Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'UOMO DEL BANCO DEI PEGNI

All'interno del forum, per questo film:
L'uomo del banco dei pegni
Titolo originale:The Pawnbroker
Dati:Anno: 1964Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Sidney Lumet
Cast:Rod Steiger, Geraldine Fitzgerald, Brock Peters, Jaime Sánchez, Thelma Oliver, Marketa Kimbrell, Baruch Lumet, Juano Hernandez, Linda Geiser
Note:Soggetto dall'omonimo romanzo dello scrittore statunitense Edward Lewis Wallant pubblicato nel 1961.
Visite:578
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/4/09 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 7/3/10 10:06 - 7282 commenti

Da una parte la tormentosa memoria dei lager, dall'altra le condizioni di povertà e malavita nella Harlem moderna: tra questi due poli si gioca un film capace di esaltare al massimo sia l'aspetto emotivo profondo di un uomo (un più che superlativo Steiger!) incattivito dal dolore, sia l'aspetto sociale di una metropoli con l'umanità nascosta dietro al dio denaro. Eccellenti le immagini naturaliste della città così come quelle claustrofobiche del banco dei pegni. Notevole l'uso del montaggio, saettante e pungente in alcuni momenti. Imperdibile.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 26/5/17 1:42 - 8008 commenti

Perduti moglie e figli nell'Olocausto, venticinque anni dopo un insegnante ebreo emigrato negli USA gestisce a Harlem un banco di pegni frequentato da poveracci, prostitute, tossici e malviventi... Ritratto di un uomo che le sofferenze hanno reso in apparenza arido ed insensibile, narrato intersecando un presente, con la routine in un ambiente angusto, con i ricordi lancinanti del campo di concentramento. La prova di Steiger, al tempo molto lodata, mostra qualche incrinatura ma il il film resta importante sia per i contenuti che per la forma concisa e il montaggio sincopato.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Myvincent 12/5/17 22:40 - 2287 commenti

Un uomo sopravvissuto all'orrore dei campi di sterminio nazisti vive da "morto" nel ricordo di aver perduto tutto senza aver potuto evitare nulla. Il banco dei pegni ora è il suo arido nido. Estenuante pellicola di Sidney Lumet, svetta per i propositi etico-politici, ricamando un racconto attorno alla performance di Rod Steiger, tanto robusta e solida quanto sopra le righe: una maschera tragica che qualche volta sfiora il patetismo. Comunque un gran film, nonostante il ritmo soporifero.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Luchi78 19/12/12 9:58 - 1521 commenti

Grande pezzo di cinema, probabilmente sottovalutato dal grande pubblico ma di sicuro impatto emotivo. La grande interpretazione di Rod Steiger e la regia superlativa di Lumet rendono giustizia a un tema delicato come quello del ritorno alla vita quotidiana di un ebreo dopo la sconvolgente esperienza nei lager tedeschi. Una sorta di contrappasso tra l'aspetto più materiale della vita (non a caso il protagonista lavora in un banco dei pegni) e il ricordo del terrore e della morte che apre gli occhi su orizzonti più ampi.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Pessoa 13/3/17 23:12 - 1003 commenti

Grande lezione di cinema di Steiger, la cui tracotante baldanza (che gli farà vincere l'Oscar qualche anno dopo) lascia il posto a un personaggio triste e oscuro cesellato con sguardi e silenzi, il cui valore universale trascende il momento storico. La vicenda presenta una trafila di personaggi che interagendo con il protagonista ne rivelano i misteri. La sceneggiatura mostra qualche vuoto che però si sente poco grazie alla bravura degli attori. Ineccepibile e rigorosa la regia di Lumet. Un piccolo capolavoro dimenticato che andrebbe visto.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Alex1988 14/11/18 18:36 - 544 commenti

Forse uno dei film più duri realizzati da Sidney Lumet, nel narrare la realtà urbana ostile e allo stesso tempo il dramma del protagonista, tormentato dai propri fantasmi del passato, incapace di sconfiggerli. Un magistrale Rod Steiger (premiato a Berlino) più dimesso del solito al servizio di una regia dimessa pure lei ma allo stesso tempo vigorosa. Merita certamente una visione.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)