Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA MAMAN ET LA PUTAIN

All'interno del forum, per questo film:
La maman et la putain
Titolo originale:La maman et la putain
Dati:Anno: 1973Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Jean Eustache
Cast:Bernadette Lafont, Jean-Pierre Léaud, Françoise Lebrun, Isabelle Weingarten, Jacques Renard, Jean-Noël Picq, Jean-Claude Biette (n.c.), Jean Douchet (n.c.,B ernard Eisenschitz n.c.,J ean Eustache n.c.), Noël Simsolo (n.c.), André Téchiné (n.c.)
Visite:643
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/11/09 DAL BENEMERITO LUCIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Lucius
  • Davvero notevole! a detta di:
    Giùan


ORDINA COMMENTI PER:

Lucius  5/11/09 3:49 - 2754 commenti

Un capolavoro da recuperare, vincitore del gran premio speciale della giuria a Cannes. Un monologo triste e seducente, mai noioso. Un'opera encomiabile per come descrive i casi e le vicissitudini della vita. Parigi in bianco e nero affascina e cattura. Da un regista suicida un lungometraggio con dei dialoghi profondi, siglato da un'eccellente regia in un clima decadente che sovrasta il tutto. Impossibile dimenticare un'opera di tale spessore emozionale.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 7/1/15 22:41 - 2665 commenti

Nel suo implacabile essere per la morte, tra i film più heideggeriani che mi sia dato ricordare. Eustache, partendo da premesse cinefile leggere e tutto sommato autoreferenziali (la Nouvelle vague a cui rimandano le icone Leaud e Lafont), immerge il b/n chirurgico della sua mdp con progressiva, dolorosa ferocia nella carne viva del rapporto vampiristico tra l'intellettuale dandy sessantottino Alexander e la mantide Veronika (l'angosciosamente sensuale Lebrun). Libero e austero, a tratti insostenibilmente verboso, riscattato da un ineludibile autenticità.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)