Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GOSTANZA DA LIBBIANO

All'interno del forum, per questo film:
Gostanza da Libbiano
Dati:Anno: 2000Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Paolo Benvenuti
Cast:Lucia Poli, Valentino Davanzati, Renzo Cerrato, Paolo Spaziani, Lele Biagi, Nadia Capocchini, Teresa Soldaini
Note:Basato sugli atti originari del processo tenuto a San Miniato al Tedesco (Granducato di Toscana) nel novembre 1594 contro Monna Gostanza da Libbiano.
Visite:406
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/10/09 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Schramm
  • Davvero notevole! a detta di:
    Giùan
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Homesick, Noir
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Capannelle


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 25/10/09 9:34 - 5737 commenti

Il processo per stregoneria alla contadina-erborista Gostanza da Libbiano è ricostruito con minuziosa aderenza al vero – utilizzo dei verbali originari con tanto di toscanismi e di tutto il colorito immaginario della demonologia e delle superstizioni medievali; rigido impianto teatrale e unità di luogo - e giunge a ribadire il potere dell’Inquisizione, sempre terribile anche quando al rogo preferisce il più moderno e sottile controllo delle coscienze. Tra le ombre di un b/n pittorico e dreyeriano si staglia l’eccezionale prova recitativa e mimica della Poli, astuta affabulatrice. Pregiato.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Schramm 28/1/19 16:15 - 2345 commenti

Avete presente la witchuntsploitation?. Bene, mettetevela via in blocco. Ridando a Dreyer quel che è di Dreyer, il filologico Benvenuti la riprocessa col draconiano tribunale estetico di Bresson, Rossellini (ne fu assistente, e non c’è fotogramma che non lo tradisca), Straub-Huillet (vedasi parentesi precedente), Bergman, Kawalerowicz: camera quasi sempre fissa, composizione pittorica della figura a dispetto della volgarità ornamentale dell’immagine, un b/n primordiale e stravolgente, la profondità di campo eretta a eresiarca, più ancora di una Poli ordalica e stupendamente metaforologica.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Capannelle 10/3/14 14:48 - 3575 commenti

Riprese fisse, chiaroscuri e atmosfera cupa ma aperta a un filo di speranza che alla fine verrà ripreso. Si capisce comunque quanto il destino della protagonista sia legato ai voleri degli inquisitori per quanto lei stessa sia parecchio mutevole nella sua esposizione oratoria. Parte oratoria che può intrigare per capire se lei voglia apparire invasata o meno, ma che alla lunga nel film stanca. Sicuramente da elogiare la prova della Poli.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Giùan 8/1/13 22:33 - 2651 commenti

Pur all’interno di un percorso artistico coerente, caratterizzato dall’attenzione alla storia “inferiore” come dall’utilizzo pittorico e antispettacolare della mdp, Gostanza rappresenta uno scarto nel cinema di Benvenuti, un passaggio segnato da una complessità meno inchiodata alle esigenze del vero, aperta a tematiche più controverse. Così, grazie alla maiuscola interpretazione vernacolare di Lucia Poli, ci troviam proiettati più che in un episodio di stregoneria, in un caso di “femminilità” incoercibile alle leggi della chiesa e della morale maschili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le voci “insinuanti” e spaurite del Vescovo di Lucca e del giovane inquisitore vicario; La fune.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Noir 26/10/09 18:28 - 24 commenti

Uno dei tanti buoni prodotti italiani caduti nel dimenticatoio. Ottima la prova del regista e degli attori. Molte delle inquadrature girate appositamente in bianco e nero con giochi di luci e ombre rimandano a Dies Irae di Dreyer. Incredibilmente realistiche le fasi dell'interrogatorio e le torture. Secco e senza fronzoli, fedele ai documenti dell'epoca sicuramente meriterebbe più visibilità.
I gusti di Noir (Drammatico - Fantascienza - Horror)