Cerca per genere
Attori/registi più presenti

RATATAPLAN

All'interno del forum, per questo film:
Ratataplan
Dati:Anno: 1979Genere: commedia (colore)
Regia:Maurizio Nichetti
Cast:Maurizio Nichetti, Angela Finocchiaro, Edy Angelillo, Lidia Biondi, Roland Topor, Giorgio White, Umberto Gallone, Ione Greghi
Note:E non "Rataplan". Lo stesso personaggio tornerà in "Honolulu baby".
Visite:1711
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 20/3/07 0:03 - 4273 commenti

Spassoso film, col quale Nichetti irrompe per davvero nel cinema italiano. Già l’inizio è formidabile: prova di selezione per entrare in una mega-azienda che è poi facile pensare fantozziana. L’unico bocciato è il nostro ingegnere che, mentre gli altri eseguono il primo test disegnando alberelli stenti e striminziti, fa esplodere sulla carta una pianta ricca, colorata, allegramente frondosa. Peccato per noi, ma non per lui che ci divertiamo nel vedere le sue avvenute successive. Da non perdere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Colombo estrae un sacco di pennarelli, matite eccetera: probabile citazione da Calma ragazze..., con de Funès.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 2/9/08 5:48 - 10667 commenti

Esordio registico di Maurizio Nichetti e grande successo di pubblico. È un film stilisticamente innovativo, a partire dalla scelta di rinunciare quasi del tutto ai dialoghi (l'opera è quasi un film muto), fino e ritmi e trovate sceniche e narrative quasi da cartone animato. Tutto ciò non significa necessariamente disimpegno, anzi lo stile leggero viene adoperato da Nichetti per affrontare temi importanti quali il rapporto interpersonale, il disagio giovanile e la disoccupazione, con il limite, forse, di un'eccessiva frammentazione.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 16/8/09 8:24 - 7098 commenti

Esordio folgorante per Nichetti che punta sulla classica vecchia comica tra Chaplin e Tati (muta e fiabesca, soffusa di slapstick e poesia) ambientandola ai giorni nostri, con un estroso sognatore pasticcione che si muove in una Milano grigia, caotica e spersonalizzante. Un film da vedere anzitutto perché piacevole e con gag divertenti, poi perché rappresenta una bella sfida (vinta) nella ricerca di nuovi (antichi) modelli di comicità, e infine perché offre uno sguardo originale sulle alienazioni della vita moderna.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 14/5/11 17:15 - 5737 commenti

Esordio cinematografico di Nichetti in un clownesco patchwork di comicità muta, mimo, surrealismo fiabesco, fumetto, cartoni animati e financo appunti sociali in filigrana (l’alienazione e il grigiore professionale leggibili nel test d’ingresso). Siffatto talento artistico ha il solo neo di non rammentarsi che il bel gioco dura poco, rischiando così di impelagarsi e rallentare nell’eccessivo prolungamento della medesima gag. Doppio applauso al regista, dinoccolato folletto, al boss Topor (l’autore del romanzo da cui Polanski trasse The tenant) e al dispotico impresario Grazioli. **!/***

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il test d’ingresso; la riproduzione al chiosco del viaggio del bicchiere d’acqua miracoloso; il robot in discoteca.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 8/8/09 16:47 - 1495 commenti

L'esordio di Nichetti è un film quasi interamente muto, decisamente surreale e diviso in due segmenti piuttosto indipendenti tra loro (la recita nella cascina, che pre-esisteva al soggetto del film, ed il resto della pellicola); più che far ridere fa sorridere, e qualche momento sembra cercare la poesia a tutti i costi. Ma è indubbio che ci siano un gusto ed una tecnica che il regista dimostrerà anche in sèguito.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Deepred89 24/7/18 22:21 - 3038 commenti

Seppur imperfetto nei ritmi e non esaltante nella sua episodicità, un prodotto originale e straniante che trasporta una comicità vecchio stile (il personaggio di Nichetti - muto per tutto il film - sembra un Buster Keaton baffuto e sognante) in una Milano livida e alienata un po' alla Yuppi du. Non tutte le sequenze possiedono la magia o la forza comica sperate, ma l'atmosfera non viene mai meno e traghetta il film a destinazione. Perfetta la colonna sonora di Detto Mariano (con epifania del remix dance di "To be the one you love", di Cipriani).
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 12/8/09 19:53 - 2639 commenti

