Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SETTE ORE DI GUAI

All'interno del forum, per questo film:
Sette ore di guai
Dati:Anno: 1951Genere: commedia (bianco e nero)
Regia:Vittorio Metz, Marcello Marchesi
Cast:Totò, Clelia Matania, Carlo Campanini, Isa Barzizza, Giulietta Masina, Mario Castellani, Galeazzo Benti, Ughetto Bertucci, Gildo Bocci, Alberto Sorrentino, Liana Del Balzo, Carlo Mazzarella
Note:Aka "7 ore di guai".
Visite:920
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Primo incontro di Totò con la farsa di Eduardo Scarpetta (e unico non diretto da Mattoli), che i sei sceneggiatori (le coppie Metz/Marchesi, Age/Scarpelli più Alberto Vecchietti ed Eduardo Passarelli, vecchia spalla di Totò ed eccellente nel ruolo dell’avvocato Espinaci) hanno tratto dal mediocre “‘Na creatura sperduta”. Benché generalmente snobbato dalla critica, SETTE ORE DI GUAI mantiene ancora oggi, nella prima parte almeno, una comicità per nulla disprezzabile, anzi frutto di alcune tra le migliori performance di Totò. Scomparso poche ore prima del battesimo suo figlio di sette giorni, Totò comincia a cercarlo con i due “compari” improvvisati incorrendo in una serie di qui pro quo causati in gran parte dall’iperbolica distrazione dei vicini di casa, i Romolini (Carlo Campanini, Giulietta Masina e Mario Castellani), anch'essi con neonato a carico. I duetti di Totò con Passarelli (col quale si ritaglia un vero e proprio sketch degno di Stanlio e Ollio, travestito da imbianchino pronto per stendere la carta da parati), la Barzizza, Campanini e Castellani sono in alcuni casi esilaranti. Peccato che la regia di Metz e Marchesi si perda i fastidiose lungaggini nell’inutilmente acrobatica (troppo diluita la sequenza sul cornicione) mezz'ora finale, altrimenti potremmo parlare di un ottimo prodotto comico, con qualche tocco geniale non da poco (la distrazione dei Romolini raggiunge livelli a tratti sublimi) e una sceneggiatura capace di trattenere l'esuberanza improvvisativa di Totò non castrandola affatto. Purtroppo la parentesi “fuori porta” è tutta da dimenticare e occupa troppo tempo per essere registrata come “breve momento interlocutorio”...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Lovejoy 22/10/08 17:53 - 1825 commenti

Film poco conosciuto del grande comico napoletano ma decisamente da riscoprire. Gag a iosa, ritmo effervescente (sopratutto nella parte finale) e un Totò più esplosivo che mai sono i pregi di questo film. Notevole anche il resto del cast, su cui spiccano la Barzizza, Campanini e il fedele Castellani. Buono.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 20/6/17 15:45 - 5874 commenti

Uno dei film meno celebri di Totò, ma comunque molto divertente, sfrutta una trama di base molto elementare per una serie di equivoci e corse rocambolesche per ritrovare un bambino. Totò è scatenato, frena i suoi marionettismi per costruire un personaggio molto simpatico e abbastanza realistico (fantastici i duetti con Passarelli) e attorno a lui si muovono macchiette indovinate come quella del trio Campanini-Masina-Castellani. Bel ritmo, non male regia e musiche.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Minitina80 15/10/16 18:40 - 1992 commenti

Partendo da un copione abbastanza esile e più adatto per le tavole di un palcoscenico si innestano una serie di situazioni comiche che si concedono addirittura il lusso di sconfinare nel surreale. La regia per gran parte del tempo è svelta e concisa, salvo nell’ultima parte in cui decide di diluire eccessivamente la sostanza. Totò è slegato dalla maschera di marionetta e incanala la sua verve nel personaggio ottenendo ottimi risultati. Ingiustamente poco considerato, meriterebbe una rivalutazione, sebbene non sia un capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Totò che insiste con i Romolini che sbagliano sistematicamente il cognome “De Pasquale”.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Gabrius79 15/6/17 0:30 - 1117 commenti

Commedia poco conosciuta di Totò sostenuta da un buon ritmo (specie nella seconda parte) ed è abbastanza ricca di gag e tormentoni tali da garantire diverse risate. Totò sempre bravo a improvvisare e il cast di contorno come la Barzizza e Caatellani si regola positivamente di conseguenza. Occhio alle due giovani Bice Valori e Giulietta Masina. Sicuramente da riscoprire.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Graf 10/9/13 3:39 - 627 commenti

Film tutto di corsa di Totò diretto per l’unica volta da Marchesi e Metz. Un modesto sarto smarrisce il figlio nato da pochissimo per colpa di una balia sbadata. Da qui si innesta il moto perpetuo del film che ben presto acquista l’andatura affannata di una comica muta alla Mack Sennet. In fondo il copione teatrale originale di Scarpetta non è granché ma il film ha un gran ritmo, alterna gag demenziali ad acute notazioni psicologiche e a precisi dettagli ambientali, ha caratteristi all'altezza e diverte fino alla fine in modo intelligente e garbato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I curiosi baffetti di Totò; Totò sull'autobus quando cerca di andare d'accordo contemporaneamente con l'opinione di ciascun passeggero.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)