Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE LOST

All'interno del forum, per questo film:
The lost
Titolo originale:The Lost
Dati:Anno: 2005Genere: drammatico (colore)
Regia:Chris Sivertson
Cast:Marc Senter, Shay Astar, Alex Frost, Megan Henning, Robin Sydney, Michael Bowen, Ed Lauter, Dee Wallace, Misty Mundae
Visite:1696
Il film ricorda:La grande estasi di Robert Carmichael (a Buiomega71), La rabbia giovane (a Buiomega71)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/8/09 DAL BENEMERITO BRAINIAC

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 11/9/09 11:56 - 2288 commenti

Mah, mah e poi mah. Ok, è tratto da Ketchum, ok, i 20' finali sono brutali quanto basta per saziare i cultori della violenza ieratica, ma per tagliare il traguardo della mattanza si deve attraversare un barboso preambolo di 90' dove la tautologia se la ride sotto i baffi dal suo scranno (leggi: per un'ora e mezza buona non si fa che ribadire che lui è uno sbandato insicuro e pericoloso sempre sull'orlo dello sbrocco incontrollabile, non fosse bastato l'incipit col doppio morto a chiarircelo). Cura formale cucita sul nulla. Siamo lontani dagli esimi risultati di un Girl next door.Molto lontani.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Just like Sharon Tate".
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Daniela 26/2/10 17:46 - 8008 commenti

The Lost è un film mal costruito: prologo che già dice tutto, un lunghissimo intermezzo "repetita juvant" (si, l'abbiamo capito che Ray Pye è uno psicotico fuori di zucca, porco maschilista, cocainomane con mascara, finto neo e lattine schiacciate negli stivali, buono al massimo per sturare cessi) ed infine un epilogo schizzato e sanguinosissimo. Film squilibrato eppure, pur essendo privo di evoluzione psicologica, imprevedibile nei suoi esiti, spiazzante nella sua ferocia, quindi in definitiva molto più interessante di altri del genere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La camminata sbilenca di Ray, interpretato da un attore tanto mimetico che viene il sospetto sia davvero un pazzo bastardo... .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 29/11/10 15:25 - 3562 commenti

Da ricordare questo psicopatico delineato con asciutta perfidia, look ambiguo e programmatico disprezzo per la femmina (che è in noi, aggiungo). Ray infatti non risparmierà nessuno: né colei che lo ha gratificato con forme da pin-up (Kath) né la più normale Sally che ha osato respingerlo. Il tutto senza indulgere in noiosi dettagli da torture porn o salamelecchi alla orientale: anche quando si tratta di uccidere, ci sembra dire, "il tempo è denaro". Fotografia non eccelsa ma che non penalizza l'insieme. Copione e parco attori vanno oltre la media.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Brainiac 21/8/09 1:44 - 1081 commenti

Film mostruoso. Non pensate a Martyrs però, non è un horror tout court, sia chiaro. Siverston fa germogliare l'abominio seguendo la deriva psicologica di un manipolo di personaggi la cui desamina psicologica è dir poco attendibile. Ray è uno squilibrato, preferisce zoppicare grottescamente (con le lattine negli stivali) piuttosto che apparire basso. Marc Senter tratteggia un soggetto spaventoso, un fallito che si attornia di mediocri. Sarà un parossistico bagno di sangue, ma questa volta descritto con cupo realismo. "The lost" è un brutale, turpe, capolavoro.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Mco 12/8/14 23:20 - 2064 commenti

Dalle pagine di Jack Ketchum ai fotogrammi di Siverston ecco servito il delirio di onnipotenza di un ragazzo. Tutto ciò origina dalle frustrazioni personali come la trovata delle lattine negli stivali per apparire più alto o il truccarsi allo specchio dimostrano ampiamente. Sesso e violenza inusitata prendono il sopravvento in lui lungo una climax di terrificante ascesa, sino a deflagrare in un epilogo degno delle mostruosità della banda di Manson. Gli interpreti (Senter su tutti) danno credibilità all'intera vicenda con un'ottima prestazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'epifania dei perfetti seni di Robin Sydney in riva al lago, in uno dei rari momenti di (pseudo) normalità.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Buiomega71 3/6/13 1:01 - 2001 commenti

