Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SINGLES - L'AMORE è UN GIOCO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/6/09 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 14/6/09 7:47 - 10881 commenti

Ambientato nella città americana di Seattle (patria del movimento musicale alternativo grunge) a cavallo tra gli anni 80 e 90, Singles racconta le vicende sentimentali di un gruppo di giovani che vivono nello stesso condominio. Diretto dal regista e sceneggiatore Cameron Crowe, Singles è un opera divertente e piacevole e (come sempre nei film di questo regista) con una colonna sonora molto curata. Il suo limite è quello di una sceneggiatura che non approfondisce adeguatamente i personaggi, limitandosi ad un ritratto superficiale. Buono il cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Herrkinski 25/1/14 3:43 - 4335 commenti

Più famosa per le partecipazioni di vari musicisti Grunge (bella la OST) che per effettivi meriti artistici, questa commedia si è comunque ritagliata uno spazio di prestigio nel nascente cinema indie della prima metà dei '90. Dai protagonisti che parlano rivolti alla mdp, passando per il taglio moderno e "giovane", il film s'impone come un piccolo classico ben rappresentativo di quel bel periodo; le storie narrate non brillano certo per originalità o colpi di scena, ma Crowe riesce a mantenere un discreto ritmo e azzecca varie battute. Buono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apparizione di Alice in Chains e Soundgarden; Dillon musicista fallito, con un improbabile look da capellone.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Pumpkh75 2/2/13 18:35 - 1174 commenti

Commediola esile, ambientata nella ribollente Seattle degli anni 90. Ci sono buoni spunti ma quello che manca, per renderla ottima, è un’uniformità di ritmo, con momenti francamente sonnolenti alternati ad altri più vivaci. Il migliore del lotto degli attori è sicuramente uno stralunato Matt Dillon. Per gli amanti del grunge (che poi, alla fine, è il motivo per il quale va recuperato), grande colonna sonora e apparizioni graditissime di Alice in Chains, Pearl Jam e Soundgarden.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)