Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CAMPAGNOLA BELLA

All'interno del forum, per questo film:
Campagnola bella
Dati:Anno: 1976Genere: erotico (colore)
Regia:Mario Siciliano
Cast:Franca Gonella, Gianni Dei, Femi Benussi, Filippo Torriero, Carla Calò, Riccardo Garrone, Aldo Alori, Magda Konopka, Paola Corazzi, Enzo Andronico, Giovanni Sabbatini, Elga Pellegri, Bruno Tocci, Alessandra Palladino, Antonello Baranta
Note:Aka "La campagnola bella". Musiche di Carlo Savina; scritto da Piero Regnoli.
Visite:1239
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/10/10 DAL BENEMERITO RONAX

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Ronax
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Marcolino1


ORDINA COMMENTI PER:

Ronax 12/10/10 0:23 - 814 commenti

La bella campagnola è la biondissima Franca Gonella, ai tempi prezzemolina della produzione erotica italiana di serie z, attorniata da altre più o meno procaci bellezze agresti fra cui primeggia per indiscusso charme Femi Benussi. Firmata da Siciliano con uno dei più deliziosi reperti del suo parco pseudonimi (l'aspetto incontestabilmente più creativo di questo autore), la scollacciata favoletta si dipana in modo sconclusionato ma in fondo meno becero di tante pellicole concorrenti del periodo. Gianni Dei è incredibilmente quasi sopportabile.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Marcolino1 24/6/17 14:21 - 376 commenti

Molte perplessità ha lo spettatore nel giudicare vergine il personaggio interpretato dalla Gonella coinvolta in questa serie di gag disordinate dove si sorride qua e là, senza troppe pretese e dove l'eros si limita a un teasing di scollature, slip intravisti dal di sotto e spogliarelli nel bar del paesino. I luoghi comuni si ripetono anche nelle parlate dialettali e regionali e nella parodia dei militari, tutto visto e stravisto. Almeno un messaggio del regista c'è: la critica nei confronti dell'industrializzazione che cancella la civiltà agricola.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il furgoncino che fa le pernacchie.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)