Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ANNA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/1/10 DAL BENEMERITO RENATO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 19/8/14 17:05 - 5737 commenti

Ancora un racconto di anima in pena nel cinema del primo Lattuada, che per l'occasione convoca in ruoli simili il trio protagonista di Riso amaro. Il pathos disperato di pellicole precedenti (Senza pietà) e successive (Il cappotto, La spiaggia) si attenua in un più regolare melodramma, costruito secondo un'interessante struttura a flashback; la Mangano comunque esegue seria e partecipe un memorabile ritratto di donna combattuta, infondendole al contempo potenza espressiva, dolore, amarezza e sex appeal. Rapidi cenni da commedia nelle tipologie di pazienti dell'ospedale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pianto del bambino; La Mangano che balla.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 22/1/10 13:55 - 1495 commenti

Classico filmone anni '50, con una storia che oggi sembra davvero improbabile. La Mangano è una ex cantante di night-club che diventa suora in un ospedale milanese per un dramma d'amore (viene infatti contesa da Raf Vallone e Vittorio Gassman!), ma ad un certo punto... Insomma la trama è quasi matarazziana, ma il film è portato avanti in modo credibile e direi persino gustoso. Incantevole Silvana Mangano, che aveva un volto davvero cinematografico.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 8/2/11 23:59 - 6835 commenti

Torna il trio Gassman-Mangano-Vallone e lo fa in grande stile in una storia che oggi può far sorridere ma che tuttavia scorre in modo godibile ed avvincente. Lattuada si conferma regista di grande spessore e bravura: attento come pochi altri alla figura femminile, costruisce un personaggio intrigante, con cui non è certo facile empatizzare a causa della sua psicologia ambigua e complessa che lo porta ad una scelta finale che, come in molti altri film del regista (sempre coraggioso sotto questo punto di vista), si rivela ben poco accomodante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ca va sans dire: la Mangano che balla "El negro zubon", la Mangano cui Gassman scopre le spalle, la Mangano suora, la Mangano e ancora la Mangano.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Gugly 10/2/19 10:44 - 960 commenti

Melodramma col classico triangolo (essa, esso e o' malamente direbbero a Napoli) e alcune soluzioni non convenzionali per l'epoca (le scelte della protagonista); la Mangano semplicemente splendida, Vallone e Gassman più convenzionali (e purtroppo tutti doppiati). Ovviamente nella leggenda il mitico numero de "Il negro Zumbon" ripetutamente citato negli anni a venire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La faccia da gaglioffo di Gassman; Una giovane e quasi irriconoscibile Sophia Loren nei panni di una dipendente del night.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Sabryna 15/5/10 10:43 - 225 commenti

Melodramma mieloso in cui la Mangano showgirl da night passa ad essere suora dopo una cocente delusione amorosa. Trama abbastanza scontata, realizzazione che può valere la visione. L'introduzione di lunghi flashback, innovativa per l'epoca, rende la storia più malleabile e piacevole. La scena in cui la Mangano balla "El Negro Zumbon" ha fatto il giro del mondo e l'ha consacrata tra le star del cinema nostrano. Da segnalare anche il cameo di un'ancora acerba Sophia Loren, nei panni di un'assistente al night-club.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Silvana Mangano che balla El Negro Zumbon.
I gusti di Sabryna (Fantastico - Horror - Thriller)

Paulaster 13/9/17 10:14 - 2056 commenti

Suora d’ospedale ritrova il suo passato amoroso in un degente. Dramma sentimentale che non enfatizza il dolore dei ricoveri, anzi che cerca di dare speranza e benevolenza. Girato con dovizia di particolari (tanto che in sala operatoria sembra un thriller) si basa su pochi flashback significativi che non ingarbugliano la storia e danno importanza alle interpretazioni. La Mangano è bellissima e riesce a sdoppiarsi in ruoli diversi con una certa naturalezza. Conclusione di forte coscienza civile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il balletto sulle note de “Il negro zumbon”; Gassman che schiaffeggia la Mangano.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)