Cerca per genere
Attori/registi più presenti

POLYESTER

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
La forza dirompente di John Waters non è più così oltraggiosamente provocatoria come ai tempi di PINK FLAMINGOS, ma resta comunque presente come trademark di un regista che ha fatto dell'anticonformismo la sua bandiera. POLYESTER può essere considerato come un film di transizione, ancorato alla consueta critica alla massificazione dell'America di oggi ma non ancora così edulcorato come lo saranno le opere successive (da GRASSO E’ BELLO a CRY BABY). Di nuovo il catalizzatore dell'attenzione di Waters è il tipico nucleo familiare americano, i comportamenti del quale vengono ovviamente estremizzati fino al parossismo. Divine, l'attore/attrice feticcio del regista, è una madre strabordante ma dolce, che verrà seppellita da un incredibile serie di colpi di sfortuna: dal figlio arrestato perché si diverte a pestare sadicamente i piedi dei passanti alla figlia oca giulivissima che passa da una birra all'altra fino al tentato suicidio. Dal marito produttore di film porno che la tradisce a un'amica brutta e invadente. Alla fine Divine (che tra l'altro non si cura affatto di modificare la sua voce palesemente maschile) riuscirà a ricomporre i pezzi rimasti della sua allucinante famigliola. Waters sbeffeggia impietosamente il suo paese mettendo in luce i peggiori difetti dell'americano medio, mantenendo inalterate le sue caratteristiche cinematografiche precipue: il cast quasi fumettistico, la fotografia a colori violentissimi, la praticamente totale inconsistenza sceneggiativa e la amoralità programmatica. Nel suo genere un capolavoro.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 31/8/07 0:17 - 4433 commenti

Diretto da John Waters, è solitamente adorato, talora in maniera preconcetta, dai di lui tifosi e, talora in maniera preconcetta, snobbato da chi tifoso non è. Io, che non appartengo a nessuna delle due tribù, lo ritengo un film difficilmente classificabile secondo i canoni comuni. Mi rifugio nel valutarlo “discreto”, col sospetto che molto perda a non vederlo in lingua originale e con la certezza che, chi verso l'alto, chi verso il basso, quasi tutti non saranno con me d'accordo...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Puppigallo 28/3/07 19:26 - 4319 commenti

Uno di quei rari film veramente unici e inimitabili, con una protagonista che, una volta vista, non la si scorda più (un orrido barile di lardo iper truccato). E’ trattata malissimo praticamente da tutti, ma sembra tirare dritto (tentativo di suicidio da piegarsi escluso) come il Titanic, in barba a tutte le disgrazie sentimentali e non che le grandinano addosso, soprattutto per “merito” della famiglia (marito traditore e pornoregista, figlia super oca decerebrata e figlio che si droga coi detersivi e pesta i piedi alla gente). Imperdibile!
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Schramm 11/4/16 15:20 - 2288 commenti

Film spartiacque per un Waters che la fa finita con un cinema manifestamente lutulento ed ex putri, dove le cose marcide implodono e si celano dietro scorze in similoro e in quel glittering che è poi il derma dell'ipocrisia familistica. Se da una parte l'impressione è quella di un Bunuel sotto spirito (di patata), con tutta la borghesia covata dall'antiborghesia, dall'altra questo nuovo punk story disinfettato dall'elemento fognario non fa caldo, freddo e nemmeno tiepido. Hipsterico, nerdosetto, sciocco, caricaturale; senza contare che senza il gratta-e-annusa diventa ulteriormente insensato.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Redeyes 9/6/08 20:18 - 2022 commenti

Uno dei film più conosciuti di quel geniaccio trash che è stato Waters e, tuttavia, non il migliore, per acido ed acuto che sia. Il grande merito del regista di Baltimora sta nel dipingere con sozzi olii da carburatore i contorni della società moderna. Il cast è lo stesso di sempre, più o meno, i freaks son sempre ben presenti, così come le situazioni al limite, ma se da una parte si può esser stuccati da un numero elevato di idiozie dall'altro, a freddo, si capisce la sorta di pensiero che ne è a monte. Ripeto: non il migliore, ma da vedere!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Supercruel 6/10/08 0:57 - 498 commenti

