Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CAPITALISM: A LOVE STORY

All'interno del forum, per questo film:
Capitalism: A love story
Titolo originale:Capitalism: A Love Story
Dati:Anno: 2009Genere: documentario (colore)
Regia:Michael Moore
Cast:Michael Moore, William Black, Jimmy Carter, Congressman Elijah Cummings, Baron Hill, Marcy Kaptur, John McCain, Sarah Palin, Ronald Reagan, Franklin Delano Roosevelt, Arnold Schwarzenegger, Wallace Shawn, Elizabeth Warren
Visite:507
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/11/09 DAL BENEMERITO ILCASSIERE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 21/9/14 13:22 - 2355 commenti

Tra le impietose sciabolate contro certi andazzi generali cui Moore ci aveva abituati, questo affondo resta giusto un graffio debolmente elargito: a parte tre centrati cut-up blobbiferi, la verve sarcastica e corrosiva sembra essersi dissipata a fronte di un'amarezza quasi rassegnata capace comunque di sollevare la dovuta indignazione e un pelo di sgomento. Sul tema "Maledetto il sistema monetario e chi l'ha inventato" son state redatte cose pi¨ motivate e convincenti, ma certo Ŕ che l'imago finale Ŕ di quelle perduranti a imperitura memoria, e da sola legittima una tratta non sempre fluida.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mummificazione delle banche col nastro delle crime-scenes. 123' di applausi!; I generosi extra del dvd.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Magnetti 21/7/10 14:03 - 1103 commenti

La materia prima c'era e costituiva una sostanziosa base per l'ennesimo film di Moore. Ma dopo le armi, l'11 settembre e la sanitÓ USA il regista sembra aver perso smalto e propone un film stanco che punge meno delle altre sue produzioni. Sono anni che nel cinema a stelle e strisce si critica il sistema finanziario americano (Wall Street solo per citarne uno) e qui non Ŕ che si vada molto oltre. Film indubbiamente consigliato ma che delude chi aveva apprezzato l'ottima tecnica documentaristica di Moore.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Enzus79 9/10/13 18:15 - 1582 commenti

Il dominio che hanno le corporation negli States e sui cittadini americani. Michael Moore come al solito Ŕ cinico nel raccontare situazioni che sono al limite del drammatico: case pignorate, intromissioni di miliardari nella politica americana, etc. Documentario davvero notevole.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Paulaster 15/6/17 10:32 - 2367 commenti

Stavolta Moore punta al bersaglio grosso facendo una specie di lezione di dottrina economica e dei suoi drammatici risvolti. Il pregio Ŕ che capisce i tempi perfetti di quando inizi˛ l'uso dissennato dei subprime e la portata che avrebbero avuto in seguito. Risulta invece pi¨ didascalico quando tira in ballo la Costituzione americana e i suoi propositi originari. Nel finale sembra che sia arrivato il messia (Obama), ma la storia successiva non ha confermato le attese.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La parodia del Ges¨ di Zeffirelli; Le polizze vita sui dipendenti.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Gestarsh99 22/8/11 16:55 - 1230 commenti

L'hillbilly dell'anti-americanismo zuzzurellone dissotterra la sua vecchia ascia di guerra, fronteggiando a muso duro le oscillazioni negative del tanto detestato Capitalismo USA: dalla saturazione del sistema creditizio ai tracolli fallimentari delle pi¨ potenti societÓ bancarie, passando attraverso i pignoramenti immobiliari generalizzati e le immorali speculazioni inflative sulla pelle viva del cittadino. Fumoso, inconcludente, il film meno riuscito di Moore, che si limita a saltare di palo in frasca tra argomenti troppo disparati, senza costruire nulla di veramente solido e riassuntivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Il denominatore comune di ogni forma di copertura Ŕ che quando un impiegato muore al datore di lavoro vengono pagati i premi assicurativi".
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Ilcassiere 1/11/09 21:57 - 282 commenti

Un documentario in perfetto stile Moore, con i suoi pregi (Ŕ interessantissimo) e i suoi difetti (alcuni avvenimenti sono palesemente ricostruiti). Il film Ŕ una forte denuncia alla sottomissione dell'America di Reagan e Bush ai poteri forti di Wall Street. Capitalismo non vuol dire ricchezza, democrazia e prosperitÓ ma esattamente il contrario e, anche grazie a Moore, ora cominciano ad accorgersene in molti. L'elezione di Obama, inevitabilmente, rappresenta una speranza di invertire la rotta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un lavoratore licenziato: "Io capisco che un affare possa andare male, ma noi non facciamo affari, facciamo finestre e porte, perchÚ puniscono noi?".
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)