Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE MIE NOTTI SONO PIù BELLE DEI VOSTRI GIORNI

All'interno del forum, per questo film:
Le mie notti sono più belle dei vostri giorni
Titolo originale:Mes nuits sont plus belles que vos jours
Dati:Anno: 1989Genere: drammatico (colore)
Regia:Andrzej Zulawski
Cast:Jacques Dutronc, Sophie Marceau, Valérie Lagrange, Myriam Mézières, Laure Killing, François Chaumette, Sady Rebbot, Salim Talbi, Jean-Pierre Hebrard, Michael Goldman, Marc Zammit
Visite:622
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/8/09 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Capolavoro assoluto (e ce ne sono pochi!) a detta di:
    Dr.presago
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Hackett
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Cotola


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 26/8/09 23:58 - 7045 commenti

Il solito Zulawski: assenza di trama e di qualsiasi nesso logico, copiosi ed estenuanti sproloqui (in questo caso spesso in rima) che girano a vuoto, parole in libertà assoluta, “logica senza fili”, salti di pali in frasca, toni pretestuosi, seriosi, presuntuosi e quant’altro. Tutto gratuito e fintamente intellettuale ed autoriale. Solo per zulawskiani incalliti o in ogni caso per chi già conosce lo stile del regista. A vostro rischio e pericolo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Hackett 7/8/17 7:43 - 1603 commenti

Estremamente arduo e criptico, il senso reale di questo film è probabilmente rimasto nella testa del regista polacco che, come al solito, non si fa problemi a rendere accessibile il suo mondo. Nonostante ciò alcuni momenti visivi (il suicidio dei genitori, il finale), il commento sonoro e il senso di decadenza che accompagna tutta la vicenda rendono questo particolare lavoro degno di nota, pur con molte riserve.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Dr.presago 13/9/13 1:14 - 22 commenti

Fra i meno ardui del maestro polacco, questo gioiello esprime con tutta la sua poeticità (il protagonista delira spesso in rima) molti dei temi essenziali dell'opera zulawskiana: la morte come conseguenza dell'amore passando per il possesso. Il virtuosismo stilistico di una regia sempre eccellente appare qui più controllato e a guadagnarne è la "linearità" di una storia ciclica, incapace di trovare risoluzione se non in un ineluttabile epilogo segnato, sancito e presagito da una coppia di intensi flashback. Capolavoro dal pessimismo squisito.
I gusti di Dr.presago (Fantascienza - Giallo - Horror)