Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VANIGLIA E CIOCCOLATO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/11/09 DAL BENEMERITO PANZA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/6/13
Massacrato dalla critica per le ambizioni non nascoste che una fotografia ultrapatinata fa sconfinare indubbiamente nel kitsch, il film di Ciro Ippolito (sceneggiato con Franco Ferrini a partire dal romanzo omonimo di Sveva Casati Modignani) è comunque una storia meno antipatica di quanto possa sembrare. Maria Grazia Cucinotta, protagonista indiscussa, si rivela attrice non eccelsa ma a suo modo intensa, capace di dare il giusto spessore umano al suo personaggio di moglie ripetutamente tradita e di madre amorosa ma pronta a piantare in asso tutti dopo l'ennesima “scappatella” del marito (Alessandro Preziosi, funzionale nel ruolo e sufficientemente credibile). Volendo passare sopra alle tante banalità condite da “momenti memorabili” artificiosi, come l'incontro alla “torre” con tanto di bomboloni vaniglia e cioccolato (gusti diversi ma che possono sposarsi benissimo insieme, secondo le parole dell'oste), si riesce ad apprezzare la regia dinamica di Ippolito, purtroppo penalizzata spesso da inspiegabili inquadrature sghembe e grandangoli del tutto fuori luogo. Il racconto è percorso da discutibili flashback di gioventù e più recenti, frammentario ma non fastidiosamente, puntellato da dialoghi almeno potabili e tenuto in piedi dalla volitiva performance di una Cucinotta che non concede nulla ai fan del suo “fisico” ritrovandosi in una meridionalità schiva e risoluta. Non male nemmeno Joaquín Cortés come amante pittore.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Panza   9/3/13 21:23 - 1415 commenti

Un film per certi versi incredibile. Il cast d'attori riesce a dare sostanza a una vicenda troppo sdolcinata e incline a divagazioni. Ancora più incredibile il fatto che la regia sia firmata da Ciro Ippolito, che si dedica a virtuosismi come soggettive e inquadrature sbilenche. Naturalmente non è il suo genere di film: quando si fa umorismo si cade in un gelo impressionante. C'è qualche momento suggestivo, ma il film non convince.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)