Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CARABINIERE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 16/2/07 8:34 - 5737 commenti

Romeo e Giulietta in una sceneggiata napoletana orfana di Mario Merola, sostituito da Massimo Ranieri (per la parte sentimentale) e da Fabio Testi (per l'azione e la vendetta). Niente di nuovo sotto il sole, comunque. Bello il cast, che vede la presenza di Enrico Maria Salerno, della compagna Valeria Valeri - entrambi offrono una buona interpretazione - e della figlia Chiara. Gli intermezzi comici sono affidati a Silvio Spaccesi e alla coppia Pignataro-De Fano. Gradevole, ma nulla di speciale.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daidae 22/12/11 18:45 - 2353 commenti

Davvero niente male questo film. Ottimo cast con Testi, Ranieri e il grande e indimenticato Enrico Maria Salerno. Si mischiano sapientemente sentimento, un po' di azione e sceneggiata napoletana. Da vedere e riscoprire, per gustare un genere e un cinema oggi scomparso.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Tomastich 14/1/10 9:43 - 1170 commenti

Mascherato da poliziottesco rosa (Testi e Salerno), siamo di fronte ad una simil-sceneggiata, dove urla partenopee, vendette personali e amori impossibili sono all'ordine del giorno. Regia molto debole, così come lo sono le battute con cui Spaccesi chiude sempre i suoi discorsi. Ranieri sentimentale e sempre sorridente, Testi vendicativo e pronto a tutto.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Furetto60 17/11/14 9:32 - 1129 commenti

Sorta di Romeo e Giulietta in ambiente campagnolo (siamo tra Roma e Napoli), una vicenda semplice e dall’esito prevedibile ma che si avvale di un impianto narrativo abbastanza efficace, soprattutto equilibrato e di interpreti che conoscono il proprio mestiere. La prima parte è dominata da Ranieri, mentre nell’ultima mezz’ora sale alla ribalta Testi, sino ad allora nell’ombra. Ottimo nella sua spietata e cieca perfidia Enrico Maria Salerno. Il commento musicale è a tratti inadeguato alla scena rappresentata.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)