Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PORCA VACCA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Pasquale Festa Campanile vorrebbe riproporre, con questo suo PORCA VACCA, l'ambientazione e lo schema narrativo del celebre LA GRANDE GUERRA, sostituendo Sordi e Gassman con Renato Pozzetto e Aldo Maccione. Lo sfondo è quindi sempre la Prima Guerra Mondiale vissuta in gran parte al fronte, dove si ritrovano l'ex cantante da teatro Primo Baffo (Pozzetto) e un contadino poco onesto (Aldo Maccione) che pensa sempre alla sua ragazza (Laura Antonelli) e alle vacche. Il primo tempo, dominato in gran parte dalle vicende di Pozzetto, è discreto, con qualche buona gag e il comico in ottima forma (pur se eccede in qualche volgarità). Il secondo invece, dove la storia e la sceneggiatura sciagurata prendono il sopravvento sulle scene costruite "a sketch", è oltremodo noioso e mal raccontato. Maccione (doppiato in dialetto dall'udinese Sergio Graziani) mostra di essere un buon attore, Laura Antonelli no: tutte le parti che la vedono coprotagonista sono le peggiori e siu avvalgono di dialoghi soporiferi e prevedibili. Festa Campanile non è mai stato un gran regista, ma solitamente sa inserire qualche tocco d'originalità aggiungendoci una certa cura nella ricostruzione storica. Qui invece sbaglia quasi tutto senza riuscire a proporre una storia accettabile. Peccato, perché Pozzetto meritava di più, non solo lunghe interpretazioni di canzoni di guerra (di cui il film è letteralmente imbottito, per la gioia dei nostalgici). Abbondano le volgarità (ma è scusabile, visto il clim cameratesco), i nudi (anche maschili, alla visita militare), le scene "forti" (l'Antonelli finisce violentata), ma LA GRANDE GUERRA di Monicelli resta lontana...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 19/11/09 15:27 - 10759 commenti

Raramente il cinema italiano si è occupato del conflitto bellico del 15-18 e meno ancora in una commedia come in questo film di Festa Campanile. Purtroppo il film è in parte un'occasione mancata in quanto l'apprezzabile tema dell'antimilitarismo e dell'assurdità della guerra viene stemperato dal tono troppo greve e volgare del film. Discreta la prova del cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Renato 24/12/08 13:11 - 1495 commenti

Non un film del tutto riuscito, anche perché il mix tra momenti drammatici e parti comiche (con molte battutacce) non sempre è felice. Però il dramma assurdo della guerra è rappresentato in modo piuttosto vivido, basti vedere la bella scena di Pozzetto che legge una lettera a Lucio Salis; comunque il film rimane decisamente una commedia, anche se a far ridere ci pensa quasi solo Pozzetto, soprattutto quando canta sul palco nella sequenza d'apertura. Un ibrido insomma, che però mi è sempre piaciuto molto. Forse il finale è un po' tirato via...
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Daidae 25/3/10 15:30 - 2538 commenti

Mediocre. Si tenta di mischiare commedia con una sorta di denuncia della guerra, in particolare della prima guerra mondiale che fu la prima guerra cruenta che il mondo ebbe la sfortuna di conoscere. Pozzetto e Maccione non bastano per salvare la baracca. Triste ma sempre bella la Antonelli, qui in doppio ruolo. Alfine mediocre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Fabbiu 18/3/08 13:09 - 1865 commenti

È un tentativo di Campanile di proporre la commedia impegnata, quella che da una parte lascia spazio alle risate ma ha sempre un margine di dura verità storica e riflessioni. Pozzetto e Maccione riescono bene, i loro personaggi sono ben interpretati e i due sono in buona forma. Le battute forti non mancano, ma c'è poca coerenza nei due ambiti: quando si vuol far ridere lo si fa con un certo tipo di umorismo che non si affianca bene alle riflessioni un po' troppo prevedibili e noiosette. Non male, ma forse troppe canzoni e poco ritmo.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Mco 14/11/12 12:09 - 2021 commenti

Chi si aspetta una serie di gag travolgenti rimarrà deluso. Il film porta sì alle risa, ma a corredo dell'impianto ludico vi è sempre un ricorso tristo, la Guerra. L'attore varesotto dà sfoggio al suo repertorio settentrionale e spesso eccede in volgarità, immerse, questo è pur vero, in un contesto che forse ne può accettare anche l'efficacia. Maccione ha una vena comica di grana certamente più grossa e non sempre adeguata mentre la Antonelli sfodera la sua dote migliore, quella fisica! Scostante, non travolgente, talvolta melodrammatico.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Trivex 22/1/15 9:25 - 1383 commenti