La famiglia media americana messa alla berlina, distrutta e scorporata. Waters ci offre il tutto in una mirabolante confezione colorata, cartoonesca e trashissima. La sceneggiatura è quasi inesistenze e si procede in maniera episodica. Funziona più il messaggio radicale che non il film in quanto tale. Dal punto di vista stilistico siamo a un crocevia verso le future produzioni più addolcite e "per tutti". Più efficace che bello (anche se questo termine - parlando di Waters - vale quel che vale), in sintesi.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Saintgifts 22/9/15 19:10 - 4099 commenti

Il titolo fa riferimento al materiale con cui si tessono (o si tessevano) le calze delle donne. Sostituisce la seta, che diventa filato di lusso e quindi roba di altissimo livello. Il livello medio invece della borghesia americana crede che il poliestere sia una scoperta fenomenale e avere calze di poliestere rappresenta il top dell'eleganza. Tutto il film gioca sulla mediocrità dei nuovi benestanti americani, sulla loro ignoranza, su uno stile di vita fatto di soldi, sesso e cocktail. Ma c'è molto altro, in uno stile Waters un po' mitigato.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Giùan 13/9/11 13:08 - 2618 commenti

Non è un Waters più accomodante rispetto al periodo "Fenicotteri rosa", ma semplicemente il tentativo dell'anarcoide John di non farsi imbrigliare nelle corde dell'angolo che sarà poi della Troma. La confezione più pulita e il riposizionamento del cattivo gusto non cambiano il target polemico del Nostro: il perbenismo amorale dell'american way of life. Semmai a mostrar la corda (appunto) è una situazione da melò anni '50 (una donna vittima di angherie familiari e sociali) troppo farraginosa e ripetitiva. Divine è enorme ma la Massey recita pure!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La suora nera che dirotta il bus per punire i teppistelli bianchi; la Massey al ballo delle debuttanti; il figlio "acciaccatore"; l'apparizione di Hunter.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Kinodrop 6/2/19 18:33 - 1071 commenti

La critica alla borghesia non meglio identificata e madre di tutte le sconcezze possibili, è ormai cosa più che assodata; Waters ci imbastisce sopra una favoletta tra kitsch e trash, senza che però questi due aspetti trovino una via coerente. Si assiste a colorate scenette "rapsodiche" in attesa che qualcosa prenda una via condivisibile, o esteticamente o a livello di contenuto. Anche le poche battute "lodabili" hanno un che di posticcio e di insensato, come i personaggi a cui sono messe in bocca. Una commedia troppo su di giri per essere graffiante.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Atticus85 19/5/11 1:28 - 107 commenti

Il film con cui Waters abbandonò la via dello shock per uno stile più rassicurante. Personalmente lo preferisco in questi toni, giacché la sostanza dissacrante non cambia. Un vero e proprio incubo casalingo in cui l'istituzione famigliare va letteralmente in scatafascio a suon di falso perbenismo. La triste Francine (un incredibile Divine), madre e moglie di rara sfiga che parte di brocca per il bel Tab Hunter (!) assurge a incontrastata eroina protofemminista del cinema degli anni '80. Nonostante qualche forzatura, un film irresistibile.
I gusti di Atticus85 (Commedia - Drammatico - Giallo)

Maineng 10/6/08 21:31 - 100 commenti

È sicuramente uno dei film più belli in assoluto che abbia mai visto! Come non provare simpatia per Francine e Caddle, due amiche che passano da una situazione grottesca all'altra. C'è molto di realistico impostato in modo ironico, le chiavi di lettura sono molteplici. La frustrazione di casalinga di Francine, con un marito assente e due figli ribelli è dipinta in maniera magistrale. Non potrei mai stancarmi di guardarlo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Cerca di uscire di più, frequenta discoteche, circoli sportivi... io sono al centro dell'attenzione per via del mio ballo della debuttante!".
I gusti di Maineng (Documentario - Drammatico - Thriller)