Rivisto oggi, risulta ancora un film atipico e decisamente dal taglio teatral-demenziale, com'è prassi nel cinema dell'allora giovane promessa Nichetti. Il film riprende parzialmente un cortometraggio diretto dallo stesso regista nel 1978, che qui ha voluto ispessirlo di ulteriori gag. Girato in una Milano invernale del 1979, il film riesce a dare quel senso di stravaganza che stava spopolando nei cabaret meneghini. Begli anni e Nichetti, almeno nei film successivi, ha saputo dare manforte a questa ventata di novità. Ottimo il dvd.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Hackett 1/5/12 8:30 - 1558 commenti

Brillante esordio sul grande schermo di uno dei più originali e "personali" registi italiani. Nichetti affronta subito lo spettatore come il suo protagonista, con una fantasia e un'inventiva fuori dal comune e realizzando quello che sarà il manifesto della sua comicità. Le vicende appaiono (differentemente da alcuni film successivi) un po' slegate fra loro, ma il simpatico e clownesco personaggio dell ing. Colombo sa amalgamarle alla perfezione. Da vedere.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Giùan 14/10/11 11:23 - 2484 commenti

Insieme agli esordi di Troisi, Verdone e Moretti, Ratataplan è uno dei film che ha dato un clamoroso scossone alla polverosa comicità italiana a cavallo tra '70 e '80. Fin dal suo primo catapultarsi sullo schermo, Nichetti si pone come poco catalogabile anomalia. I suoi riferimenti prioritari sono Tati, Keaton, Jerry Lewis ma anche il teatro dell'assurdo e i cartoon di Avery. Il minimalismo dell'approccio non deve però ingannare: il film infatti, dice più di tanti "tromboni" sulla deriva milanese del periodo, pronta ad affossar l'inventiva per l'immagine.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 29/11/17 10:06 - 1940 commenti

Vicende mimiche di un ingegnere che non viene assunto: da cameriere che inventa un intruglio miracoloso a teatrante. Evidente l’influsso di una comicità che si rifà ai modelli fumettistici (Bruno Bozzetto) e alle comiche. Nichetti ha estro nel ricreare un clima teatrale e surreale e che supplisce ai dialoghi con le movenze del cinema muto; si aiuta con suoni e accelerazioni per ricreare le azioni. Buone idee per le riprese, si appiattisce nella parte centrale. Divertente il finale, specie a livello visivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tuffo sul cumulo di stracci; La linea di montaggio per ricreare il beverone dei miracoli; Il sosia che balla in discoteca.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Gabrius79 18/10/17 22:42 - 1064 commenti

Maurizio Nichetti fa il suo esordio alla regia con un film decisamente surreale, con pochissimi dialoghi dove si fa spesso uso della mimica e della gestualità. Nel complesso assistiamo a una gradevole e innocua pellicola che regala alcune buone gag (su tutte quella del bicchiere d’acqua). A volte qualche lentezza di troppo, ma alla fin fine si fa seguire.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Ronax 7/5/10 0:51 - 748 commenti

1979: sulle strade insanguinate della penisola si consuma il dramma di una generazione, ma il cinema italiano non se ne dà pena e con Nichetti imbocca la strada della carineria surreal-progressista, un po' nello stile del contemporaneo Saxofone pozzettiano. Ciò detto, Nichetti si muove con indubbia abilità davanti e dietro la mdp, alcune trovate sono divertenti, la confezione è tecnicamente ineccepibile (anche perché c'è un produttore come Cristaldi) ma punge comunque il sospetto che uno spettacolo di mimi e il cinema siano due cose ben diverse.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Ilmonco 14/11/10 23:51 - 41 commenti

Un film senza dialoghi, senza parole, sono rumori, lingue straniere (latino, inglese, francese, tedesco, dialetto digrignato), versi, urla. Colombo, il personaggio di Nichetti, non parla mai e quelle due foto di Keaton e Chaplin sono pura dichiarazione d'intenti. Gag geniali e senza senso: il bicchiere d'acqua, i contadini che menano tutti, il viaggio in furgone sino in campagna, il robot Colombo, le lezioni di danza doppia, il provino per il posto di lavoro. Rischia di stufare un po' dopo 60 minuti, ma è di una comicità ingenua, tipica da anni 20.
I gusti di Ilmonco (Commedia - Drammatico - Musicale)