Pellicola strana, anche originale, praticamente ibrida. Ci si aspetta un certo tipo di film e se ne trova uno diverso, ma non peggiore. C'è la Grande Guerra, un terribile conflitto di trincea e l'Italia soffre; quindi i drammi, la malinconia e il dolore si alternano al sorriso delle canzoni di Renato Pozzetto e a qualche momento di comicità di grana grossa (gli scherzi al Maccione). Buona la regia e non male la ricostruzione d'epoca: sicuramente da vedere.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 1/3/19 22:33 - 5543 commenti

Classica comicità del periodo, leggermente più amara, orchestrata da Festa Campanile quasi in ossequio alla Grande guerra di Monicelli. Non tutto funziona però si ride abbastanza, soprattutto nella prima parte e alcune delle note più seriose toccano. La coppia Pozzetto-Maccione funziona qui come nelle precedenti occasioni e anche la Antonelli non sfigura, dal punto di vista recitativo. Finale un po' frettoloso, ma un buon film.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 19/10/10 0:40 - 3238 commenti

Commedia con spunti antimilitaristi ambientata durante la I guerra mondiale che tende all'ironia lievemente volgare. Poco interessante a livello storico, la narrazione punta più su qualche gags e sul confronto tra Pozzetto e Maccione. Campanile dirige con buon taglio ma il risultato è altanelante.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Didda23 9/11/12 23:25 - 2043 commenti

L'opera parte alla grande con un super Pozzetto per poi subito affondare in un mare di mediocrità. Il regista invece di snellire e rendere frizzante il girato, commette il peccato mortale di appensantirlo con una sequela inutile di scenette dal dubbio valore artistico. Fa specie sentir "recitare" il mitico Mattioli con un fortissimo accento veneto. La coppia Pozzetto-Maccione (duole dirlo) non funziona un granché. Ortolani ha composto di meglio.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Luchi78 5/12/11 18:39 - 1521 commenti

Molto meglio la prima parte, in cui Pozzetto si sente perfettamente a suo agio negli sboccati tentativi di congedo militare o di intrattenimento al fronte. La seconda parte, in cui predomina il duetto con Maccione, è sicuramente inferiore, anche perché la coppia comica non sembra funzionare a dovere. La Antonelli è decisamente fuori parte, non avendo il solito ruolo sexy-trasgressivo. Film riuscito a metà.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Jurgen77 30/10/15 13:46 - 582 commenti

Commedia ambientata durante la grande guerra con situazioni tragicomiche. Il clima è sicuramente azzeccato, tuttavia il film alterna momenti piacevoli, a volte anche tragici, a un umorismo "pecoraro" di bassa lega. Onestamente ci si poteva aspettare qualcosa di più. Aldo Maccione più sottotono rispetto a Renato Pozzetto.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Alex75 12/4/18 13:24 - 561 commenti

Malgrado i mezzi, le idee e le ambizioni, molto al di sotto delle aspettative, soprattutto perché i momenti comici e farseschi stridono troppo con lo sfondo drammatico del primo conflitto mondiale. L’accoppiata Pozzetto-Maccione, già impiegata altrove con buoni risultati, qui funziona poco, mentre la Antonelli non lascia il segno. Renatone da solo regala alcuni momenti irresistibili che però non riscattano un film irrisolto e dal passo pesante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’esibizione iniziale di Pozzetto.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Manfrin   10/4/18 8:22 - 295 commenti

Una delle più convincenti interpretazioni di Pozzetto, qui soldato della Grande Guerra un po' cabarettista e un po' anarchico. Non mancano i buoni sentimenti e i corretti riferimenti alla drammaticità del periodo, anche se la guerra di trincea viene raffigurata un tantino all'acqua di rose. Si fa valere anche l'istrionico Maccione, un po' meno la Antonelli. Nel complesso un film riuscito e assai godibile.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Almayer 28/9/08 9:47 - 169 commenti

Il film risulta sempre discretamente divertente: Maccione e Pozzetto fanno una bella coppia; micidiali i commenti di Pozzetto sul camion durnate la canzone "Il Capitan della compagnia... ". Peccato che il film, se da una parte sfoggia un discreto budget e accuratezza, dall'altra perde credibilità con errori grossolani e pasticcioni, come nella sequenza dei Caimani del Piave. Comunque una commedia ancora divertente che offre anche qualche spunto di riflessione sulla guerra. Accurata la ricostruzione storica delle musiche.
I gusti di Almayer (Fantascienza - Fantastico - Horror)