Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• TRE DONNE PER UN DELITTO

All'interno del forum, per questo film:
• Tre donne per un delitto
Titolo originale:The Survivors Club
Dati:Anno: 2004Genere: thriller (colore)
Regia:Christopher Leitch
Cast:Roma Downey, James Remar, Jacqueline Bisset, Brian Markinson, Jerry Wasserman, Lorena Gale, Lauren Lee Smith, Belinda Metz, Michael Kopsa
Note:Aka "Il club delle sopravvissute" o "3 donne per un delitto". Film per la televisione. Tratto da un romanzo di Lisa Gardner.
Visite:434
Il film ricorda: Il silenzio degli innocenti (a Zender)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/8/09 DAL BENEMERITO ALE NKF POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/8/09
L’idea del “club delle sopravvissute”, ovvero delle tre ragazze salvatesi dalla furia omicida di un noto stupratore (Darren Shahlavi) che si è limitato a violentarle e che si coalizzano in attesa del processo al killer attirando l’attenzione dei media, sembrava di un’ingenuità destinata ad aprire un thrillerino modestissimo di nessuna utilità. Fortunatamente non è proprio così: prima del processo lo stupratore, riconosciuto grazie al prelievo dello sperma sui luoghi dei delitti, viene ucciso per strada chiudendo (tutti almeno così pensano) la questione. Sbagliato: gli stupri con omicidio riprendono e il commissario (James Remar) non sa più che pesci pigliare. E’ qui che il film rivela a sorpresa la sua principale fonte d’ispirazione, perché entra in scena un intelligentissimo superstupratore (Brian Markinson) rinchiuso da tempo in cella e modellato chiaramente sulla figura di Hannibal Lecter: aiuterà il commissario a comprendere la situazione prendendosi gioco di lui e facendo capire di sapere chi è il vero colpevole ma di non volerlo dire senza niente in cambio. Di fatto si ricostituisce il trio del SILENZIO DEGLI INNOCENTI e il film comincia a farsi finalmente più interessante. Si intuisce che c’è un buon romanzo sotto (firmato da Lisa Gardner), tanto che come sempre avviene in questi casi la carne al fuoco è tanta e articolarla in un’ora e mezza diventa difficoltoso, a scapito prima di tutto di chiarezza e coerenza. Si aprirà un rapporto tra una delle tre sopravvissute (Roma Downey)e il commissario, spunterà il figlio della colpa, conosceremo il Buffalo Bill della situazione... Il tutto però risolto troppo in fretta: non c’è tempo per approfondire i personaggi, c’è da garantire un minimo di azione e le buone intenzioni degli autori restano tali senza riuscire a concretizzarsi in un film riuscito che amalgami decentemente i diversi filoni della trama. Ciononostante come filmtv è un prodotto accettabile, che partendo da buone basi e potendo contare sulla corretta interpretazione di Remar (Jacqueline Bisset resta più in ombra) a suo modo funziona cercando di trasformare il cannibale di Thomas Harris in un più “prosaico” stupratore e seguendo le linee tracciate dal capolavoro di Demme.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Ciavazzaro 19/7/10 21:23 - 4720 commenti

Tre donne stuprate della stessa persona sono sospettate del delitto del loro aguzzino, ucciso di fronte al tribunale. Un detective indaga e le sorprese non mancheranno. Buon thriller televisivo, che rivela alcune gradevoli sorprese nel finale, con la grandissima Jacqueline Bisset e un buon impegno del resto del cast. Pur nei limiti di una produzione tv, notevole.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Ale nkf 15/7/10 21:42 - 803 commenti

Sembrava un film scarso di contenuti e povero di sceneggiatura, invece si rivela un ottimo film con un buon cast tra cui segnalo Roma Downey, che si ricorda per l'interpretazione in Il tocco di un angelo. Manca purtroppo del tempo per approfondire al meglio tutti i personaggi, infatti si riescono soltanto a caratterizzare la protagonista e il commissario Remar. Nel complesso l'idea che tre donne riescano a sfuggire ad uno stupro e si coalizzino tra loro contro lo stupratore è ottima.
I gusti di Ale nkf (Commedia - Giallo - Poliziesco)