Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UOMINI E LUPI

All'interno del forum, per questo film:
Uomini e lupi
Dati:Anno: 1956Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Giuseppe De Santis
Cast:Silvana Mangano, Yves Montand, Pedro Armendáriz, Irene Cefaro, Giulio Calì, Euro Teodori, Giovanni Matta, Guido Celano
Visite:473
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/6/09 DAL BENEMERITO LUCIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 28/7/17 10:31 - 5737 commenti

In quanto a coinvolgimento emotivo e potenza drammatica, un notevole passo indietro rispetto a film anteriori di De Santis come Riso amaro, di cui il regista ripropone il rilievo neorealista nel descrivere un contesto ambientale e sociale (in questo caso la vita dei lupari tra le nevi dell'inverno abruzzese). Prevalgono comunque toni romanzeschi-melodrammatici, i personaggi destano scarso interesse e gli attori non eccellono: meno persuasiva del solito la Mangano, decisamente fuori parte Montand; meglio di loro Armendáriz che, orgoglioso fino all'ottusità, conferisce un'asprezza consona.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lupa che ritrova i due cuccioli; L'attacco dei lupi in paese.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 11/12/11 0:07 - 6728 commenti

Datato e non del tutto riuscito, ha quanto meno un certo valore “documentaristico”: si possono, infatti, vedere antiche figure umane (i lupari) nonché tradizioni ormai scomparse. La storia invece è poca cosa: non intriga più di tanto. Che il risultato sia deludente lo dimostrano le varie vicissitudini produttive cui il film andò incontro: De Santis pretese addirittura, senza successo, che il suo nome fosse tolto dai titoli. Chiariamoci: non male, dopotutto.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 26/10/17 12:33 - 7347 commenti

Sulle montagne abruzzesi innevate, i lupari campano grazie ai premi e alle regalie ricevuti dagli allevatori dopo ogni uccisione. Una vita dura, che consente appena di sopravvivere all'inverno... Valido nelle riprese a carattere semi-documentario, in particolare nelle scene di caccia ed in quelle che vedono i lupi in azione, il film risulta invece assai debole nella trama e nel disegno dei personaggi, stereotipati in senso melodrammatico. Nel trio protagonista, il più convincente risulta Armendariz, mentre sia Mangano che Montand appaiono fuori ruolo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Lucius  20/5/10 1:22 - 2625 commenti

Ancora i temi cari al regista, primo fra tutti la terra, per un film dal sapore di fiaba hollywoodiana degli anni cinquanta. La neve contribuisce a dare fascino ad una pellicola deliziosa e commovente e che vede la Mangano calarsi nel suo ruolo da vera professionista. Un viaggio tra leggenda mito per un lungometraggio a tratti artigianale e ricco d'atmosfera.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arrivo del grande corvo nero sulla neve che spaventa la Mangano e l'attacco al paese del branco di lupi.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Myvincent 21/6/18 8:37 - 2092 commenti

L'antica professione del "luparo", così utile per la salvaguardia del bestiame nelle innevate montagne dell'Abruzzo, è un tema inusitato davvero. Il format è quello di una pellicola melodrammatica, piuttosto semplice, senza troppi approfondimenti psicologici o culturali. Arricchisce il cast internazionale un Yves Montand al solito nel ruolo di sciupafemmine imbroglione ma dal cuor d'oro. La deriva romantica è la sua salvezza, ma anche il suo limite maggiore.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Von Leppe 5/7/18 11:06 - 873 commenti

Il paesaggio abruzzese è una delle cose migliori del film, ma se si pensa che questa regione diverrà fonte di location per western e film di vari altri generi si rimane un po' delusi; soprattutto per una trama portata sullo schermo in modo poco convincente, che si addentra più nel sentimentale che nell'avventura e nel dramma veri e propri (specie se si considera il tema trattato: i cacciatori di lupi). Attori non tutti al massimo, forse per via di certe caratterizzazioni loro assegnate.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)