Dopo un incipt boschivo fulminante e violento si prende una strana piega da film Sundance, con gioventù al degenero, tra un Harmony Korine e sentimetalismi alla Sofia Coppola con scene di sesso insistito (alcune kubrickianamente "velocizzate"). Il tutto con un doppiaggio da chiodi e una mise en scène scarna e poveristica (che sembra uno straight to video anni 80). Poi Siverston, negli ultimi minuti, fa esplodere il tutto in una violenza senza limiti, inaspettata e devastante e chiusa che colpisce come un pugno in faccia. Destabilizzante e non poco disturbante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipt boschivo; Ray Pay che si dispera e masturba davanti alle immagini de La notte dei morti viventi; Tutto il finale sanguinario e sconvolgente.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Mickes2 12/8/12 21:05 - 1551 commenti

Tra le pellicole tratte dai romanzi di Ketchum, probabilmente la meno riuscita. Sceneggiatura un po’ confusa e regia non troppo solida, ma è il tratteggio del contesto e del personaggio principale che lasciano più di un dubbio: se si vuole raccontare la personalità deviata del singolo, la paranoia che sfocia nel delirio parossistico, serve qualcosa di meno macchiettistico e più partecipe; se si vogliono documentare le diatribe di una frangia di società Usa, cittadini e forze dell’ordine, non bisogna tergiversare con inutili storielle sentimentali.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Il ferrini 17/9/16 23:44 - 1463 commenti

Una noia mortale. In questo film non c'è un filo di tensione mai, eppure gli ingredienti ci son tutti: il bosco, lo psicopatico, il caso mai risolto, il paese dove tutti si conoscono, le relazioni morbose, droga, sesso e violenza... insomma non manca proprio nulla e forse è proprio questo il guaio. Un cumulo di abusati cliché senza mordente, senza un sussulto. Non ci si sorprende mai, nemmeno nella carneficina finale e poi il poliziotto (Michael Bowen, agente anche in Jackie Brown) è talmente antipatico da farti tifare per l'assassino.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Greymouser 26/3/10 21:28 - 1441 commenti

Notevole thriller imperniato su una carismatica recitazione da psicopatico, dai toni realistici e verosimili e quindi tanto più disturbanti. Il modello letterario di Jack Ketchum è già una garanzia, ma il regista ci mette del suo meglio per rendere efficace la rappresentazione della follia. Il film emerge nettamente dalla mediocre moltitudine di killer-movies degli ultimi tempi.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 1/11/10 17:45 - 1174 commenti

Tratto da Ketchum ma anni luce distante dalla potenza del successivo The girl next door. Fastidiosamente lungo, indeciso tra registro comico-giovanilistico (amplessi, festicciole a base di canne ed alcool, ancora amplessi) e violenza impassibile alla Natural born killers. Un protagonista macchiettistico e credibile quanto una banconota del Monopoli, una regia patinata e stucchevole e, cosa più grave, un coinvolgimento emotivo ridottissimo (alla fine, delle vicende e dei personaggi non ti frega più una mazza!). Una sotto-pulpata pretenziosa a metà strada tra Araki, Tarantino e Larry Clark.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inaspettata (ma graditissima!) uscita della campeggiatrice nuda dalla cabina nel bosco.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Anthonyvm 4/8/19 19:40 - 925 commenti

Poco equilibrato ma potente e senza troppi pudori: dalla penna di Ketchum arriva questo spietato ritratto di violenza giovanile, insensata e brutale, completamente scevra di filosofia o giustificazioni. Dopo il duplice omicidio iniziale, per circa un'ora e venti accade poco e nulla, ma la tensione che va a crearsi (fra festini andati male, sesso più o meno malato e minacce più o meno implicite) sfocia in un finale ultraviolento che le rende giustizia. Bravi gli interpreti (Marc Senter fa paura) e adeguata la grana "indie" del prodotto. Buono!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le ragazze fucilate senza ragione; I montaggi frenetici inframmezzati da riprese in super 8; L'esplosione di violenza (e gore) nel delirante finale.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)