Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN GIORNO A NEW YORK

All'interno del forum, per questo film:
Un giorno a New York
Titolo originale:On the Town
Dati:Anno: 1949Genere: musicale (colore)
Regia:Stanley Donen, Gene Kelly
Cast:Gene Kelly, Frank Sinatra, Betty Garrett, Ann Miller, Jules Munshin, Vera-Ellen, Florence Bates, Alice Pearce, George Meader
Visite:177
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/7/09 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/11/09 7:15 - 10984 commenti

Vera e propria pietra miliare del musical, Un giorno a New York è il primo film del regista Stanley Donen che curò anche le coreografie insieme a Gene Kelly. Oltre al prestigioso cast, vera e propria protagonista del film è la città americana che funge da sfondo (ed è la prima volta che un musical viene girato all'aperto e non in studio) ai trascinanti numeri musicali che costituiscono l'anima del film. Da non perdere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 9/7/09 8:48 - 7362 commenti

Tre marinai hanno 24 ore di permesso per visitare New York: le passano tra musei e locali notturni, in compagnia di belle ragazze. Un musical di grande presa, con belle canzoni e bei numeri coreografici (Sinatra e Kelly sono una garanzia): insomma, comicità e sentimento ben conditi da musica e ballo. Passato alla storia come il musical che ha sfondato i teatri di posa per approdare nelle strade cittadine, è in realtà un grande spot per NY e per la Marina all'indomani della guerra mondiale. Ma è davvero ben fatto e coinvolgente.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 30/9/19 19:46 - 8238 commenti

Tre marinai in licenza a New York per 24 ore ne approfittano per visitare la città e cercare ragazze... trama meno pretestuosa del solito per legare insieme alcuni numeri di canto e ballo coreografati da Kelly e Donen alla loro prima collaborazione, con un prologo ed un epilogo all'aperto che contrastano gradevolmente con la parte centrale girata i studio come di consueto. Nel cast spiccano Sinatra, sedotto da una tassista intraprendente, e Ann Miller, scatenata studiosa di antropologia. Il film allegro, colorato, tonificante, che è anche uno splendido omaggio alla città.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza ambientata nel museo, culminante con la distruzione dello scheletro di dinosauro.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 11/11/09 16:43 - 4729 commenti

Ottimo. Il cast è fenomenale, la sceneggiatura ben curata, il film si fa guardare con molto piacere. Uno dei musical dell'epoca d'oro del genere, con belle scenografie, molto godibile dall'inizio alla fine. Consiglio vivemente la visione a tutti, di questo ottimo film.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 12/10/16 16:13 - 3115 commenti

Al di là dell'importanza storica, un musical ben girato, ironico e scattante, condito con numeri musicali sufficientemente ironici e fantasiosi da risultare spassosi anche per i non appassionati, con una bella contrapposizione tra una New York tutta frenesia, spazi illimitati e donne sessualmente propositive e la timida cittadina (rievocata in uno dei numeri musicali) da diecimila abitanti con la sua main street e le sue piccole storie. Troppo lungo e avulso dal contesto il lungo frammento teatrale (retaggio dei musical vecchio stile?).
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ziovania 25/6/13 14:36 - 337 commenti

L’operaio dei cantieri navali che avanza ciondolando in apertura del film rappresenta 100 giorni da pecora, mentre i marinai che contemporaneamente scendono dalla nave per una licenza di 24 ore, il giorno da leone. A me pare questo il messaggio; ovvero il musical inteso come strumento d’evasione dalla quotidianità. Una peculiarità rivendicata con forza da autori consapevoli di appartenere a una cultura popolare (ma non per questo insincera) in contrasto a una cultura "alta" che il musical non può e non vuole rappresentare.
I gusti di Ziovania (Commedia - Documentario - Musicale)