiva e delicata allo stesso tempo e ben rende la tragicità del periodo in una Napoli devastata e caotica. Mastroianni ben interpreta il ruolo di Malaparte e la sua enigmatica visione della realtà circostante. Bene anche il resto del cast attoriale. Buon film.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Enricottta 22/8/09 13:54 - 507 commenti

Non facile mettere insieme un grande istrione, Curzio Malaparte e una grande regista, Liliana Cavani. Il film è pieno di significati, forse eccessivamente didascalico, avanza tra alti e bassi, ogni tanto sale ai massimi livelli, inventando un protodocumentarismo, molto efficace, al punto che alcune scene sembrano autentiche. Per esempio il canto dei "femminielli" con tanto di riferimenti ancestrali, sicuramente riconducibili ai riti pagani e della parthenope più segreta, vuole rendere giustizia al romanzo estraendone la parte più intima e viscerale.
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Neapolis  19/2/13 11:37 - 173 commenti

Il film non riesce a rendere appieno le macerie e le miserie della guerra, meglio rappresentate nel libro. "Si crede di lottare e di soffrire per la propria anima, ma in realtà si lotta e si soffre per la propria pelle. Tutto il resto non conta". Questa citazione è il compendio di un film in cui la fame spinge a tutto: vengono venduti i figli ai militari, si vendono i militari a peso e si fa spettacolo con la verginità della propria figlia. Un Mastroianni un po' moscio nella parte di Malaparte non fa mai decollare il film.
I gusti di Neapolis (Drammatico - Horror - Thriller)

Tnex 17/12/10 21:29 - 62 commenti

In una Napoli sconsacrata e violentata (siamo nel 1944) il protagonista Malaparte è l'ufficiale di collegamento tra la città e i liberatori americani. E si vedono tutti gli strascichi della guerra e della fame: i bordelli, i morti, i mafiosi locali che vendono al chilo i prigionieri tedeschi, i bambini venduti agli ipersessuati soldati maghrebini. Mastroianni-Malaparte guarda tutto con disincanto e distacco. Questo film è anche un documento dovuto perché gli orrori talvolta vanno soprattutto mostrati. Per conoscere e non dimenticare.
I gusti di Tnex (Commedia - Drammatico - Guerra)