Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CHINA GIRL

All'interno del forum, per questo film:
China girl
Titolo originale:China Girl
Dati:Anno: 1987Genere: drammatico (colore)
Regia:Abel Ferrara
Cast:James Russo, Judith Malina, Richard Panebianco, David Caruso, James Hong, Sari Chang
Visite:258
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/12/09 DAL BENEMERITO CAPANNELLE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Capannelle 6/12/09 23:42 - 3575 commenti

Nella guerra tra italiani e cinesi per il controllo del territorio si inserisce l'amore tra un italiano e la sorella di un capetto cinese. Prima inseguimenti e feroci scazzottate, poi l'epilogo drammatico. Se la base del film è così così, ci sono spunti interessanti nelle scene di violenza e nelle insubordinazioni dei giovani insofferenti verso i padrini che vogliono proteggere il business e le loro prerogative. Un Ferrara ancora grezzo ma non banale.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Ghostship 22/6/10 13:06 - 394 commenti

Stranieri in terra straniera si scontrano per la difesa dei propri, più o meno leciti, interessi. Al centro di questa guerriglia urbana, zeppa di inseguimenti, pestaggi, sparatorie ee assassinii, la storia d'amore di due novelli Romeo e Giulietta che con il loro amore tentano di superare ogni ostacolo. Ferrara gioca con le luci e con i colori dei quartieri, preme sull'accelleratore della violenza piazzandola anche a sorpresa, ed alla fine vince la scommessa.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Giùan 12/11/11 12:46 - 2649 commenti

Film modello della prima maniera Ferrariana, China girl propone una rilettura della tragedia di Romeo e Juliet, parodizzandone al contempo l'aggiornamento dato in West Side Story. L'atout sarebbe costituito dai conflitti interraziali della moderna metropoli, ma in tal senso lo script dell'altrimenti ben più profondo St. John non sostiene granchè una regia che appare invece molto accorta, capace di rendere un universo chiuso di vicoli claustrofobici, abitato da personaggi che van incontro a un destino cieco. Belle musiche, grande fotografia, poca sostanza.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Minitina80 5/10/16 17:16 - 1996 commenti

Ferrara ama ricordare quanto la violenza sia un elemento inscindibile di una società perennemente in bilico sull’orlo dell’autodistruzione. Le strade della città sono come fiumi in piena in cui scorre l’odio razziale che neppure il più nobile dei sentimenti riesce ad arginare. Un dramma ricorrente riproposto con linearità e senza scadere nella noia o scivolare nel banale. New York è descritta come la Babilonia del nuovo mondo, un dedalo inestricabile di vicoli che cova il seme dell’odio e pronta a esplodere dietro ogni angolo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)