Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A MIA SORELLA!

All'interno del forum, per questo film:
A mia sorella!
Titolo originale:À ma soeur
Dati:Anno: 2001Genere: drammatico (colore)
Regia:Catherine Breillat
Cast:Roxane Mesquida, Anaïs Reboux, Libero De Rienzo, Arsinée Khanjian, Romain Goupil, Laura Betti
Visite:653
Il film ricorda:Avere vent'anni (a Bubobubo), L'adolescente (a Buiomega71)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/3/09 DAL BENEMERITO CAPANNELLE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 27/12/12 2:23 - 6799 commenti

Ennesimo film pretenzioso, arrogante e supponente della Breillat: ancora una volta una pellicola ricca di dialoghi noiosi e leziosi che vorrebbero essere "alti" ma che in realtà sono di una banalità sconcertante e non arrivano da nessuna parte (mio parere personale, ovviamente). Ogni tanto un po' di sesso qua e là (in questo caso ben più casto che altrove) e la frittata, insipida e di cattivo sapore, è fatta. Insincero come dimostra il vergognoso finale poichè del tutto gratuito ed ingiustificato oltre che fuori contesto, considerato quanto visto fino ad allora.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Capannelle 2/3/09 15:06 - 3470 commenti

Due sorelle in vacanza: quella carina si fa sverginare (non entro nei dettagli) dal ragazzino infingardo nella stessa stanza in cui dorme quella cicciottella. Lei si sorbisce il tutto ma non dirà nulla ai genitori. Fino all'ultima scena sembra un film, dal taglio originale ma lentuccio, sui problemi adolescenziali e sull'incomunicabilità coi genitori. Poi...
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Lucius  3/12/09 1:55 - 2655 commenti

Una pellicola interessante. Secondo me, con Perfect love, la migliore realizzata dalla Breillat. Un'apparente freddezza riesce a coinvolgere lo spettatore in un film dolce e intimista, a tratti duro. Le due sorelle sono perfette e Laura Betti riconferma ancora una volta il suo talento. Il film scorre piacevolmente fino all'inaspettatissimo finale in cui lo stesso converge nella violenza e nel sesso estremo. Impressionante, seducente, coinvolgente.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Didda23 23/12/12 20:16 - 1986 commenti

Sconcertante opera in cui la Breillat scrive una sceneggiatura al limite del patetico, farcendola di inutili e lunghissimi dialoghi. Vorrebbe declinare le turbe sentimentali e sessuali di due ragazze alle prese con le prime pulsioni, ma il risultato finale lascia alquanto insoddisfatti. Osceno e gratuito il finale violento, davvero incoerente con il resto. Noiosissimo.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Buiomega71 3/7/14 0:34 - 1858 commenti

Breillatiano fino al midollo (peni in erezione, folte vagine, liquami organici, dialoghi pretenziosi). Dopo una prima parte narcolettica (l'insistenza di Rienzo per infornare da dietro la Mesquida mette a dura prova la pazienza) arriva un prefinale on the road di sincero e inquietante realismo destinato a sfociare in un finale feroce e inaspettato che arriva come un pugno in faccia. Degna di nota "Venne carnevale" dei Tavernanova che sottolinea i momenti salienti. Femmineo, torbido, odoroso di umori carnali e di sessualità rubata. Sicuramente non per tutti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Anais che parla da sola a fidanzati immaginari nuotando in piscina; De Rienzo si infila il preservativo sul pene in erezione; Lo sconvolgente finale.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Fauno 6/11/13 11:11 - 1734 commenti

La Breillat non la conoscevo per nulla, ma come regista mi è parsa abbastanza battagliera. Qui non c'è molto scampo per i sentimentalismi, c'è selezione naturale: chi non sa fare il proprio mestiere di vivere la vita viene raso al suolo, mentre chi usa l'autolesionismo in silenzio, come implicita forma di protesta e disgusto, alla fine si riscatta. Quel che vuol far capire è che la normalità poco convinta, come il far figli un tanto al chilo, rappresenta il vero disastro e io non posso che abbracciare questa tesi. Delle due è un film troppo breve...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il comportamento della madre, per tutto il film e in particolare in auto, al ritorno dale vacanze, ha dell'abominevole.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Mickes2 29/12/12 4:34 - 1550 commenti

Pellicola - diretta da una donna – dall’animo ambiguamente maschile rivolta all’universo adolescenziale femminile. Morbosetta-gattamorta Breillat inscena una pretestuosa e patetica storiella di esplorazione sessuale vista attraverso gli occhi di due sorelle completamente differenti. Ne consegue un mezzo vuoto pneumatico, didascalico, logorroico, artificioso e fintamente ideologico. Finale fumoso che nemmeno Dogville. Peccato, per giunta, non venga assolutamente sfruttata l’enorme carica erotica dell’allora giovanissima Mesquida. Innocuo.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Bubobubo 18/11/18 15:52 - 438 commenti

Scandalo è chi lo scandalo fa: e quindi via di (auto)body shaming, noiose vite di sdrucita borghesia movimentate tra un bacio rubato e un rapporto proibito, il volteggiare elettrico della tensione fra le tre donne di casa che si scarica improvvisamente, per mano esterna, in un finale che per gratuità e brutalità quasi fa rimpiangere Avere vent'anni. Il fatto è uno: il film è scarso e intellettualmente disonesto, ma perché tutti sembrano convenirne solo adesso, quando è almeno dagli anni '70 che si girano certe schifezze a mano libera?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, che realizza - in maniera imprevista - il desiderio sessuale della sorellina più piccola.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Aal 16/8/10 14:08 - 244 commenti

Film forzatamente intimista ed intellettualistico. Il tema sempre interessante del "coming of age" è qui reso con freddezza ed apparente distacco: un minimalismo falso e pretenzioso. Nondimeno però la ragazzina grassa offre una prova convincente e il suo personaggio da solo regge tutta la baracca. Molto toccante la canzoncina che ogni tanto canta a se stessa. Il finale però è del tutto assurdo e sembra davvero "buttato lì" tanto per aggiungere un po' di violenza gratuita. I francesi nell'arte a volte peccano di presunzione.
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)