Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'UOMO PRIVATO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/8/09 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Homesick, Stefania, Vitgar
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Pigro
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Pol


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 30/1/10 9:49 - 7250 commenti

Intellettuale e ricco, sta nel mondo senza partecipazione e calore, finché scopre che un suo studente suicida lo pedinava. L'unica cosa vagamente interessante del film è il soggetto; per il resto, noia e bruttezza hanno la meglio. Raccontata in modo sfibrante, la storia è infarcita di dialoghi vecchi e pretenziosi, finti e teatrali. La recitazione di quasi tutti gli attori è a livelli infimi. Al di là della descrizione (ambiziosa ma non riuscita) di un uomo dissociato dalla propria esistenza, si accumulano solo banalità e piattezza. Mah...
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 31/8/09 8:21 - 5737 commenti

Un film a tesi, tra diritto e filosofia: l’impossibile rifiuto della realtà e del senso etico che ogni azione – consapevolmente o meno – provoca. Sempre distante dall’asfittico panorama cinematografico italiano odierno, Greco resta fedele al suo stile forbito, introspettivo, metafisico, ricercato negli ambienti (Torino e Pisa) e nelle musiche (Bacalov), risonante nella fotografia e corposo nelle recitazioni: lo sfuggente e distaccato Ragno, le evoluzioni caratteriali della Catania, l’eloquio torrenziale della Gravina, le soggezioni di Coltorti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incubo di Ragno. Il fondoschiena nudo della Gravina.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Pol 21/4/11 2:02 - 589 commenti

Non voglio cadere nella trappola "Corazzata cotionkin" vs. "La polizia s'incazza". A me il film d'autore va bene, non è questo il punto. Ma fare un film noioso (eufemismo) che quando sta appena appena diventando interessante... STOP. FINE. Ma come, un'ora e mezza a descriverci la vita di un uomo dedito alla pippa mentale e poi appena porebbe esserci uno snodo narrativo (che poi sarebbe stato il primo) mi pianti tutto così? È come se ti raccontano una barzelletta senza il finale: irritante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quasi in apertura viene piazzato un monologo di un'amica del Nostro, talmente sopra le righe da risultare esilarante: magari fosse stato tutto così...
I gusti di Pol (Comico - Gangster - Thriller)

Stefania 1/9/09 23:50 - 1600 commenti

Il protagonista è uomo pubblico di successo e lui sta al gioco... Come uomo privato, è monade senza porte né finestre, distaccato, in maniera serenamente schizoide, dal suo essere uomo pubblico. Un tragico evento scuote tale equilibrio, il protagonista scopre che quel guscio che doveva custodire il prezioso segreto della sua individualità è dolorosamente vuoto. Molto abile Greco nel narrare attraverso immagini allo stesso tempo raffinate e semplici, molto originale questo film, orgogliosamente, tenacemente freddo.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Vitgar 10/4/17 11:31 - 586 commenti

Intellettuale di successo vive in sprezzante isolamento mentale ma non fisico dal contesto della società di cui ha totale disistima. Un evento particolare gli farà capire che anche volendo nessuno può essere "uomo privato" ma si sarà in ogni caso coinvolti nel bailamme della vita. Film decisamente esistenzialista, ben diretto, soffre forse di interpretazioni non sempre all'altezza. Bravo comunque Ragno con la sua maschera rigida. Interessante il finale con il gioco di luci.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)